• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Una laurea a oxford? bastano 250 euro e un’email
    05
    lug.
    2004

    Una laurea a oxford? bastano 250 euro e un’email

    Condividi su:   Stampa

    da www.corriere.it I certificati sono praticamente indistinguibili da quelli veri. Per ordinarli basta un'email, poi si paga con assegno o vaglia LONDRA - Una laurea con poco pi? di 200 euro. Un bel risparmio su tasse, libri, stanze in affitto, pasti. Con lo stesso risultato: un bel pezzo di carta da appendere in salotto per la felicit? dei genitori. L'importante ? non dire a nessuno che quel pezzo di carta non lo avete ottenuto sudando su testi ed esami, ma acquistandolo su Internet con pochi, rapidi clic. Un abile falsario inglese, Peter Leon Quinn, domiciliato a Liverpool, ? disposto a vendervi per 165 sterline un attestato che certifica la vostra laurea o diploma presso i prestigiosi college britannici o anche americani.

    TRUFFA – A detta di chi li ha visti si tratta di falsi talmente ben fatti da ingannare anche gli occhi pi? esperti: ottimi insomma per essere inviati insieme al curriculum, in modo da ottenere lavori altrimenti fuori portata. Per ordinare un diploma fasullo basta un’email e poi si pu? provvedere al pagamento con assegno, vaglia o con denaro spedito attraverso Western Union. Niente carta di credito, purtroppo. Soddisfatti o rimborsati, assicura Mr. Quinn: ?Ti assicuro che sono il primo su Internet a offrire questo servizio e ora sono il solo che garantisce un livello davvero alto di realismo in modo che tu possa usare questi documenti?. Quinn ? stato perquisito pi? volte dalla polizia, che ha frugato anche nei suoi computer, ma non ? mai stato posto in stato d’accusa.
    LEGGE – Le universit? inglesi sono disperate. Dice un legale: ?Nonostante la mole di denunce contro di lui, e nonostante gli sia stato ingiunto di cessare la produzione, lui prosegue. Ogni volta che riusciamo a chiudere un suo sito, lui ne apre un altro?. Gli atenei non possono continuare a fare denunce infruttose, e ora si sono rivolte al governo affinché cambi la legge, che per ora non punisce la vendita di diplomi fasulli. Il caso ? diventato di rilevanza nazionale: il parlamentare laburista Barry Sheerman ha detto che chieder? al ministro dell’Educazione Charles Clarke di indagare.
    da www.corriere.it

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook