• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Spazio alle vostre segnalazioni
    22
    gen.
    2004

    Spazio alle vostre segnalazioni

    Condividi su:   Stampa

    Superpippa Channel? "Ho da poco tempo l'abbonamento a Sky, opzione completa, decoder Sky comprato tutto a 99 euro. Al momento dell'attivazione sono stati selezionati automaticamente i canali, con il decoder Sky viene data la possibilit? di selezionare 20 canali in chiaro oltre quelli che d? la selezione automatica, la solita lista dei preferiti, e il parental control per i programmi non adatti ai minori. Il problema ? sorto quando tra i canali selezionati automaticamente in chiaro trovo Superpippa Channel. Purtroppo non ? un canale che fa vedere la compagna di Pippo o l'amica di Topolino ma che promuove linee telefoniche porno, filmetti dello stesso genere barzellette sempre sullo stesso argomento etc., materiale comunque non adatto a minori...

    Pazienza, ormai ? ordinaria amministrazione, ma avendo bambini in casa voglio eliminare il canale incriminato. Sul manuale di istruzioni non trovo istruzioni al riguardo. Telefono all’assistenza tecnica Sky, e un ragazzo molto gentile mi spiega un po’ costernato, dopo circa 20 minuti di consultazioni con i tecnici, che con questo decoder non posso eliminare le frequenze e che il parental control funziona solo sui programmi Sky. Credo di dover comprare un decoder, Sky compatibile, che preveda la semplice opzione di eliminare le frequenze indesiderate. Scrivo per i non amanti del genere Superpippa (che nome…).”
    BehaBlog ringrazia: Antonella da Roma
    ADSL Tiscali canone zero
    “Aderii ad una proposta telefonica di servizio adsl Tiscali canone zero. Ricevetti la visita del loro installatore, il quale, dopo un’ora di tentativi, constat? l’instabilit? della portante e quindi mi sconsigli? l’installazione; redasse un rapporto in duplice copia (una per me ed una per Tiscali) e se ne and?. Il costo del servizio, di 78 Euro, doveva includere l’installazione, la concessione in comodato d’uso di un modem adsl ed il relativo software. Il 5/12/03 ricevo tramite posta elettronica la fattura relativa, letta la quale, non ritenendo giusto il dover pagare un servizio che non ho MAI utilizzato, contatto Tiscali…Dopo mezz’ora di attesa telefonica mi viene detto di inviare una raccomandata con le mie ragioni alla gestione contratti. Invio la raccomandata ed intanto pago la prima fattura tramite carta di credito. In data 12/01/04 ricevo sempre tramite E-mail un’altra fattura questa volta di 120 Euro; ricontatto Tiscali e dopo cinquanta minuti di radio tiscali mi si dice che questa fattura riguarda il costo dell’installazione.
    Ora mi dica lei se ? possibile che loro possano stipulare un contratto con una telefonata mentre noi NON riusciamo a NON pagare ci? che NON abbiamo?
    Se decideste di contattarli, nella preselezione a tasti scegliete l’opzione di sottoscrizione nuovo contratto, cos? vi risponderanno entro pochi minuti.
    BehaBlog ringrazia: Oliviero Storello
    Biglietti magnetici e smart card
    “Da un paio d’anni a questa parte Trambus, azienda di trasporto del Comune di Roma, ha attivato un sistema di pagamento basato su biglietti magnetici e “smart card”.Tralasciando ogni considerazione sulla utilit? e sui costi di esercizio di un sistema cos? complesso, vorrei limitarmi a segnalare uno spiacevole effetto collaterale: milioni e milioni di biglietti non biodegradabili (a causa della banda magnetica) prodotti ogni anno.”
    BehaBlog ringrazia: Paolo Gaeta
    Dimostrare di essere sé stessi (al 187 della Telecom)
    “La settimana scorsa navigando in internet sono entrato per la prima volta in www.187.it, il portale Telecom con interessanti servizi online, con la possibilita fra l’altro di poter controllare on line i consumi della propia linea, fatturazione ecc.ecc. Fantastico dico io, finalmente un servizio veramente utile, e cerco di utilizzarlo. Inizia qui un calvario che non desidererei per nessuno, ma che pu? essere molto interessante per farci capire in che mondo viviamo e cosa pu? portare un eccesso di tutela della privacy (vedi Parmalat e la Banca d’Italia) o dell’impossibilit? di avere un po’ di buon senso.
    Per poter accedere al servizio devo registrarmi, mi dice la finestra di riferimento. Niente di pi? facile penso io, e digito il mio codice fiscale che mi viene richiesto come unica informazione al primo passo; dopo un po’ una compassata finestra mi comunica mestamente “utente gi? registrato, torni indietro”. Ritorno indietro al login e penso a cosa fare. Vedo la finestra “password dimenticata” e la clicco pensando che forse la macchina ? disattenta e magari me la manda di nuovo… risposta della finestra: “per rigenerare la password inserisca il suo username” – un momento, dico io! Ma io non ho uno username perche non mi sono mai registrato, e allora che faccio? Provo alcuni dei miei username ma la macchina ? inflessibile “username inesistente” (tu a me non mi freghi eheheh!). Molto frustrato comincio ad avere pensieri omicidi e distruttivi contro il mio bel laptop che poverino non c’entra per niente e cerco disperatamente una soluzione. Ma come ho fatto a non pensarci prima dico io, sono propio un navigatore da strapazzo. Basta mandargli un e-mail e loro sistemeranno tutto, penso io, altrimenti cosa ci sta a fare il customer care. Gi?, niente di pi? semplice, e cerco un indirizzo e-mail per contattarli ma con disappunto noto che non c? un indirizzo e-mail. L’unico sistema per poter comunicare ? entrare in “trova e risolvi”, selezionare un argomento che interesssa e poi cliccare su “contattaci”. Peccato che dopo aver fatto questo la finestra mi comunica un messaggio di errore e cos? sono al punto di partenza. Cerco di calmarmi e tefefono al 187 e la risposta pi? eloquente ?: “se vuole le posso dare una dritta”… Come sarebbe a dire una dritta, io ho bisogno di informazioni precise e non di dritte. Cos? ho iniziato la mia odissea fra ufficio, internet, linee guaste, rabdomanti empirici, ma alla fine erano tutti sconsolati e mi dicevano che loro non c’entravano. Eeh!!! Dopo almeno 10 telefonate e due ore di tempo perso ho trovato una caritatevole ragazza che si ? impegnata per me a comunicare la mia richiesta, in quanto non avevo ancora trovato dietro al telefono una persona che mi potesse dare risposte concrete. Oggi sono stato contattato da un impiegato Telecom (suppongo) e gli ho spiegato il mio problema (gongolavo dentro di me per la felicit?) pensavo di poter risolvere finalmente quella che per me era diventata una questione di principio ma… Kafka era in agguato. La signora mi comunicava laconicamente che qualcuno aveva utilizzato il mio codice fiscale (tra l’altro facilmente reperibile) per registrarsi (non si sa bene se per dolo o per disattenzione) e che quindi per la legge sulla privacy non potevano resettare la password e, udite udite, non me ne potevano dare una nuova, in quanto per un codice fiscale pu? esserci solo una password, che pu? essere modificata solo da chi si ? registrato. Quindi in parole povere debbo subire un sopruso da parte di chi lo ha perpetrato e non posso farci assolutamente niente. Come consolazione mi ha consigliato di registrarmi con il codice fiscale di mia moglie… solo che a causa della solita privacy l’utilizzo del sito sar? molto limitato e io non potr? vedere i dati che mi interessano perche non posso dimostrare di essere me stesso… niente male no?
    Gradirei commenti, aiuto e sostegno morale.”
    BehaBlog ringrazia: Luciano Nardin

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook