• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Chi ha rubato la quarta maestra?
    10
    nov.
    2004

    Chi ha rubato la quarta maestra?

    Condividi su:   Stampa

    Siamo i genitori degli alunni delle classi I A e B della Scuola Elementare ?Carlo Salvetti? di Pieve Santo Stefano e vogliamo far conoscere la situazione che siamo costretti a subire e che vede protagonisti i nostri figli. Prima dell?inizio dell?anno scolastico, all?unanimit?, abbiamo scelto per i nostri bambini la modalit? di insegnamento del tempo pieno: a Pieve il tempo pieno ? presente dal 1976 ed ? un valido supporto per le famiglie dove entrambi i genitori lavorano.

    In concomitanza all?apertura della scuola, ormai certi dell?esito favorevole delle nostre richieste, abbiamo appreso dal Provveditore agli Studi di Arezzo Dott. Caruso, tramite la TV locale, che i nostri figli non avrebbero avuto le 4 insegnanti come ogni tempo pieno che si rispetti bens? solo la copertura delle 40 ore settimanali di insegnamento ma mancante di caratteristiche qualitative didattiche fondamentali.
    Nel corso degli ultimi tre anni presso la nostra scuola sono state fatte alcune scelte che hanno portato l?organico ?di fatto? (cio? il numero di insegnanti effettivamente operativo) a diminuire di una unit?. Chi di dovere (leggi Provveditore) non si ? preoccupato di aumentare l?organico e, senza che i genitori ne fossero a conoscenza, ha lasciato alle due classi solo tre insegnanti.
    Il risultato di questa cattiva amministrazione ha portato ad un servizio scolastico di pessima qualit?: le insegnanti si alternano in modo discontinuo secondo un calendario a dir poco allucinante; c?? una divisione forzata di materie trattate dall?una e dall?altra insegnante; le ore della insegnante mancante sono coperte da colleghe di ?buona volont?? che fanno i ?tappabuchi? rinunciando alle ore di compresenza nella propria classe.
    I nostri bambini sono costretti a subire un orario che non ha né capo né coda in quanto le 3 insegnanti titolari delle due classi si alternano in modo anomalo causando una forzosa revisione dell?organizzazione didattica.
    Anche se le insegnanti sono encomiabili e riescono a far fronte alla situazione non ci sembra giusto che i bambini debbano fare le spese di errori commessi per incapacit? delle amministrazioni scolastiche locali.
    Inoltre se la situazione non si risolve e non ci viene concessa la 4° insegnante, i nostri figli come faranno a seguire i programmi scolastici delle successive classi, ben pi? impegnativi?
    Il fatto ? che non si capisce dove sta l?inghippo: come ? stata persa la 4° insegnante e perché non pu? essere integrato l?organico? Le Autorit? scolastiche giocano a scaricabarile, nessuno ci d? delle risposte, ognuno ha una versione e una visione diversa del problema. La situazione ? aggravata dal ?temporaneo? spostamento per motivi di sicurezza della Scuola Elementare in una sede provvisoria costituita da decorosi prefabbricati: non ci sono palestra, né laboratori o comunque spazi che possano offrire ai nostri bambini l?opportunit? di vivere bene il tempo scuola. Inoltre il nostro paese non offre servizi scolastici alternativi e tanto meno ricreativi.
    La cosa certa ? che con tante insegnanti a spasso non ce n?? una che possa essere inviata a noi: quante ce ne sono disponibili presso i Provveditorati regolarmente retribuite ? E i fondi a disposizione degli istituti scolastici? A che servono?
    Anche all?interno della scuola i nostri figli sono diventati ?scomodi? perché rubano del tempo prezioso alle insegnanti delle altre classi.
    Per questo abbiamo scritto questa lettera.
    Grazie,
    I GENITORI

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook