• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Autovelox tardivo
    22
    apr.
    2004

    Autovelox tardivo

    Condividi su:   Stampa

    Mi ? stato notificato da parte del Comando Polizia Municipale di San Pietro Vernotico (BR) un verbale di accertamento di violazione al codice della strada perch? ho superato il limite di velocit? di 32 km/h, il limite massimo ? di 90 Km/h mentre io andavo a 129 Km/h. Il rivelatore di velocit? usato risulta essere cosi come si evince dal verbale stesso un AUTOVELOX MOD 104 C/2 omologato con D.M.LL.PP. n. 418 del 12/01/1991 e n. 2483 del 10/11/1993.

    Ovviamente non mi ? stata contestata immediatamente in quanto, ?la violazione ? emersa dal display dell’apparecchio quando il veicolo a causa della velocit?, aveva gi? superato il posto dell’accertamento e non era pi? possibile fermarmi in tempo utile e nei modi regolamentari senza determinare situazioni di pericolo?. Mi avvertono che se voglio vedere la documentazione fotografica devo recarmi presso il locale comando, quindi un ulteriore perdita di tempo. Oltre alla sanzione amministrativa e alle spese postali ci sono 1,24 euro per spese varie e 0.50 euro per spese aggiuntive non specificate (forse per prendersi un caff??).
    Altro fatto strano ? il verbale ? stato redatto il 4.3.2004 mentre l?infrazione sarebbe avvenuta il 6.2.2004?. Mi risulta che questo misuratore sia uno dei pi? avanzati e sofisticati per la misurazione di velocit? dei veicoli. E? dotato di una coppia di raggi laser, che consente l?accertamento a distanza della velocit? del veicolo prima che esso sopraggiunga sul punto di rilevamento; di un display luminoso a raggi infrarossi, su cui compare, prima che il veicolo sopraggiunga, la velocit? mantenuta dallo stesso, con l?emissione di un segnale acustico intermittente; un sistema di ripresa fotografica frontale e posteriore funzionatile anche in ore notturne; una stampante d?uscita per la stampa immediata del verbale da parte dell?organo accertatore che ha proceduto alla rilevazione dell?infrazione; un trasmettitore radio, per la comunicazione dell?avvenuta infrazione ad altra pattuglia posizionata a distanza; una stampante remota, in dotazione alla pattuglia a distanza, per la stampa del verbale e la contestazione immediata dell?infrazione, fermato dalla pattuglia a distanza. Sono sicuro che sul tratto di strada (Superstrada Brindisi-Lecce Km. 10+450) non vi era nessuna autovettura di servizio dei vigili urbani. Forse si sono limitati a posizionare l?apparecchio e poi si sono allontanati a mo’ di avvoltoi in attesa delle prede. Mi chiedo: ? forse questo il vero motivo per cui non mi hanno notificato all?istante l?infrazione? Mi chiedo anche se la polizia municipale si possa mettere su una strada statale con l?autovelox! O forse le casse comunali sono vuote? Cosa sono queste spese varie e aggiuntive? E poi se l?autovelox al momento ? capace di stampare il verbale in data reale perché questo ? stato redatto quasi un mese dopo l?avvenuta infrazione? Qualcuno sa darmi una risposta?
    BehaBlog ringrazia Stefano Intorre

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook