• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Sangue di tigre e rare orchidee
    05
    ago.
    2004

    Sangue di tigre e rare orchidee

    Condividi su:   Stampa

    da www.ilrestodelcarlino.it Pillole, decotti, polveri, liquidi e cerotti preparati con parti di animali e piante rarissime in via di estinzione. Il Corpo Forestale dello Stato ha scoperto, nel corso di una operazione condotta in sette citt? italiane, un traffico illegale connesso al commercio di prodotti usati nella medicina tradizionale cinese, derivati, in parte, da animali e piante protetti dalla convenzione internazionale di Washington.

    Venti le persone denunciate per violazione delle norme che regolano il commercio, oltrech? della normativa sull’etichettatura, e per detenzione di specie animali e vegetali protette, contrabbando, frode in commercio. I sequestri sono ancora in corso.
    Solo a Roma e Guidonia, si stima il sequestro di 3.500 confezioni di prodotti terapeutici, e oltre 7 chili di piante rinvenuti negli scantinati di sei ditte della capitale. Il prezzo dei prodotti posti in vendita variava dai 15 euro circa di una confezione di cerotti antidolorifici, sino agli oltre 300 euro chiesti per i rimedi pi? complessi e ricercati.
    I sequestri avvenuti ieri nella Capitale hanno un valore commerciale di oltre 500 mila euro. Secondo il Corpo Forestale, il traffico di questi prodotti ha un valore stimabile intorno ai 10 milioni di euro l’anno. Le ditte coinvolte sono 7 a Roma e provincia, 6 a Prato (dove vive la comunit? cinese pi? numerosa di tutta Italia), 5 a Bologna, unaa Reggio Emilia, Modena e Napoli.
    L’operazione, denominata ?Marco Polo? e coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, ? la prima svolta in Italia rivolta a questo settore e una delle pi? importanti in Europa per volume di affari.
    ?Le investigazioni – spiega Ugo Mereu, responsabile del Servizio centrale Cites del Corpo Forestale, che hacondotto l’operazione assieme all’Interpol – sono iniziate due anni fa, quando avevamo la sensazioneche i cinesi portassero in Italia questi prodotti destinandoli alla loro comunit? qui residente.
    In realt? abbiamo scoperto che il 70% degli acquirenti sono europei , tra cui molti italiani, ed americani?. Tra lespecie vegetali rinvenute, la sassorea, una rarissima orchidea, e una felce esotica di tipo cibodium. All’interno dei preparati, corna di saiga, ossa di cervo ( che sono state ritrovate nei magazzini delle dittecoinvolte in grande quantit?) e di rinoceronte, oltre a grasso, sangue, ghiandole e pelli di tigre, leopardo,orsi e cavallucci marini. La caratteristica della medicina tradizionale cinese, infatti, ? quella di utilizzare, nel confezionare iprodotti, tutti gli organi degli animali.
    I due maggiori esportatori di questi rimedi terapeutici sono India e Cina. Mentre la prima esportadirettamente in Europa, i prodotti cinesi escono dai porti di Hong Kong, Singapore, Taiwan. In alcuni casile materie prime vengono portate negli Stati Uniti, dove nelle Chinatown delle diverse metropoli vengono poi confezionati i medicinali.
    da www.ilrestodelcarlino.it

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook