• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Evitiamo che sul carcere scenda nuovamente il silenzio
    08
    ott.
    2004

    Evitiamo che sul carcere scenda nuovamente il silenzio

    Condividi su:   Stampa

    Riceviamo dalla Ass. Cult. Papillon - Rebibbia Onlus e pubblichiamo: Alla c.a. di tutti i Parlamentari Alla c.a. di tutti i Consiglieri regionali, provinciali, comunali e municipali Per favore, Signori, evitiamo che sul carcere scenda nuovamente il silenzio IL 18 OTTOBRE IN DECINE DI CARCERI RIPRENDONO LE PROTESTE PACIFICHE PER L?INDULTO E LE RIFORME A quasi due mesi dai fatti di Regina Coeli, va lentamente sfumando l?attenzione del mondo politico e dei mass media sui drammi quotidiani del carcere. Anche i recentissimi casi di suicidio e di malasanit? vengono liquidati con poche righe, quasi a involontaria dimostrazione che persino qua dentro ci sono morti di seria A e morti di serie B.

    Restano per? con tutto il loro valore le prove di maturit? fornite in queste settimane dalle proteste pacifiche dei detenuti di oltre trenta carceri, dalla Sicilia alla Sardegna, da Poggioreale ad Alessandria passando per Verona e Perugia, e via via sino all?importante prova di coraggio e di dignit? delle detenute di Rebibbia femminile. Lungi dall?essere il punto finale della tanta esasperazione accumulata nelle galere, le proteste seguite ai fatti di Regina Coeli sono state soltanto il preludio di una pacifica mobilitazione nazionale dei detenuti che avr? inizio luned? 18 ottobre in decine di carceri e che si snoder? per pi? settimane con scioperi della fame e altre forme di protesta.
    La decisione di protestare, tutti insieme e pacificamente, ? un necessario atto di civilt? per richiamare alle sue responsabilit? verso il dettato costituzionale un mondo politico che sembra fatichi ad accorgersi che nella stragrande maggioranza delle oltre duecento carceri italiane il Diritto ? stato in un certo senso ?sospeso a tempo indeterminato?, poiché tutto si pu? dire tranne che l? dentro vengano davvero perseguite la rieducazione e la risocializzazione delle donne e degli uomini reclusi.
    Ci rendiamo conto che affrontare concretamente in Parlamento una riforma del nostro sistema penale e penitenziario non ? cosa facile, ma non per questo ? tollerabile il permanere di una situazione che scivola ogni giorno di pi? oltre i limiti della legalit?. A meno che per puri fini di speculazione elettorale non si voglia continuare a vendere ai Cittadini l?illusione che un sistema penale e penitenziario per molti versi ?fuorilegge? ? l?unico modo per garantire il loro sacrosanto Diritto alla sicurezza quotidiana.
    Anche soltanto sullo specifico dell?ordinamento penitenziario, ad esempio, non si pu? far finta di non vedere che da tutte le carceri i detenuti stanno denunciando il fatto che la catena di relazioni tra area educativa/direzione/forze di polizia/Magistratura di Sorveglianza sembra diventare ogni giorno pi? pesante e farraginosa, come se dappertutto venisse applicata una sorta di linea politica di riduzione ai minimi termini del Diritto ai permessi premio, alle misure alternative, al differimento della pena, all?uscita dall?incostituzionale art. 41 bis, alla liberazione anticipata, ecc..Il che moltiplica gli effetti di un sovraffollamento che si accompagna alle delizie della malasanit? penitenziaria, all?abuso della carcerazione preventiva, ai tanti, troppi suicidi e alla estrema limitatezza di spazi e di attivit? culturali e formative.
    Del resto, non siamo soltanto noi detenuti a sottolineare il limite di guardia ormai raggiunto nelle carceri. Anzi, un dato importante della nuova situazione ? che oggi alcuni tra i pi? importanti sindacati del personale penitenziario riconoscono che per ristabilire nelle carceri un equilibrio minimamente accettabile occorrono misure che alleggeriscano davvero un sovraffollamento di oltre 13000 detenuti. E certo non vanno in questa direzione le annunciate ulteriori restrizioni in materia di droghe leggere e tossicodipendenza, e il continuo slittamento della discussione sulle proposte di riforma del Codice penale (gi? di per se molto timide).
    Inoltre, grazie ai detenuti e ai sindacati del personale penitenziario si ? ormai completamente diradato anche il fumo ideologico che ha accompagnato l?approvazione del cosiddetto ?indultino?, lasciando in evidenza il suo carattere di Legge/truffa che invece di alleggerire il sovraffollamento non ha fatto altro che sovrapporsi, peggiorandole, alle gi? esistenti misure che prevedono l?affidamento in prova ai servizi sociali per i residui pena sotto i tre anni, limitando cos? la gi? scarsa applicazione di tutte le altre misure alternative preesistenti.
    Egregi Parlamentari,
    Noi sappiamo bene che l?attuale difficile situazione ? il prodotto di oltre tredici anni di lento degrado, e quindi non comprendiamo affatto le banalizzazioni di quanti sembrano interessati unicamente ad attribuirne ad altri la responsabilit?.
    Al contrario, proprio perché nessuno tra i partiti che hanno governato pu? dirsi esente da responsabilit?, crediamo di avere il diritto di chiedere a tutte le forze Parlamentari di guardare avanti e rendersi conto che le prime e pi? importanti riforme del pianeta Giustizia dovrebbero essere quelle che riguardano il sistema penale e penitenziario. Le pacifiche proteste che migliaia di detenuti inizieranno il 18 ottobre vogliono quindi essere anche un invito a mettere da parte sterili contrapposizioni e a ricercare in Parlamento un?unit? di intenti almeno sulle pi? urgenti misure che possono appunto ristabilire un equilibrio minimamente accettabile nelle carceri.
    La nostra associazione chiede alle Istituzioni competenti pochi ma importanti atti politici che siano immediatamente verificabili:
    1) Il deposito di proposte di Legge contenenti un reale provvedimento di indulto e amnistia che ristabilisca un minimo di equilibrio e di vivibilit? nelle carceri italiane (oltre a decongestionare il lavoro dei tribunali). E vista la situazione determinatasi, le Commissioni Giustizia della Camera e del Senato potrebbero stabilire una procedura di urgenza per la discussione.
    2) Una serie di provvedimenti che rendano in un certo senso ?obbligatoria? (ossia riducano al minimo l?eccessiva ?discrezionalit?? del Giudice di Sorveglianza) l?applicazione piena ed integrale della Legge Gozzini in TUTTI i Tribunali di Sorveglianza e per TUTTI i detenuti, siano essi italiani o stranieri, malati o in buona salute, ristretti in sezioni normali o in carceri e sezioni speciali. Anche in questo caso, le Commissioni Giustizia di Camera e Senato potrebbero da subito impegnarsi nell?organizzazione di una conferenza nazionale di verifica sugli ostacoli che incontra nelle varie regioni l?applicazione della Legge Gozzini, utilizzando le relazioni elaborate dai Presidenti dei Tribunali di sorveglianza e dagli stessi Parlamentari delle due Commissioni che hanno visitato le varie carceri negli ultimi anni.
    3) Una serie di provvedimenti per limitare l?uso e anzi l?abuso della custodia preventiva, ed in particolare della custodia preventiva in carcere.
    Come si pu? vedere, non stiamo chiedendo la luna nel pozzo, bens? atti che affrontino concretamente la drammatica realt? delle carceri prodotta da un sovraffollamento inaccettabile e da tante palesi illegalit?. Atti ai quali dovrebbero accompagnarsi anche una serie di provvedimenti che permettano l?ampliamento gi? in sentenza delle pene alternative al carcere e l?ampliamento della concessione delle misure alternative al carcere durante l?espiazione della pena ; la riforma della sanit? penitenziaria e la scarcerazione immediata dei malati incompatibili con la detenzione; l?espulsione dei detenuti stranieri che ne facciano richiesta; la riforma in positivo del Codice Penale e tutte le altre richieste avanzate da anni dai detenuti e dagli stessi operatori del settore.
    Quella che inizier? il 18 ottobre sar? dunque una pacifica battaglia di civilt? che ci auguriamo trovi un adeguato sostegno a tutti i livelli delle Istituzioni, tra i giovani, nel mondo del lavoro, tra le associazioni laiche e religiose e nel mondo della Cultura. Non sar? certo una battaglia facile, ma del resto il silenzio per noi equivale ad un insopportabile degrado quotidiano.
    Noi crediamo che qualunque siano le proprie idee in materia di religione e di politica, ogni Cittadino pu? e deve comprendere che riformare in senso positivo l?intero sistema penale e penitenziario ? interesse di tutti coloro che si battono realmente contro le tante ingiustizie del presente e vogliono costruire un futuro migliore per tutti. Per questa ragione chiediamo a tutti i Cittadini di esserci concretamente vicini in quei giorni con iniziative pubbliche e di solidariet?.
    Un invito particolare lo rivolgiamo infine ai Consiglieri regionali, provinciali, comunali e municipali di tutti i partiti affinché in quei giorni entrino in tutte le 205 carceri italiane (comprese le pi? piccole e sconosciute) ascoltino le ragioni dei detenuti, controllino che venga rispettato il loro Diritto a protestare pacificamente e prendano impegni concreti e verificabili sulle materie di loro competenza. Troppe volte i detenuti hanno denunciato l?assenza pressoché totale degli Enti Locali nelle carceri o, al contrario, la demagogia di quegli Enti Locali che sono maestri nella spettacolarizzazione di tante promesse a cui seguono per? ben pochi fatti concreti.
    Da parte nostra, assicuriamo l?impegno di tutti i detenuti a mantenere il carattere pacifico della nostra protesta. Noi abbiamo ragioni da vendere e le useremo per dialogare con i Cittadini e con chi, nelle Istituzioni, persegue veramente una profonda riforma del nostro sistema penale e penitenziario.
    Roma, ottobre 2004
    Papillon

     commenti
    Commenti
    102
    Lascia un commento
    gas vergleich .
    20/03/2012 alle 08:22
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    water contaminates .
    20/03/2012 alle 06:09
    A door must be either shut or open.
    hermes väska online .
    20/03/2012 alle 04:11
    I’d must test with you here. Which is not something I usually do! I enjoy studying a publish that can make individuals think. Also, thanks for permitting me to comment!
    emumnibenue .
    19/03/2012 alle 23:52
    hi this is cooo12 http://www.skanska-akademien.org/
    15 marca .
    19/03/2012 alle 22:47
    wonderful points altogether, you simply gained a new reader. What would you suggest in regards to your post that you made some days ago? Any positive?
    sandals .
    19/03/2012 alle 11:05
    Very usefull blog. i will follow this blog. keep up to date the good work.
    Tyson F. Gautreaux .
    19/03/2012 alle 08:26
    Sorry for the huge review, but I'm really loving the new Zune, and hope this, as well as the excellent reviews some other people have written, will help you decide if it's the right choice for you.
    water coolers .
    19/03/2012 alle 07:50
    Please your eye and plague your heart.
    Barcelona vs live stream .
    19/03/2012 alle 06:12
    Wow! Thank you! I permanently wanted to write on my website something like that. Can I take a portion of your post to my site?
    Tottenham vs live stream .
    19/03/2012 alle 05:54
    Heya i’m for the first time here. I found this board and I find It truly useful & it helped me out a lot. I hope to give something back and help others like you aided me.
    katalog sinok .
    18/03/2012 alle 23:43
    I’ve never thought I would find a blog that would inspire me somehow until now. Thanks!
    water contaminates .
    18/03/2012 alle 22:39
    He who wills the end wills the means.
    Manchester United vs live stream .
    18/03/2012 alle 19:17
    As a Newbie, I am constantly searching online for articles that can be of assistance to me. Thank you
    Arsenal vs live stream .
    18/03/2012 alle 19:05
    Hi there, You've done a fantastic job. I will definitely digg it and personally recommend to my friends. I am sure they will be benefited from this site.
    Mini Infrared Thermometer .
    18/03/2012 alle 18:32
    Awsome blog! I am loving it!! Will be back later to read some more. I am bookmarking your feeds also
    Fake Mustache .
    18/03/2012 alle 18:22
    Keep functioning ,splendid job!
    galactica miniseries .
    18/03/2012 alle 17:58
    Great write-up, I'm normal visitor of one's website, maintain up the nice operate, and It is going to be a regular visitor for a lengthy time.
    BERITA BOLA .
    18/03/2012 alle 15:24
    Hey There. I found your blog using msn. This is a really well written article. I will be sure to bookmark it and come back to read more of your useful info. Thanks for the post. I will certainly return.
    dealsbug .
    18/03/2012 alle 15:05
    I like this site it's a master piece! Glad I observed this on google.
    Tangki Stainless Steel .
    18/03/2012 alle 14:30
    Very nice post. I just stumbled upon your weblog and wanted to say that I have really enjoyed browsing your blog posts. In any case I will be subscribing to your feed and I hope you write again very soon!
    JAMUR TIRAM .
    18/03/2012 alle 12:54
    Attractive section of content. I just stumbled upon your web site and in accession capital to assert that I acquire actually enjoyed account your blog posts. Any way I’ll be subscribing to your feeds and even I achievement you access consistently fast.
    Troubled Teen .
    18/03/2012 alle 09:53
    Lovely site! I am loving it!! Will come back again. I am bookmarking your feeds also

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook