• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Per il 70% degli italiani il sommerso ? in crescita
    04
    ago.
    2004

    Per il 70% degli italiani il sommerso ? in crescita

    Condividi su:   Stampa

    da www.adnkronos.it Secondo le stime della Commissione europea l'incidenza e' pari al 17% del Pil. La perdita per le casse dello Stato ammonterebbe a 85 mld di euro Per il 70% degli italiani l'economia sommersa e l'evasione fiscale stanno aumentando. E' quanto emerge da una ricerca condotta dal Censis su un campione rappresentativo di 2.000 cittadini. Un dato confermato dalle stime della Commissione europea, che per il nostro Paese calcola un'incidenza del sommerso pari al 17% del Pil.

    Per le casse dello Stato, la perdita ammonterebbe a 85 miliardi di euro. A questa cifra, secondo il Censis, si deve aggiungere poi un ulteriore 4% derivante dalle attivita’ economiche in nero, non osservate e non contabilizzate nel Pil, che, se recuperato, porterebbe a un gettito complessivo di 5,9 miliardi. Vale a dire un valore equivalente alla manovra correttiva.
    La percezione della crescita del sommerso in Italia attraversa trasversalmente gli schieramenti politici, con una netta maggioranza tra gli elettori del centro-sinistra, dove raggiunge il 79%, mentre scende al 60% fra quelli del centro-destra. Piu’ o meno concorde, invece, l’opinione, di occupati (71%), non occupati (75%) e pensionati (65%). Se si considerano le categorie professionali, la convinzione e’ piu’ diffusa tra i dipendenti delle aziende private (74,8%), seguiti da quelli della pubblica amministrazione (71,4%) e dagli imprenditori e liberi professionisti (71%).
    Per rilanciare l’economia e lo sviluppo del Paese, sottolinea il Censis, serve un rilancio degli “investimenti pubblici nelle infrastrutture, nella ricerca e nelle nuove tecnologie”. Ne e’ convinto, infatti, il 70,7% degli intervistati, mentre solo un 29,3% crede che “non sia possibile aumentare le spese, perche’ altrimenti salterebbero i conti pubblici”. A ritenere utili gli investimenti pubblici sono soprattutto le persone al di sotto dei 45 anni di eta’, orientate a guardare con fiducia e speranza al futuro. Un’idea condivisa a prescindere dall’orientamento politico. Sia nel centro-sinistra sia nel centro-destra, infatti, una schiacciante maggioranza, pari al 70% del campione, ritiene importante far ripartire gli investimenti pubblici.
    da www.adnkronos.it

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook