• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Amnesty: ?a falluja uccisi medici e civili?
    16
    nov.
    2004

    Amnesty: ?a falluja uccisi medici e civili?

    Condividi su:   Stampa

    da www.corriere.it Video mostra uccisione di prigionieri feriti. Inchiesta del Pentagono Accuse anche agli insorti. Il Governo: ?Solo 20 i feriti tra i civili?. I genieri dei marines: ?Distruzione impressionante? FALLUJA - A Falluja, secondo la denuncia di Amnesty International, sta avvenendo un bagno di sangue che coinvolge indiscriminatamente la popolazione civile. Secondo l'organizzazione internazionale nella citt? sunnita si stanno violendo tutti i principi del diritto internazionale e delle regole di guerra.

    Il convoglio umanitario della Mezzaluna Rossa ha lasciato la citt?, senza aver potuto distribuire – per l’ennesimo rifiuto statunitense – i suoi aiuti alla popolazione intrappolata nel centro cittadino, oltre il ponte sul fiume Eufrate.
    VIDEO CHOC, INCHIESTA DEL PENTAGONO – Amnesty International, a supporte delle sue accuse cita un video, prima trasmesso da Channel 4 e poi rilanciato da molte tv Usa tra cui la Nbc, nel quale si vedono soldati Usa che uccidono un prigioniero iracheno ferito con un colpo alla testa. Il Pentagono ha deciso di aprire un’inchiesta sull’episodio. Nelle immagini si vede un gruppo di marine che entra in un locale crivellato di colpi. Sul pavimento diversi cadaveri e, appoggiati al muro, alcuni feriti che chiedono soccorso. E’ a questo punto che scatta la furia omicida e partono i colpi alla testa esplosi da almeno uno del soldati americano.
    I GENIERI DEI MARINES: ?DISTRUZIONE INCREDIBILE? – Poco dopo la denuncia di Amnesty International arriva la testimonianza dei genieri del corpo dei Marine, che hanno cominciato la valutazione dei danni sofferti dalla citt?. ?La distruzione ? incredibile. Qualcosa di impressionante?, ha detto il sergente Todd Bowers, ingegnere civile inquadrato nel Quinto Reggimento. Edifici in briciole, strade ricoperte di rottami, zero servizi. Il quadro che si ? presentato loro ? impressionante, secondo quanto riferiscono i testimoni e quei giornalisti che hanno avuto finora un limitato accesso alla zona. Oltre ai danni provocati dalla battaglia nelle strade cittadine fra insorti e militari, bisogna infatti contare quelli provocati dai lunghi cannoneggiamenti, dalla terra e dall?aria, cui la citt? santa sunnita ? stata sottoposta per settimane. Non c?? strada che non sia coperta di macerie, pile di mattoni, lampioni divelti, arredi urbani contorti. Le mura dei palazzi sono crivellate di colpi.
    AMNESTY: ?SUBITO UN’INDAGINE INTERNAZIONALE? – Amnesty Internazional ha rivolto accuse durissime contro il comando dell’esercito Usa. Le regole di condotta in guerra, che proteggono i civili e i combattenti feriti, sono state tutte violate nella battaglia in corso per espugnare la roccaforte sunnita. Amnesty chiede che venga immediatamente aperta un’indagine internazionale sul dramma di Falluja: le truppe americane ed irachene – accusa l’organizzazione – non hanno preso le necessarie precauzioni per far s? che i civili non fossero colpiti, ed anche gli insorti hanno abusato della bandiera bianca ed hanno sparato in maniera indiscriminata.
    GLI EPISODI DENUNCIATI – Sono diversi gli episodi di cui l’organizzazione umanitaria chiede conto al comando Usa: tra questi l’uccisione di 20 addetti dei servizi medici e decine di altri civili in una clinica. Amnesty cita anche un filmato mostrato dalla tv britannica Channel 4 (e poi ripreso da tutti i canali di news internazionali, tra cui la Nbc) l’11 novembre scorso, nel quale si vede un militare Usa che spara a un iracheno ferito e poi commenta ?? andato?. Nessuna risposta alle accuse ? arrivata per ora dal comando statunitense. E nessuno ha potuto verificare quanti e in quali condizioni siano i civili rimasti in citt?.
    NON SI HANNO PIU NOTIZIE DI 100 MILA PERSONE – Circa 200 mila persone – ha detto l’Ics, il consorzio italiano di solidariet? – hanno trovato rifugio in campi profughi ?dove praticamente manca tutto e che sono spesso inaccessibili ai convoglio umanitari?. Di altre 100 mila persone non si hanno pi? notizie, anche ?se ? improbabile – ad avviso dell’Ics – che si trovino tutte ancora in citt??. Le testimonianze di chi ? riuscito a raggiungere i campi profughi sono drammatiche. A Falluja, da sette giorni non vi ? acqua, cibo, elettricit?. Per le strade, giacciono cadaveri in decomposizione. I morti non sono rimossi e i feriti non vengono soccorsi.
    Paul Wood,corrispondente della Bbc al seguito delle truppe, ha confermato che l’immagine della citt? ? quella della distruzione: cumuli di macerie, mozziconi di case e e di moschee ovunque. Prima di alzare bandiera bianca e andarsene via, la Mezzaluna Rossa ? tornata a parlare di ?catastrofe umanitaria?. ? stata rimbeccata subito dal Ministero della Sanit? iracheno: ?l’organizzazione islamica – ? detto in una nota – non ha alcun titolo per fare simili affermazioni, in quanto, per l’appunto, non ? entrata in citt??.
    IL GOVERNO: ?FERITI SOLO 20 CIVILI? – In realt?, hanno affermato fonti del Ministero della Sanit? irachena ?i civili feriti sono stati solo 20?, in quanto alla popolazione era fuggita prima dell’attacco.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook