• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Cassazione: interessi illegali, le banche paghino
    09
    nov.
    2004

    Cassazione: interessi illegali, le banche paghino

    Condividi su:   Stampa

    da www.corriere.it La sentenza: istituti devono restituire l'illecita capitalizzazione degli interessi illegalmente applicata. Basta scrivere alla banca ROMA - Buone notizie per i correntisti italiani. Le banche dovranno restituire a circa 10 milioni di correntisti tra i 20 ed i 30 miliardi di euro per ?illecita capitalizzazione degli interessi illegalmente applicata?. A sostenerlo ? una sentenza della cassazione che mette la parola fine ad un procedimento giudiziario cominciato diversi anni fa.

    LA RADIO A COLORI DI OLIVIERO BEHA SE NE OCCUPAVA IL 7 GIUGNO DEL 1999————
    LA SENTENZA – Secondo il pronunciamento, ? infatti illegale che gli istituti abbiano applicato gli interessi annualmente quando il conto del correntista era in nero mentre se il conto era in rosso, il calcolo era invece trimestrale. Lo rende noto l’Adusbef, (l’associazione degli utenti bancari e finanziari) spiegando come questa sentenza della Cassazione, a sezioni unite, metta una ?pietra tombale? sull’antico problema dell’anatocismo ossia quell’illegale pratica vietata dall’articolo 1283 del Codice Civile ma che – sottolinea l’Adusbef – ? stata consentita dagli ?usi bancari? applicati per oltre mezzo secolo. La sentenza, preceduta da altre tre che avevano dichiarato ?illegittima la cinquantennale pratica bancaria?, interessa pi? o meno 10 milioni di risparmiatori (tra cui moltissime piccole e medie imprese), che potranno richiedere i rimborsi degli ultimi 10 anni se hanno ancora il conto corrente presso lo stesso istituto di credito, oppure se non hanno pi? il conto con la banca, abbiano conservato le scritture contabili.
    I RIMBORSI – Si parla di una cifra tra i 20 e i 30 miliardi di Euro che gli istituti di credito dovranno rimborsare. Nonostante le tre sentenze precedenti, ha spiegato il presidente dell’Adusbef, Elio Lannutti, ?le banche esigevano una sentenza della Cassazione a sezioni unite nella speranza che questa ribaltasse le precedenti interpretazioni. Hanno perso. Ora dovranno pacificamente rimborsare – ha proseguito – chi per anni ha subito questa pratica e per i tribunali a questo punto il lavoro sar? in discesa, a meno che il Governo non intervenga con una sanatoria?. La novit? ? che la sentenza ha valore retroattivo, ossia le clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi dovuti dal correntista dovranno considerarsi nulle anche se contratte prima dell’orientamento giurisprudenzale che nel ’99, ne aveva negato l’uso.————
    ANATOCISMO. SENTENZA MOLTO IMPORTANTE, MA NON DIAMO FALSE ILLUSIONI AI CORRENTISTI. L?ADUC OFFRE UN SERVIZIO DI PRIMA ASSISTENZA GRATUITO
    Firenze 9 novembre 2004. La recente, ed ormai gia? famosa, sentenza n. 21095/04 delle Sezioni Unite della Cassazione Civile e? sicuramente una sentenza storica per l?annoso problema dell?anatocismo bancario. Dopo questa sentenza e? ormai indiscutibile che la corretta interpretazione dell?art. 1283 del cc vieta alle banche la contabilizzazione trimestrale degli interessi passivi.
    Come e? noto la Cassazione si era gia? pronunciata da tempo in questa direzione fin dalla primavera del 1999 (sentenze n. 2374, 3096, 3845) ponendosi in consapevole e motivato contrasto ?per usare le parole della Cassazione stessa- con pronunzie del ventennio precedente (6631/81; 5409183; 4920/87; 3804/88; 2444/89; 7575/92; 9227/95; 3296/97; 12675/98) stabilendo che gli ?usi contrari?, idonei ex articolo 1283 Cc a derogare il precetto ivi stabilito, sono solo gli usi ?normativi? in senso tecnico; desumendone, per conseguenza, la nullita? delle clausole bancarie anatocistiche, la cui stipulazione risponde ad un uso meramente negoziale ed incorre quindi nel divieto di cui al citato articolo 1283.
    In parole semplici l?applicazione degli interessi su gli interessi e? una pratica illegittima e questo e? diventato ormai un principio del nostro ordinamento inappellabile.
    Ma cosa e? necessario fare, in pratica?
    In primo luogo e? bene ricordare che l?invio di una semplice lettera alla banca nella quale si chiede il ricalcalo degli interessi in termini di legge e lo storno di quelli indebitamente percepiti e? certamente priva di efficacia: puo? avere una funzione come messa in mora, ma nessun cliente si aspetti che la banca paghi solo in base a questa lettera, per raccomandata A/R che possa essere.
    Secondariamente e? importante ribadire che un?azione contro la banca ha senso solo in presenza di scoperti di conto consistenti e perduranti per un congruo periodo (non solo un trimestre, ma ripetuti trimestri consecutivi).
    Infine e? importante ricordare che il problema dell?anatocismo si inserisce nella piu? ampia tematica della trasparenza dei rapporti bancari e dei tassi usurai, tematica che non si applica solo ai conti correnti bancari ma anche ai mutui.
    La prima cosa da fare, quindi, e? una valutazione di massima attraverso la documentazione dell?utente bancario (estratti conti, piani di ammortamento dei mutui, ecc) in modo da verificare la concreta possibilita? di recuperare gli interessi illecitamente percepiti.
    Per questo l?Aduc mette a disposizione un servizio gratuito per svolgere una valutazione di massima sull?opportunita? o meno di avviare un?azione legale contro la banca per il problema degli interessi anatocistici e/o usurai. Chiunque fosse interessato puo? inviare una email a anatocismo@aduc.it illustrando il suo caso e ricevera? una risposta personalizzata con la documentazione da inviare e/o i formulari per richiederla in banca.
    Alessandro Pedone, responsabile Aduc per la tutela del risparmio

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook