• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Discriminazione degli obiettori di coscienza
    02
    dic.
    2004

    Discriminazione degli obiettori di coscienza

    Condividi su:   Stampa

    Mi rivolgo accoratamente a Lei perché venga portato avanti con grande forza il problema della discriminazione degli obiettori soprattutto ora con la fine della leva obbligatoria. Interessa veramente centinaia di migliaia di giovani che si trovano a dover essere soggetti a restrizioni anacronistiche.

    DISCRIMINAZIONE DEGLI OBIETTORI
    Dopo l?abolizione della leva obbligatoria dal 01/01/2005 ottenuta con ampia convergenza di forze politiche sorge un nuovo irrisolto problema di libert? e democrazia. In questi ultimi mesi o ormai giorni, il servizio militare o civile sar? prestato dai nati entro il 1985. Ma a questo punto si crea una sostanziale disuguaglianza tra chi ha prestato e chi deve prestare il servizio civile e chi invece ne sar? esentato, dato che la leva non sar? pi? obbligatoria, non sar? pi? necessario effettuare la scelta fra servizio militare e civile, assolvendo ai propri doveri nei confronti dello stato.
    La questione assume particolare importanza soprattutto per quanto riguarda gli obiettori di coscienza, perché la legge 230/98 dopo l?abolizione della leva obbligatoria diventa anacronistica e vessatoria. I vincoli imposti da tale legge andrebbero a colpire solo una parte di obiettori, quelli nati prima del 1985. Questi vincoli impongono vita natural durante conseguenze importanti, senza la possibilit? di cambiare idea neanche dopo molti anni, ad esempio quella di non poter partecipare a alcuni concorsi pubblici. E? vietato l?accesso ai concorsi per l?arruolamento nelle Forze Armate, nell?Arma dei Carabinieri, nel Corpo della Guardia di Finanza, nella Polizia di Stato, nel Corpo della Polizia Penitenziaria, nel Corpo Forestale dello Stato e per qualsiasi altro impiego che comporti l?uso delle armi anche se non diretto e addirittura anche per uso sportivo. Inoltre gli obiettori, per tutta la vita, e senza alcuna possibilit? di rimediare in alcun modo non possono lavorare come impiegati né come operai in fabbriche che producono materiale bellico o tecnologico solo in piccola parte ad uso militare (ad esempio produzione di elicotteri o cantieri navali, ecc).
    Caso ancora pi? eclatante ? quello dei Vigili Urbani ex obiettori, in quanto ? capitato a vincitori di concorso nel quale non era previsto l?uso delle armi, che venisse in seguito negata l?assegnazione dell?arma di servizio per protezione personale ma soprattutto per la difesa del cittadino malgrado ne facessero formale richiesta chiedendo la revoca dello status di obiettore di coscienza in base al Parere del Consiglio di Stato 964/2003 all?UNSC (Ufficio Nazionale per il Servizio Civile).
    Tutto questo in un paese dove ? possibile fare il Pentito di Mafia e dove si da la possibilit? di redimersi ai terroristi.
    Si sta creando un vero e proprio VUOTO LEGISLATIVO che ? necessario colmare.
    Giacciono in Parlamento dal 2002 due Proposte di Legge per la modifica dei vincoli della L.230/98, la 1835 d?iniziativa del deputato Cossa e la 2491 d?iniziativa del deputato Di Teodoro, ma vengono continuamente accantonate perché sembra che il problema di circa UN MILIONE di giovani non sia importante.
    Ora sono venuto a conoscenza che ? stato proposto in Senato un Disegno di Legge nr. 2871 che prevederebbe la modifica dell?art. 11 del T.U. delle Leggi di Pubblica Sicurezza di cui al Regio Decreto18/06/1931 nr.773, 1 comma, con il quale gli obiettori tornerebbero in possesso di tutti i loro diritti 10 anni dopo la fine del servizio sostitutivo civile.Speriamo caldamente che vada a buon fine.
    Navigando su internet ho trovato un sito che intende far valere i diritti degli obiettori in riguardo all?articolo della costituzione italiana che vieta ogni forma di discriminazione ideologica.
    LINK »
    Diego Dalmonego

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook