• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Trenitalia: storia di una ordinaria odissea
    09
    lug.
    2004

    Trenitalia: storia di una ordinaria odissea

    Condividi su:   Stampa

    Ieri, 8 luglio 2004, mi sono trovata costretta, per mia sfortuna, ad utilizzare il treno per andare a Gallarate (VA) da Ancona e ritornare nello stesso giorno. Ho acquistato i biglietti via Internet, digitando nelle apposite caselle da dove volevo partire e dove volevo arrivare, quando ed a che ora; ho scelto, dall?elenco apparso sulle pagine del sito, l?orario di partenza e di arrivo a me pi? congeniali, ho cliccato sul pulsante ?acquista? ed ho pagato con carta di credito, naturalmente prima di tutto ci? mi sono registrata al sito Trenitalia.com, come richiestomi per effettuare l?acquisto.

    Ho proceduto alla stessa maniera per acquistare i biglietti per il treno di ritorno, scegliendo l?orario in conseguenza a quello dell?andata e considerando la durata dell?impegno che avevo a Gallarate (un colloquio di lavoro). Ho pagato per la tratta di andata, inclusa la prenotazione dei posti sia sul treno Ancona-Milano che su quello Milano-Gallarate, in seconda classe 36,73 Euro e per la tratta del ritorno, sempre in seconda classe con il supplemento Eurostar per Milano-Ancona, 35,48 Euro.
    La mattina alle 6 e 20 il treno diretto a Milano Centrale parte in orario e viaggia in orario fino a Piacenza: poco dopo Piacenza si ferma in quella che mi sembra una piccola stazione oppure un punto di scambio e dopo un paio di minuti la voce del capotreno ci avvisa che ?a causa di lavori programmati, il treno avrebbe dovuto sostare per 15 minuti?, voglio precisare che all?arrivo del treno a Milano Centrale avevo 20 minuti di tempo per prendere la coincidenza per Gallarate! Voglio anche precisare che gli orari dei due treni, quello da Ancona a Milano e quello da Milano a Gallarate non li ho scelti io ma me li ha indicati il sito di Trenitalia.com! Come c?era da aspettarsi il treno IC562 arriva a Milano Centrale con circa mezz?ora di ritardo ed io perdo la coincidenza: prossimo treno utile per Gallarate ore 12 e 30, un?ora dopo il mio effettivo arrivo ed un?ora e venti minuti dopo la partenza del treno che avrei potuto/dovuto prendere se l?IC562 non si fosse fermato per lavori programmati (ma se sono programmati perché vendono i biglietti per una coincidenza che non si pu? effettivamente prendere!?!?!).
    Naturalmente ho dovuto spostare il mio colloquio di lavoro un?ora e 3 quarti pi? tardi (prego notare che da una sosta non prevista di 15 minuti, io ho fatto tardi al mio appuntamento di un?ora e 3 quarti!!).
    Passiamo al treno del ritorno. Sicuramente avrei mancato il Gallarate-Milano Centrale delle 14 e 20 che mi avrebbe permesso di prendere l?Eurostar Milano-Ancona delle 15 e 05, treni indicati dal sito Trenitalia.com e per i quali avevo acquistato il biglietto on-line, quindi ho dovuto correre per prendere il Gallarate Milano delle 15:50 (in ritardo di 5 minuti) che ? arrivato a Milano con altri 10 minuti di ritardo ma che per fortuna non mi hanno impedito di prendere il Milano-Ancona-Pescara delle 16 e 50, preso letteralmente ?al volo?! Stanca, assetata ed affamata (non ho avuto il tempo di fermarmi ad acquistare nulla da mangiare, neanche in stazione!) trovo un posto libero (?) e mi accascio! Nota bene: se viaggiate sulle nuove vetture IC non c?? pi? l?indicazione se un posto ? prenotato o no con il vecchio e caro tagliando. Acquisto una scatola di biscotti ed una bibita (l?acqua era finita!) dal catering del treno 3 euro e passa senza scontrino. Questo IC viaggia un po? a rilento: sosta nelle stazioni previste un po? pi? del dovuto e fino a Forl? ha gi? un ritardo di circa 10 minuti. Alla stazione di Forl? rimaniamo fermi per altri 15 minuti, chiusi nel treno con porte e finestrini bloccati e l?aria condizionata spenta.
    Dopo questo lasso di tempo, il capotreno avvisa che ?a causa di un guasto tecnico alla motrice il treno rimane fermo a Forl? e non si sa quando riparte?! Si scende tutti dal treno alquanto imbufaliti! Arriva il capostazione o chi per lui ed anche la polizia! Ci dicono che non si sa quando questo treno potr? ripartire, che sta arrivando un treno regionale per Rimini e che alle 21 e 21 c?? un treno interregionale che si ferma ad Ancona, chi deve andare a Pescara non si sa che cosa pu? prendere: sono le 20 e 10! Una voce dall?altoparlante dice che ?l?IC573 per Pescara delle 20 e 02 fermo al binario 2 ha un ritardo imprecisato?! Alle 21 e 10 arriva un?altra motrice, il treno ? riparato e riparte alle 21 e 25.
    Arrivo ad Ancona alle 23 e 10, 5 minuti prima dell?interregionale che sarebbe passato a Forl? alle 21 e 21, con 33 minuti di ritardo dall?orario indicato. Se il treno della mattina non si fosse fermato quei 15 minuti a causa di lavori programmati, sarei arrivata ad Ancona alle 18 e 45, come dai biglietti acquistati sul sito Trenitalia.com, ben 4 ore e 25 minuti prima!
    Che cosa direbbe Ulisse?
    Grazie per l?attenzione e spero di riascoltarvi presto su Radio Rai 1.
    Cordiali saluti, Paola

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook