• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Addio ai dvd anti pirata
    15
    lug.
    2004

    Addio ai dvd anti pirata

    Condividi su:   Stampa

    da www.giornaletecnologico.it Molto presto alcune case cinematografiche statunitensi lanceranno una nuova tecnologia che permetter? agli utenti di fare copie legali dei Dvd originali regolarmente acquistati. Le compagnie, tra le quali compaiono anche Microsoft, Walt Disney, International Business Machines, Intel, Matsushita Electric Industrial e Warner Bros di Time Warner, hanno infatti annunciato di essere quasi pronte a lanciare sul mercato supporti ottici che potranno eventualmente essere condivisi su dispositivi portatili.

    Prima del lancio ufficiale passeranno comunque diversi mesi. Secondo quanto dichiarato da diverse fonti ben informate non si riuscir? a fornire in licenza alcuna tecnologia prima della fine dell’anno. Nonostante tutto questo annuncio segna una svolta nel modo in cui l’industria cinematografica ha finora reagito alla minaccia della pirateria.
    Gli attuali Dvd, protetti da un sistema che si chiama CSS, che sta per “content scrambling system”, risultano difficilmente duplicabili. Le cose cambieranno con la nuova tecnologia denominata “Advanced Access Content System”.
    Intanto, in base al Rapporto Univideo sullo stato dell’Editoria Audiovisiva nel 2003, risulta che in Italia il Dvd si sta rapidamente affermando. Per l’intero reparto Home Video, le famiglie italiane hanno speso 830milioni di euro, sommando Dvd e Vhs in noleggio e in vendita, con un incremento, rispetto all’anno precedente del 15%.
    Ma se nel 2002 la spesa per il noleggio di Dvd era circa la met? di quella destinata alle videocassette, nel 2003 la situazione ? pi? che rovesciata e i consumi dei dischi ottici superano del 70% quelli di Vhs.
    “Siamo soddisfatti e ottimisti – ha detto Davide Rossi, presidente dell’Univideo. Il mercato ? cresciuto nonostante le difficolt? generali del paese e la competizione delle forme di fruizione alternative, senza contare quelle illegali come il file sharing”.
    Grande ottimismo per l’anno in corso: nel Rapporto si prevede, infatti, un incremento del fatturato Home Video, “solido ma pi? moderato rispetto ai precedenti tassi di crescita eccezionali”.
    da www.giornaletecnologico.it

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook