• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Nuovo drammatico messaggio in un sito internet
    23
    set.
    2004

    Nuovo drammatico messaggio in un sito internet

    Condividi su:   Stampa

    ?ITALIANE UCCISE: FAREMO VEDERE IL VIDEO? ?I seguaci di Al Zawahiri? affermano di aver ?ucciso le due agenti criminali dello spionaggio senza piet? o compassione? da www.corriere.it DUBAI - ?Le due donne italiane sono state uccise. Faremo vedere il video?. Questa nuova drammatica dichiarazione ? contenuta in un messaggio su un sito internet, diverso da quello della scorsa notte dell'Organizzazione della jihad, che annuncia l'uccisione di Simona Pari e Simona Torretta. Il gruppo di Ansar al Zawahiri afferma di aver ucciso ?le due donne italiane? dopo che l'Italia non ha accolto la richiesta di ritirare le truppe dall'Iraq.

    ?Le teste delle due agenti criminali dello spionaggio italiano, Simona Pari e Simona Torretta, sono state tagliate con un coltello senza piet? o compassione?, dice il delirante messaggio. ?Il video della decapitazione sar? emesso quanto prima?, riportano i Sostenitori di Al Zawahiri che accusano i soldati italiani di avere commesso ?brutali e sanguinosi massacri? a Nassiriya. Nel messaggio si accusano ?le truppe crociate sioniste in Iraq? di stupri di uomini e donne musulmani.
    TERRORISMO MEDIATICO – Palazzo Chigi mantiene la massima cautela anche sul secondo messaggio. ?Il moltiplicarsi dei comunicati?, sottolinea Palazzo Chigi, ?conferma l’analisi di inaffidabilit? avanzata stanotte e induce a pensare che ci si trovi di fronte a un probabile quadro di terrorismo mediatico?.
    BIANCO: ?MASSIMA PRUDENZA? – ?I servizi di intelligence italiani, assumendosene la responsabilit?, ritengono assolutamente inaffidabili queste rivendicazioni?, ha riferito il presidente del comitato parlamentare di Controllo sui servizi, Enzo Bianco. ?Non ho elementi per differenziarmi da questa opinione, anzi mi sembra assolutamente convincente. Rivolgo inoltre una preghiera anche alla stampa di avere molta cautela: ? il momento della massima prudenza. Sar? una vicenda lunga e complicata, c’? una guerra anche mediatica, con il tentativo di influenzare l’opinione pubblica e di giocare una partita sporca. Anche per questo c’? bisogno di prudenza, sobriet? e rigore?.
    MAGISTRATI – La Procura di Roma acquisir? le due rivendicazioni nelle quali si annunciano le esecuzioni di Simona Torretta e Simona Pari.
    CONSIGLIO ULEMA: SONO VIVE – Per il Consiglio degli Ulema sunniti iracheno, le due volontarie italiane di ?Un ponte per…? sono probabilmente ancora vive e nelle mani di una banda che non ha niente a che fare con la guerriglia. Ne ? convinto Muthana al-Dhari, portavoce dell’organismo religioso.
    da www.corriere.it

     commenti
    Commenti
    86
    Lascia un commento
    meble do call center .
    20/03/2012 alle 10:47
    Hello, http://www.olivierobeha.it/articoli/2004/09/626n is a genuinely terrific release. In concept I'd would rather create like this too taking time and genuine effort to create a brilliant write-up... but what can As i say... I procrastinate alot instead of appear to have nearly anything done. Thank You. meble do call center
    sinoke katalog .
    20/03/2012 alle 09:27
    This blog is excellent. I wish I could find more like this.
    greek destinations .
    20/03/2012 alle 03:27
    Wow! This can be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Basically Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your effort.
    Criselda Karell .
    20/03/2012 alle 02:51
    As I website owner I think this content material the following is really excellent, regards for the efforts.
    mulberry bayswater pris .
    20/03/2012 alle 02:48
    Aw, this was a really nice post. In concept I wish to put in writing like this additionally – taking time and actual effort to make an excellent article… however what can I say… I procrastinate alot and in no way appear to get something done.
    zapatos christian louboutin .
    20/03/2012 alle 02:47
    This really answered my problem, thanks!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook