• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’italia sottoscrive un’iniziativa globale...
    05
    giu.
    2004

    L’italia sottoscrive un’iniziativa globale sull’energia solare

    Condividi su:   Stampa

    da www.mdc.it L'Italia insieme alla Germania ha sottoscritto l'Iniziativa globale per lo sviluppo della tecnologia sul solare a concentrazione per la produzione di energia elettrica attraverso l'utilizzo di specchi che concentrano la luce del sole. La firma ? avvenuta nell?ambito della Conferenza Internazionale sulle Energie Rinnovabili in corso a Bonn. Lo ha reso noto in un comunicato il Ministero dell?Ambiente. L?iniziativa nata nel corso del Summit Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile (Johannesburg, 2002), ? stata ora formalmente sottoscritta e promossa da alcuni Paesi come impegno concreto per il raggiungimento dell?obiettivo dello sviluppo sostenibile.

    Oltre a Germania e Italia anche Algeria, Egitto, Spagna e Marocco si impegnano a promuovere attivit? ed iniziative volte alla creazione di un mercato idoneo allo sviluppo di tale tecnologia, tra le quali progetti pilota a livello multilaterale e bilaterale e programmi congiunti di ricerca. “L’obiettivo prefissato ? ha dichiarato il sottosegretario all? ambiente, Roberto Tortoli – ? quello di produrre nuovi 5.000 MegaWatt elettrici a livello globale attraverso impianti che utilizzano la tecnologia del solare a concentrazione entro i prossimi 10 anni.
    Nel corso della Conferenza Internazionale sulle Energie Rinnovabili, l?Italia ha anche presentato il Programma MEDREP, quale esempio concreto di azione per lo sviluppo delle energie rinnovabili e l’espansione delle fonti pulite in tutto il bacino del Mediterraneo. Tra le diverse azioni nell’ambito del Programma al fine di superare alcune barriere allo sviluppo del solare termico a bassa temperatura (acqua calda sanitaria e riscaldamento) saranno sviluppati, in collaborazione con l?UNEP, Programma per l?Ambiente delle Nazioni Unite, due meccanismi di finanziamento innovativi in Marocco e Tunisia. “Tali meccanismi – ha ricordato il direttore generale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio, Corrado Clini – svolgeranno un ruolo chiave per lo sviluppo di un mercato locale per le tecnologie che utilizzano fonti di energia rinnovabile”.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook