• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Caro cappuccino: pronte migliaia di nuove cause
    19
    gen.
    2004

    Caro cappuccino: pronte migliaia di nuove cause

    Condividi su:   Stampa

    Da www.corriere.it Una barista era stata condannata per l'aumento ingiustificato Caro cappuccino: pronte migliaia di nuove cause Il Codacons ? subissato dalle richieste dei cittadini che dopo il verdetto di Civitavecchia vogliono intentare azione legale ROMA - Tutti ora vogliono il risarcimento. Da questa mattina il Codacons ? subissato dalle richieste dei cittadini che, avendo appreso la notizia della prima causa vinta per arrotondamento dei prezzi al rialzo nella conversione lira/euro - causa intentata dal Codacons contro un bar di Ladispoli che il primo gennaio 2002 ha portato il prezzo del cappuccino da 1.500 lire a 1 euro - intendono avviare la stessa causa.

    LE PROTESTE – Ecco perch? il Codacons ha inserito sul proprio sito internet una guida pratica attraverso la quale i consumatori possono ottenere info utili sulla questione e far valere le proprie ragioni. Ma chi pu? intentare una causa contro l’arrotondamento per eccesso dei prezzi? In sostanza tutti i consumatori il cui negoziante non abbia rispettato i principi fissati dalle legge nella conversione dei prezzi dalla lira all’euro. In ogni caso, fa sapere il Codacons, chiunque abbia conservato scontrini o documenti o anche semplici testimonianze degli avvenuti arrotondamenti per eccesso pu? intentare causa dinanzi ai giudici di pace.
    Da www.corriere.it

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook