• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Sveglia, ? una bufala!
    18
    nov.
    2004

    Sveglia, ? una bufala!

    Condividi su:   Stampa

    da www.magnaromagna.itFalso il messaggio circolante via email che ci metterebbe in guardia da una truffa legata a un numero di telefono specifico. La bufala circola in internet da oltre 3 anni. Ma l'episodio si lega ad un nuovo tipo di truffa: telefonare per rispondere ad annunci allettanti, che pero' servono solo a ricaricare il cellulare di chi ha messo l'inserzione. Il testo della mail circolante: ATTENZIONE !!! SE RICEVETE UN MESSAGGIO SUL VOSTRO CELLULARE CHE VI PREGA DI RICHIAMARE IL NUMERO 0141455414, OPPURE VI CHIAMANO CON QUESTO NUMERO VISUALIZZATO, NON RISPONDETE E NON RICHIAMATE PER NESSUN MOTIVO.

    SE RISPONDETE ALLA SOLA RISPOSTA VI VENGONO ADDEBITATI 50 EURO, PI? 2,5 EURO PER SECONDO DI CONVERSAZIONE CHE NON SENTIRETE PERCH? IL TELEFONO SAR? MUTO MA CONTINUERANNO A SPENDERE I VOSTRI SOLDI. SE AVETE UNA RICARICABILE LA PROSCIUGANO INTERAMENTE ALLA RISPOSTA. SE VI CHIAMANO SPACCIANDOSI PER IL VOSTRO PROVIDER OMNITEL TIM O WIND E VI CHIEDONO DI INSERIRE UN CODICE PER UTILIZZARE AD ESEMPIO I PROGRAMMI JAVA OPPURE PER OTTIMIZZARE LE FUNZIONI DEL VOSTRO CELLULARE, NON FATE NULLA E RIAGGANCIATE IMMEDIATAMENTE PERCHE’ VI STANNO CLONANDO LA SIM. INFORMATE IL MAGGIOR NUMERO DI PERSONE POSSIBILE www.finanza.it————— Perch? siamo di fronte ad un falso appello: 1) Quel numero ? inesistente….. 2) L’Unione Consumatori (fonte Reuters) mette in guardia i consumatori proprio su questo argomento: il numero, con il prefisso di Asti, ? si inesistente ma, se anche fosse attivo, non potrebbe tecnicamente leggere il codice del cellulare. 3) Infine un cenno alla firma finale www.finanza.it: sul loro sito non c’? traccia di questo appello, e spesso chi manda falsi avvisi in giro mette una firma che possa dare al lettore finale un senso di “autorevolezza” o “ufficialit?”. Questo episodio ha fatto sorgere tuttavia alcuni dubbi da parte dell’Unione Consumatori, che la Tim stessa pare condividere: l’uso fraudolento dell’autoricarica su chiamata. Secondo la Reuters infatti,

    Tim sta abbandonando il sistema di ricarica su chiamata (salvo ripensamenti nel “veloce” mondo della telefonia), che ? per? ancora operante per buona parte degli utenti per un motivo: il sistema di ricarica su chiamata ? utilizzato da molti ?furbi? per ricaricare il proprio telefonini a sbafo. In che modo? ?Basta mettere una o pi? inserzioni sui giornali di annunci gratuiti, purché siano superconvenienti, per esempio, ?affittasi appartamentino arredato a 100.000 lire al mese?, oppure ?causa partenza vendesi fuoristrada in ottimo stato a 500.00 lire?, eccetera, fornendo ovviamente il proprio numero di cellulare?, avverte nuovamente l?Unione consumatori. Inutile dire che simili proposte sono piuttosto allettanti e l?inserzionista che sfrutta il sistema, non deve far altro che parlare al telefono per un po?, inventando qualche frottola per intrattenere i malcapitati interlocutori e ricaricare in questo modo il proprio cellulare. Conclusione e consigli: pi? che prestare tanta attenzione a queste email che poi si rivelano falsi allarmi (i consigli sono sempre i soliti: verificare prima di diffondere il panico), dobbiamo soprattutto stare attenti a questo nuovo sistema di truffa: gli annunci molto allettanti che hanno come riferimento un numero di cellulare possone essere falsi, e servire solamente ad autoricaricare il cellulare di chi ha inserito l’annuncio. Ma non a 50 euro alla volta… Franco dr. Baldisserri———- BehaBlog ringrazia Rob Rossi…

    Postato da Amministrazione
    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook