• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Blocco telefonini rubati: dal 30 giugno
    22
    giu.
    2004

    Blocco telefonini rubati: dal 30 giugno

    Condividi su:   Stampa

    Da www.corriere.it Un codice identifica ogni apparecchio come una carta d'identit? NASCE IL REGISTRO CONTRO IL FURTO DEI TELEFONINI Le compagnie telefoniche offriranno ai clienti un servizio che permetter? di bloccare i cellulari rubati o smarriti ROMA - E' arrivata l'estate e con la bella stagione aumenta il pericolo dei furti di telefonini. Da quest'anno per? i ladri avranno vita dura. Un nuovo servizio messo a punto da tutte le compagnie di telefonia mobile permette di bloccare i telefonini rubati o smarriti, rendendoli inutilizzabili. L'Autoritá per le garanzie nelle comunicazioni ha fatto sapere che dal 30 giugno tutti i gestori offriranno ai loro clienti il servizi di blocco per i cellulari.

    Tramite il codice Imei (International mobile equipment identity number), un numero di 15 cifre generalmente scritto su una etichetta che si trova sotto la batteria del telefono, si potr? individuare ogni telefonino, creando una sorta di carta d’identitá del cellulare.
    COME FUNZIONA – Il nuovo sistema per i quattro gestori di telefonia mobile (Tim, Vodafone, Wind e H3G) funzioner? cos?. Il cliente al quale ? stato rubato il cellulare chiamer? la propria compagnia telefonica e segnaler? il suo codice Imei. Se non ricorda la combinazione dovr? comunicare 4 numeri chiamati negli ultimi giorni. Dai dati di traffico sar? cos? possibile risalire al codice Imei. La compagnia telefonica identificher? il cellulare rubato e lo bloccher? rendendolo inutilizzabile. Una volta bloccato, l’apparecchio sar? inservibile su tutto il territorio nazionale, ma non all’estero. Questo metodo, potenzialmente gi? attuabile, fino ad ora non poteva essere messo in pratica perché le compagnie telefoniche garantivano il servizio solo tramite la propria rete. La prima cosa che i ladri fanno ad un cellulare rubato ? cambiare la scheda sim con quella di un’altra compagnia impedendo alla compagnia con cui ? registrato l’utente di bloccare il telefono. Per bloccare il telefono tramite il suo codice Imei ? necessario che tutte le compagnie si impegnino a intervenire per bloccare i telefoni rubati in modo da identificare ogni telefonino indipendentemente dalla scheda utilizzata. I siti degli operatori (per esempio Vodafone) gi? riportano la notizia e le istruzioni per richiedere il blocco dell’apparecchio dal 30 giugno.
    ITALIA ALL’AVANGUARDIA – Con la svolta del 30 giugno, ha detto il commissario dell’Autorit? per le garanzia nelle comunicazioni Alessandro Luciano, ?la funzionalit? di blocco del codice Imei porta l’Italia all’avanguardia nella tutela dei consumatori contro quella microcriminalit? che provoca circa un milioni di furti di apparati all’anno?.
    Da www.corriere.it

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook