• Biografia
  • agenda
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > agenda > La politica e la poetica di Oliviero Beha alle Muse
    27
    mar.
    2014

    La politica e la poetica di Oliviero Beha alle Muse

    Condividi su:   Stampa
    olivierobeha

    Sabato 29 marzo alle ore 18.00, Teatro delle Muse (Ancona),foyer di prima galleria un appuntamento da non perdere con La politica e la poetica di Oliviero Beha, introduce: Valentina Conti, interviene: Oliviero Beha.

    Un incontro pubblico unico, in cui Oliviero Beha racconterà il suo duplice mestiere di giornalista e scrittore. Innanzitutto a partire dai suoi lavori più recenti, ovvero i suoi saggi di taglio politico e sociale “I nuovi mostri” (Chiarelettere) e “Il culo e lo stivale” (Chiarelettere), fino ai testi romanzeschi e poetici “Eros Terminal” (Garzanti) e “Meteko” (Aragno).

    Nell’ultimo libro, “Il culo e lo stivale”, la penna graffiante di Beha ritrae un’Italia ancora all’insegna del berlusconismo nei valori e nello stile di vita, precipitata nel “cul de sac di un presente e di un futuro tanto nebulosi e atterrenti”. Anche ne “I nuovi mostri”, l’autore descriveva un “paese senza intellettuali”, nelle fauci di un’informazione truccata e “un’opinione pubblica imbalsamata”. Ma non tutto è perduto, già in “Italiopoli” Beha tracciava un “breviario per chi crede ancora nella possibilità di reagire e invertire la marcia della nostra italica degenerazione”.

    Di tutto questo, e molto altro ancora, si parlerà sabato 29 marzo alle 18 al Teatro delle Muse (foyer di prima galleria) durante l’incontro pubblico organizzato dalla Libreria delle Muse: “la politica e la poetica di Oliviero Beha”.

    Oliviero Beha, giornalista e scrittore, è nato a Firenze nel 1949, si è laureato in Italia in Lettere (Storia medievale) e in Spagna in Filosofia (Storia d’America). Inizia a fare il giornalista con «Tuttosport» e «Paese Sera». Dal 1976 al 1985 è a «la Repubblica», come inviato, poi editorialista e commentatore anche politico per «Rinascita», «Il Messaggero» e «Il Mattino» (e successivamente per «L’Indipendente»), nel 1987 dà inizio alla sua attività televisiva con Andrea Barbato conducendo “Va’ pensiero”. Nel 1991 progetta e realizza “Un terno al lotto”. Nell’aprile 1992 dà vita a Radio Zorro. Dopo una serie di saggi, nel 2009 pubblica “I nuovi mostri” (Chiarelettere) e il romanzo Eros Terminal (Garzanti), mentre nel 2010 esce “Dopo di lui il diluvio” (Chiarelettere). È editorialista de «il Fatto Quotidiano» fin dalla sua fondazione (2009). Dal gennaio 2010 conduce su Rai Tre la trasmissione “Brontolo”. Nel 2012, ha pubblicato per Chiarelettere “Il culo e lo stivale. I peggiori anni della nostra vita”.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook