• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Le mie vacanze a bibione
    31
    ago.
    2004

    Le mie vacanze a bibione

    Condividi su:   Stampa

    Anche quest?anno siamo sopravvissuti. Magra consolazione, ma una, una sola certezza: l?anno prossimo si va in Croazia, o in Slovenia, o in qualsiasi posto sulla faccia della terra, ma non, non, non a Bibione. Che sia finita, perché io ho 15 giorni di ferie da passare al mare per recuperare un anno di lavoro, e questa tortura deve finire, costi quello che costi.

    Ebbene s?. A voi che leggete non posso dire altro che mi ritiro, la battaglia ? persa; ma la guerra no.
    Tutto nasce dal fatto che i miei genitori, nel lontano 1978, comprarono un appartamento in quella ridente ? allora ? cittadina, in espansione esponenziale, come ?luogo dove fare passare le vacanze alle famiglie?. Negli anni Bibione si ? modificata, aggiornata, migliorata. Poi hanno perso di vista una cosa fondamentale, le esigenze di chi vuole tornare. Ammaliati dai facili guadagni del turismo ?piglia i soldi e scappa?, si sono moltiplicate le manifestazioni, i concertini serali, i frizzi e lazzi. Tutto per tenere i turisti ? noi ? in giro, seduti nelle gelaterie, a consumare in poco tempo tutto il denaro possibile. Lecito? Certo. Producente? Non credo…
    Ma che ha questo, direte voi.
    Che ho? Che ho passato la settimana di ferie pi? infernale della mia vita, che mi sono sentito preso in giro nella mia qualit? di cliente affezionato ? fate i conti: sono 26 anni che bazzico quel posto.
    Il tutto nasce per un cane che suona una chitarra scordata, che sbraita canzoni stonando, che intrattiene ubriaconi, ora italiani ora stranieri, sotto le finestre dei miei genitori. Ed io, per risparmiare, mi ostino a fare le ferie l?.
    La zona ? periferica, e dopo gli anni del boom i negozi hanno incominciato a non aprire pi? la stagione successiva, i bar a ridursi, le attivit? a limitarsi. Insomma, un posto ideale per me, mia moglie e mia figlia di 6 mesi. Dormire, rilassarsi, recuperare le forze.
    S?, magari. La cacofonia che immancabilmente nei giorni di luned?, marted?, mercoled? e gioved? proviene da quelle maledette casse poste in strada, impedisce di sentire la televisione dentro casa, irrita con le sue 10 canzoni ripetute da anni ogni sera, stonate, biasciate da in incompetente ed incapace ? ci fosse una volta che la chitarra non sia scordata ? che ha il solo pregio di essere tale e, come tale, essere pagato poco. L?esaltazione dello squallido, della sciatteria, del ?siete qui e vi spenniamo come polli?.
    La cosa va avanti da anni, troppi. Fra altri e bassi l?anno scorso ? sfociata in una mia gentile richiesta di abbassare il volume, in fin dei conti mia moglie aveva le nausee… non l?avessi mai fatto: la tracotanza di un ?vai a domandare in comune? ha avuto lo stesso impeto di un ?vaffanculo?. Ed io me la sono legata al dito.
    Tornato a settembre ho reperito in internet l?ordinanza del comune che regola (mi viene da ridere) questa forma di intrattenimento serale. Una volta letta, baldanzoso, mi sono convinto che quest?anno mi sarei divertito a chiamare un giorno s? e l?altro anche, i vigili per fare elevare la contravvenzione e fargli sospendere la cacofonia. Illuso.
    Le telefonate sono state fatte… a decine… ? stata letta la delibera al telefono, chiesta l?applicazione, supplicato di fare abbassare? nulla, nulla, nulla. Se non una telefonata con il comandante dei Vigili che, in modo gentile, mi ha fatto capire, in buona sostanza, che cos? ?, e se io riesco a cambiare questa cosa, bene, e che ogni sera una pattuglia vigila sulla corretta applicazione degli orari di fine dei concertini. La ciliegina sulla torta.
    Ultimo gioved?, io non ce la faccio pi?. Nonostante la piccola sia abituata a prendere sonno dopo la poppata, decidiamo che dobbiamo scappare: il cane sta storpiando una canzone di Battisti. Passeggiata. La piccola, giustamente, rompe. Io la porto in braccio sulla via del ritorno. Ore 23:13? la musica dovrebbe essere cessata come per incanto in tutta Bibione da 13 minuti… Sfiniti con la bimba sfinita, passiamo dalla centrale Piazza Treviso, che di concertini ne ha ben 4, che, pomposi, intrattengono pochi avventori con la solita veemenza del volume oltre ogni sopportazione. La bimba ormai ? addormentata, la metto, con delicatezza, sul passeggino e, alzando la linea del mio sguardo mentre mi auguro che non si svegli, che ti vedo? La volante dei Vigili a 200 metri dalla piazza, con i finestrini abbassati e dentro due vigili, pagati da me, che prendono il fresco. La musica in sottofondo rimbomba…
    Mia moglie mi guarda esterrefatta, dice qualcosa che, confesso, non ricordo. Ho le nocche bianche mentre stringendo il passeggino dico: ?Non farmi dire nulla o mi procuro un crick e gli riduco la testa in poltiglia…?. Lei, eccezionalmente, tace.
    ?Mi stanno prendendo per il culo?. Le violazioni di orario, della collocazione degli altoparlanti, sono evidenti. Ma nessuno fa nulla, anzi, peggio, sollecitati telefonicamente rispondono prontamente ?veniamo? e non si fa vedere nessuno, il cane canta, la bimba dorme (fortuna loro) ed ho lo stomaco che mi brucia peggio che mai. Il caldo, per fortuna non opprimente, e l?incazzatura non mi permettono di dormire. Di notte si medita vendetta e, da buon italiano, se le istituzioni se ne fregano, decido di arrangiarmi: ?Una bella bottiglia molotov? ad inizio stagione, quando non c?? nessuno. Il locale brucia? fine.?. Ma noi, quelli che vengono spennati, queste cose le pensiamo solo. Come prendere un passamontagna, una mazza da baseball e nottetempo fare irruzione nel locale e distruggere tutto. O mettere dei semplici petardi ad alto potenziale nel contatore elettrico? o comperare 5 litri di benzina appena tornati a casa, attendere un anno e fare un regalo al gestore, con lui dentro.
    Poi l?illuminazione… i pannolini. La piccola ? un po? costipata e… diciamo che produce in abbondanza ogni tre giorni. Nottetempo alzarsi e decorare artisticamente il marciapiede che sta davanti al locale, con tanto di firma attaccando il pannolino alla vetrina. Se di cacofonia si cibano? che si cibino di questo.
    A Voi lascio il dubbio se ho fatto o no questa cosa. Quello che vi posso dire ? che l?ultimo gioved? ho aperto la persiana? erano le tre di notte, le armi erano pronte, faccio per aprire la porta dell?appartamento e accendono le luci delle scale… quando si dice sfiga… Devo attendere un?altra ora.
    Ah, dimenticavo, vado in Croazia a giugno dell?anno prossimo. E magari un AK47 lo trovo, usato. In fin dei conti sono stati in guerra fino all?altro ieri. Lo nascondo fra i pannolini puzzolenti quando passo la dogana. E cos? quando quel cane grider? ?Attenzione? per fare sfogare la massa di 5 persone ubriache sulle parole di ?volare ohhhhhoh?, io armer? l?otturatore del fucile mitragliatore pi? semplice da usare sulla faccia della terra e svuoter? il caricatore? I miei vicini applaudiranno, finalmente liberi per sempre da quel cane, il suo datore di lavoro e tutti gli ubriachi presenti a nome di quelli che, nel tempo hanno reso le nostre vacanze un inferno…
    Che dite mi danno la semi-infermit??
    P.S. Ho contattato l?ARPAV (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Veneto). L?anno prossimo vengono in casa a fare un sopralluogo e a verificare i ?limiti differenziali?. S?, insomma, che la cacofonia aggiunge al rumore di fondo pi? di quei 3 dB di rumore che la legge ammette dopo le 22:00. Lo fanno nel mio soggiorno, gratis, su mia denuncia al comune e all?ARPAV stesso. Ho fatto circolare la voce? Spero che altri facciano lo stesso. Andr? apposta a Bibione una sera per questo. E mi porto il mangiare da casa. Neanche 10 centesimi lascio in quel posto. E poi vedremo chi ha ragione. Io ho tempo…
    P.P.S Quest?anno a Bibione le presenze sono state -30%. Dati ufficiali. Facce cupe sfilano in televisione. L?anno scorso non ho idea. Ma vi assicuro che ci si andava molto vicino. Ah, dimenticavo. Sono i tedeschi che non vengono pi?, quelli che con i marchi tenevano in piedi i commercianti che ora guardano in cagnesco chi passa, si ferma, guarda e non compera. Di anno in anno tengo gli scontrini del panificio sotto casa e del supermercato abituale per capire come va la stagione… c?? un numerino che indica il progressivo… Bravi… bravi, continuate cos?.
    BehaBlog ringrazia Roberto Larcher

     commenti
    Commenti
    1

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook