• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’auditorium della discordia
    15
    gen.
    2004

    L’auditorium della discordia

    Condividi su:   Stampa

    Non capita tutti i giorni che un grande architetto, come il brasiliano Oscar Niemeyer, che ha firmato oltre 500 edifici nel mondo e l?intera citt? di Brasilia, regali un proprio progetto. E? accaduto al Comune di Ravello, sulla costiera amalfitana, che in dono ha ricevuto il progetto di un Auditorium da 400 posti, che potrebbe diventare la sede permanente del Festival musicale che da oltre 50 anni si svolge nella cittadina salernitana.

    L?amministrazione comunale ha individuato l?area nella quale realizzare l?opera, la Regione Campania ha stanziato 18 milioni e mezzo di euro. Ma contro la realizzazione del progetto ? che ha gi? ottenuto tutte le autorizzazioni urbanistiche – si sono schierati, con un ricorso al Tribunale Amministrativo della Regione Campania, i proprietari del terreno e due associazioni ambientaliste: Italia Nostra ed il WWF.

    Secondo i firmatari il progetto non rispetta le norme fissate dal Piano Urbanistico Regionale, che a tutela di un?area straordinaria come la costiera amalfitana, vieta la realizzazione di qualsiasi opera in assenza di un Piano Regolatore Generale. Ed il Comune di Ravello un Piano Regolatore Generale non ce l?ha ancora.

    Il sindaco di Ravello, i sostenitori del Festival e Legambiente ribattono invece che le norme regionali prevedono delle deroghe per la realizzazione di opere di edilizia pubblica destinate a scopi sociali e culturali e che l?Auditorium solo come tale pu? essere considerato. Sull?interpretazione delle leggi decideranno ora i giudici del Tribunale Amministrativo regionale.

    Ma al di l? dell?aspetto normativo ? chiaro che la vicenda dell?Auditorium di Ravello, che ha registrato una insolita, quanto violenta spaccatura nel fronte ambientalista, rivela una divergenza sull?idea di conservazione del territorio. Un?area unica come la costiera amalfitana va preservata da qualsiasi tipo di intervento urbanistico? E? giusto rinunciare all?idea di lasciare, anche in un contesto come questo, un segno della modernit?, come pu? essere l?opera di un grande architetto? E come si coniugano, in questo quadro, le necessit? di sviluppo e le esigenze di conservazione?

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook