• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Stato insolvente?
    16
    lug.
    2004

    Stato insolvente?

    Condividi su:   Stampa

    Lo stato non paga pi? i contributi gi? concessi alle imprese per tutte le leggi di agevolazione (488, 46, patti territoriali, contratti di programma...). Uno stop al procedere dei fotogrammi che riprenderanno a scorrere chiss? quando, ma nel frattempo la pellicola rischia di andare a fuoco, e con essa tutto il cinema di terza visione in cui ci tocca sostare.

    Si tratta di un atteggiamento irresponsabile che trasciner? nel baratro imprese e professionisti, con un effetto a catena inimmaginabile: chi ha avviato l’investimento ed ha gi? iniziato a spendere rischia seriamente di fallire o di chiudere semplicemente l’attivit?, dietro a lui andranno fornitori e consulenti.
    Un maremoto che deve assolutamente essere fermato.
    Almeno 20.000 aziende, il cui investimento ? gi? iniziato, attendono dallo stato soldi che non arriveranno. Il governo pagher? forse tra 9-10 mesi e le aziende non salderanno i loro fornitori, lasciando un buco di almeno un miliardo di Euro (se non il doppio).
    Gli stessi fornitori lasceranno sul mercato altre perdite, licenziando frettolosamente mano d’opera e, forse, fallendo o chiudendo. Cosi per altri passaggi.
    Impossibile determinare la fine e la portata di questa reazione a catena, ma il rischio non calcolato ? la recessione del mezzogiorno, la disoccupazione alle stelle, la rovina di molte famiglie.
    BehaBlog ringrazia Antonio Avitabile

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook