• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Spazzamare spazzasoldi
    09
    giu.
    2004

    Spazzamare spazzasoldi

    Condividi su:   Stampa

    La storia degli ?spazzamare dimenticati? inizia quasi vent?anni fa, quando, nel 1986, la Regione Campania stipula con la societ? Ecolmare una convenzione per la fornitura di servizi e mezzi nautici destinati alla pulizia delle coste e delle acque della Campania.

    Tra acquisto, collaudo ed organizzazione del servizio l?intera operazione costa alla Regione Campania 20 miliardi di lire, 12 dei quali solo per l?acquisto di 21 Pelican, imbarcazioni multifunzionali per la pulizia delle acque dai rifiuti solidi e liquidi galleggianti.
    Dopo un collaudo funzionale di alcuni mesi, realizzato – come previsto dalla convenzione – dal personale della Ecolmare, le imbarcazioni rimangono per? inutilizzate. Al lavoro sono invece i magistrati del Tribunale di Napoli che su quella convenzione indagano contestando la procedura seguita e la congruit? dei prezzi delle imbarcazioni acquistate.

    Nel 1993, siamo ormai in piena Tangentopoli, il Tribunale di Napoli condanna ad un anno ed otto mesi di reclusione per abuso d?ufficio il socialista Nicola Scaglione, all?epoca dei fatti assessore alla Sanit?, e per concorso in abuso d?ufficio il titolare della Ecolmare, Mariano Pane. Nel 1995, per?, la Corte d?Appello di Napoli cancella di fatto la condanna per prescrizione del reato.

    Sebbene coinvolto nell?inchiesta iniziale, dal processo rimane fuori l?allora Presidente della Giunta regionale campana, il democristiano Antonio Fantini, eletto nel frattempo al Parlamento europeo che non concede l?autorizzazione a procedere.

    Di Fantini si occupa per? la magistratura contabile. La Corte dei Conti lo accusa di aver pagato troppo i Pelican, 590 milioni di lire l?uno contro un prezzo di mercato di 400 milioni, e di aver impegnato denaro pubblico per un servizio di pulizia delle acque campane che in quegli anni svolgeva gi? il Ministero della Marina Mercantile.

    Nel 1996 la sezione giurisdizionale della Regione Campania della Corte dei Conti, condanna Fantini ad un risarcimento di 7 miliardi e mezzo di lire. Ma nel 2001 i giudici di secondo grado della Corte dei Conti ribaltano la sentenza, assolvono Antonio Fantini e chiudono definitivamente la vicenda giudiziaria.

    Resta la storia di uno spreco miliardario. Dei 21 Pelican acquistati nel 1986 nessuno, alla Regione Campania, si interessa pi?. Parcheggiati in un?area del Centro professionale regionale di Salerno sono ancora l?. Ormai arrugginiti e resi inservibili dall?usura del tempo.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook