• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Bufale dell’internet
    18
    dic.
    2003

    Bufale dell’internet

    Condividi su:   Stampa

    E' tornata a circolare una vecchia bufala diventata ormai oggetto di preoccupazione per molti. L?e-mail che potreste ricevere racconta la storia dei genitori...

    di una bambina di 10 anni, Rachele, affetta da leucemia, che stanno cercando denaro per un’operazione costosissima. Rachele non esiste.

    Qui sotto riportiamo il testro della e-mail:

    Oggetto: Falla girare per aiutare una bambina

    Se la cestinerete davvero non avete cuore.
    Salve, sono un padre di 29 anni. Io e mia moglie abbiamo avuto una vita meravigliosa. Dio ci ha voluto benedire con una bellissima bambina. Il nome di nostra figlia ? Rachele. Ed ha 10 anni. Poco tempo fa i dottori hanno rilevato un cancro al cervello e nel suo piccolo corpo. C’? una sola via per salvarla ? operare. Purtroppo, noi non abbiamo denaro sufficiente per far fronte al costo.
    AOL e ZDNET hanno acconsentito per aiutarci. L’unico modo con il quale loro possono aiutarci ? questo: Io invio questa email a voi inviatela ad altre persone. AOL rilever? la traccia di questa e-mail e calcoler? quante persone la riceveranno. Ogni persona che aprir? questa e-mail e la invier? ad altre 3 persone ci doner? 32 centesimi.
    Per favore aiutateci.
    Con sincerit?,

    George Arlington
    Barbara Varano
    Laboratorio di Virologia
    Istituto Superiore di Sanit?
    V.le Regina Elena 299
    00161 Roma, Italy

    Ad oggi non esiste alcuna tecnologia che possa permettere ad AOL di tener traccia, al di fuori della propria rete, di un giro vorticoso di email di questo tipo;

    I Provider citati, AOL e ZDNET, non hanno alcuna sede Italia e per questo non possono essere contattati;

    Il numero di telefono riportato nella firma digitale, che per ovvi motivi non abbiamo riportato in questa scheda, ? stato preso d?assalto e, in seguito, disattivato. Immaginate cosa potrebbe succedere se qualcuno diffondesse tramite un Hoax, il vostro numero di casa!;

    Questo genere di ?truffa via Internet? non solo crea inutili allarmismi ed enormi fastidi a chi viene tirato in ballo, come l’Istituto superiore di Sanit?, ma intasa le caselle di posta degli utenti e i server di posta dei Provider Internet, con un aggravio dei costi e una notevole perdita di tempo.
    Altro problema ? dato dal fatto che in molti inoltrano questa email aggiungendo, in chiaro, gli indirizzi di posta elettronica: questo spesso consente a terzi di raccogliere e utilizzare quegli indirizzi in un secondo momento, per esempio per effettuare spam, cio? pubblicit? non richiesta.

    Se doveste ricevere l’e-mail sopra riportata potete rispondere a chi l’ha mandata segnalando questo link:http://www.behablog.it/dettnews.php?idn=88

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook