• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Semafori rossi: ?le multe vecchie vanno annullate?
    09
    apr.
    2004

    Semafori rossi: ?le multe vecchie vanno annullate?

    Condividi su:   Stampa

    Annullare tutti i verbali notificati agli utenti sino al 18 marzo di quest'anno, quando l?accertamento delle infrazioni al semaforo rosso sia avvenuto senza la presenza di un agente di polizia. E? l?obiettivo del senatore dell?Udeur Mauro Fabris, che da settimane sta seguendo la campagna di informazione, avviata da La Radio a Colori, sull?uso discutibile degli apparecchi elettronici sistemati dalle amministrazioni comunali in prossimit? degli incroci. Per raggiungere l?obiettivo, il senatore Fabris ha presentato un emendamento da inserire nel disegno di legge di modifica del Codice della Strada, che ? attualmente in discussione presso la Commssione Trasporti del Senato di cui ? componente. Prima del 18 marzo, data nella quale il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha varato i nuovi decreti di omologazione dei dispositivi di rilevazione fotografica, le apparecchiature sono state utilizzate dalle amministrazioni comunali in maniera sostanzialmente difforme da quanto previsto dalla normativa vigente.

    CONSULTA IL DOSSIER DE LA RADIO A COLORI ?
    Fino al 13 agosto del 2003, giorno dell?entrata in vigore delle ultime modifiche al Codice della Strada, questi apparecchi elettronici potevano essere utilizzati per rilevare l?infrazione ad un semaforo rosso solo in presenza di un agente di polizia. Nella maggior parte dei casi questo non ? avvenuto. Sulle multe gravano dunque forti dubbi di legittimit?.
    Dal 13 agosto in poi questi apparecchi possono essere utilizzati anche senza la presenza di un agente di polizia. Ma per mesi le amministrazioni comunali hanno continuato a far uso di apparecchiature autorizzate dal Ministero delle Infrastrutture in base a decreti di omologazione che prevedevano sempre e comunque la presenza di un agente di polizia. Nella maggior parte dei casi questo non ? avvenuto. E anche su queste multe gravano dunque forti dubbi di legittimit?.
    ?Al momento dell’entrata in vigore delle modifiche cos? frettolosamente apportate al codice della strada la scorsa estate ? ha affermato Fabbris – , si sarebbe dovuto specificare che gli apparecchi utilizzabili in automatico avrebbero dovuto essere ?debitamente omologati? secondo i criteri e le modalit? “successivamente stabiliti” dagli organi competenti?.
    Ci? che purtroppo ? accaduto con 9 mesi di ritardo e con tutte le conseguenze catastrofiche a danno di migliaia di cittadini sanzionati con multe sino a 500 Euro e il taglio di 6 punti dalla patente.
    ?C?? stata una precisa responsabilit? politica rispetto a quanto accaduto ? sostiene il senatore – Governo e Maggioranza debbono prendere atto dell’errore commesso, forse l?emendamento ? l’unica via di uscita anche per tutte le amministrazioni locali che hanno emesso decine di multe negli ultimi mesi e che ora si vedono sommerse dai giusti ricorsi dei cittadini?.
    CONSULTA IL DOSSIER DE LA RADIO A COLORI ?
    Partecipa al Forum ?

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook