• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > La musica ne l’aere
    19
    lug.
    2004

    La musica ne l’aere

    Condividi su:   Stampa

    Caro Oliviero, Ti ho ascoltato per anni con attenzione e ? perché no? - divertimento, e volevo mandarTi un segno di presenza a suggello del momento. Trattandosi di vicenda tutta italiana, i referenti d?obbligo erano Tot?, Manzoni e Dante. Poiché la vicenda ? estremamente seria, l?ideale sarebbe stato Tot?, ma l?accento brianzolo mi avrebbe tradito. E Manzoni ? troppo buono. LA MUSICA NE L'AERE Ricordo ch?era ancor lo secol vecchio quando de l?Oliviero udii la voce diffondersi da l?aere nel mio orecchio con motto semplice e pensier veloce a segnalar li vizi del potere e dir d?ogne ingiustizia delta e foce, parlar con il prevosto e il cameriere de l?intrallazzi de la gente nostra, chiarendo quel ch?altrui non fa vedere.

    Il fatto ? che nel parlando mostra
    - come s?addice a spirto di servizio -
    tutti li nomi e cognomi de la giostra
    e di tutti costor lo proprio vizio,
    s? che l?indol di frode venga a galla
    che si tratti di Caio oppure Tizio,
    e che si possa ricucir la falla
    o almeno che si faccia informazione:
    ch? senza informazion, tutto s?avalla.
    Quel ch?io sentia in cotale trasmissione
    non lo sentii giammai da niuno verbo;
    tutti li die vi posi l?attenzione
    per esser d?esto mondo meno acerbo:
    pensar da me di quel ch?? vero o meno
    e poi poterlo dir sanza riserbo,
    capire quel ch?? vuoto e quel ch?? pieno
    e diffidar di chi ? santo o bandito -
    in pieno temporal dice ?sereno?.
    Come quei ch?al risveglio appar stordito
    da sogno pi? rivelator del vero
    e d?improvviso pare aver capito
    che son meglio i color del bianco e nero,
    tal era io a quella voce nova
    che mi dest? dal sonno in cui fors?ero.
    Se non che ? come sai – gallina cova
    e a furia di colpir bersagli grossi
    - tanto eran grosse di costor le uova -
    c?? chi ebbe eccome gl?interessi scossi
    da tale informazion non otturata
    e contro l?Oliviero ei scav? fossi
    giustificando che ?se l?? cercata?.
    Ma come? ? dico io – d?acqua parlava…
    l?acqua ? di tutti… o forse ch?? privata?
    Hanno zittito quei? quei se la cava.
    Il fatto ? che a me m?han tolto un pezzo
    e un pezzo che per tutti funzionava.
    L?abbiam pagato noi l?intero prezzo:
    or chi dir? di multe e di ricorsi?
    Chi di pensioni? Non ci sono avvezzo.
    Chi di bollette errate e di rimborsi?
    In vece sua ? vuoi rider? – han versato
    la musica ne l?aere a pieni sorsi
    ch?io vi rimasi quasi senza fiato,
    temendo d?esser figlio di regime
    che quando costa troppo il cioccolato
    nutre li propri sudditi a mangime.
    Che ci facciam di tali canzonette?
    A chi l?ha messe dico ? per le rime -
    che pi? ci trattan come marionette
    e pi? spezziam d?ogne catena i fili,
    ch? non si puote mettere alle strette
    le libert? dei popoli civili.
    E non le libert? d?ultima fascia
    - come se fosser velleit? infantili -
    ma quella di pensier ? ch?altrui non lascia -
    per non parlar di quella di parola
    stretta da morsa come di ganascia,
    che ormai a parlare c?? una voce sola.
    Dicon che torner? ? io non lo credo -
    perché s?ei torna libera la gola
    e li rivolta com?in uno spiedo
    con l?arma de l?informazione chiara
    che la capisco pure se non vedo,
    con l?ironia ? che oggi ? merce rara -
    e la domanda dritta nei polmoni:
    ?che differenza c?? ? o Italia cara -
    fra la democrazia?e li suoi padroni??.
    Giulio, mezza estate 2004
    terzine ed endecasillabi danteschi, o almeno credo.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook