• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Strage a madrid: 190 morti
    11
    mar.
    2004

    Strage a madrid: 190 morti

    Condividi su:   Stampa

    Da www.corriere.it - edizione straordinaria Domenica in Spagna le elezioni. Sospesa la campagna elettorale Madrid colpita da tredici bombe, ? strage Dieci sono esplose: 186 morti e mille feriti in 3 stazioni. Governo: ?Attentato dell'Eta?. I baschi: ?Sono stati gli arabi? MADRID - Una stazione a Madrid e due negli immediati dintorni sono state investite gioved? alle 7,39 da dieci violente esplosioni che hanno causato una strage. Il bilancio sale di ora in ora: ci sono almeno 186 morti e oltre mille feriti. Altre tre bombe sono state rinvenute dagli artificieri e sono state fatte brillare.

    La Farnesina ha riferito che nessun italiano sarebbe tra le vittime.
    ?Si tratta di un attentato contro la democrazia da attribuire alla banda criminale di assassini dell’Eta basca?, ha detto il portavoce del governo spagnolo Eduardo Zaplana. Il ministro dell’Interno spagnolo Angel Acebes ha aggiunto poi che l’Eta ?ha raggiunto il suo obiettivo perpetrando un massacro? a Madrid.
    Domenica in Spagna sono previste le elezioni generali, ma subito dopo gli attentati i partiti hanno deciso di sospendere la campagna elettorale.
    Arnaldo Otegi, dirigente di Batasuna, braccio poliltico degli indipenentisti baschi messo fuorilegge, ha smentito qualsiasi legame degli attentati con l’Eta attribuendoli invece ?alla resistenza araba?.
    Da www.corriere.it – edizione straordinaria

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook