• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Comunicato stampa lav
    18
    mar.
    2004

    Comunicato stampa lav

    Condividi su:   Stampa

    CACCIA ?DI TUTTO DI PIU??, ALLA CAMERA SI TRASMETTE LA GALLERIA DEGLI ORRORI: 10 LEGGI KILLER E DUE PROPOSTE DI LEGGE SPARA-GABBIANI. APPELLO LAV A MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE: BASTA CON QUESTO GIOCO AL MASSACRO DEGLI ANIMALI! L?ordine del giorno della Commissione Agricoltura della Camera sembra il palinsesto di una tv-pulp: ?oggi trasmetteremo la galleria degli orrori presentata dall?on. Onnis, seguiranno le stragi dei gabbiani presentate dall?on. Bellotti?. Nonostante lo stop del Presidente Berlusconi al Disegno di Legge Alemanno sulla ?deregulation filocaccia?, a Montecitorio ritorna ?doppietta selvaggia?:

    da una parte le 10 Proposte di Legge depositate da deputati del centrodestra e del centrosinistra (relatore l?on. Francesco Onnis di An) per guadagnare il consenso dell?estremismo venatorio che reclama pi? libert? di sparare, dall?altra le tre proposte di Lega e An (relatore l?on. Luca Bellotti, pure di An) recanti ?Disposizioni per l’abbattimento delle nutrie, dei gabbiani e dei cormorani?.
    Se le 10 pdl confermano che certi parlamentari sono attentissimi all?elettorato armieristico-venatorio ma rimangono sordi alla volont? della maggioranza degli italiani, favorevoli al 72% all?abolizione della caccia, le 2 proposte ?spara-gabbiani? ? invece – costituiscono un esempio di crudelt? gratuita. Si propone, infatti, la modifica della legge statale sulla caccia 157/92 per abolire ogni forma di tutela per le specie nutria, gabbiano reale nordico, gabbiano reale zampegialle, gabbiano comune e cormorano: cos? potrebbero essere uccisi sempre e dovunque, anche nei Parchi!
    ?Sono proposte di legge inaccettabili e barbare che ci porterebbero fuori dall?Europa ? dichiara Ennio Bonfanti, responsabile ?fauna? LAV – gabbiani e cormorani, infatti, sono tutelati sia dalla Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli, sia dalla Convenzione di Berna sulla vita selvatica. L?on. Bellotti ha trovato un pretesto poco convincente per giustificare il massacro di questi pacifici animali: la tutela degli impianti di itticoltura. Peccato che esistono una miriade di tecniche ecologiche ed accorgimenti incruenti, sperimentati in tutto il mondo, per evitare che questi animali continuino a fare quello che madre natura ha loro insegnato da milioni di anni: pescare. E? oltremodo difficile credere che i reali problemi dell?agricoltura e della pesca italiane di cui una commissione parlamentare debba occuparsi siano? uno stormo di gabbiani!?.
    La LAV rivolge un appello alla maggioranza ed all?opposizione: basta con questo gioco al massacro degli animali! Basta con questo stillicidio di leggi e leggine di liberalizzazione della caccia! Se, da una parte, Berlusconi frena con coraggio ed equilibrio la deriva estremista ?calibro 12? della maggioranza e, dall?altra, il tavolo dell?opposizione firma l’appello promosso da Legambiente e Arcicaccia “per impedire la barbarie venatoria”, permangono comunque sull?agenda politica della Camera queste proposte di legge-killer.
    ?Com?? conciliabile la promessa di ?pi? rispetto per la natura? che campeggiava sui manifesti elettorali della Casa della Libert? con le proposte di incrementare la fucilazione di esseri viventi, spesso pesanti meno della cartuccia usata per ucciderli? ? domanda Ennio Bonfanti ? e com?? conciliabile il documento comune del centrosinistra del 2003, su fauna, caccia e parchi contro lo smantellamento delle normative ambientali, con le proposte di legge di alcuni deputati Ds, Margherita e Comunisti italiani che prolungano la stagione di caccia, regalano pi? libert? di movimento ai cacciatori e favoriscono le stragi di animali??.
    17.03.2004
    Ufficio Stampa LAV:
    06.4461325 ? 333.2210604
    www.infolav.org

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook