• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Rai, casini scomunica il cda. gasparri replica: ? legi...
    20
    dic.
    2004

    Rai, casini scomunica il cda. gasparri replica: ? legittimo

    Condividi su:   Stampa

    da www.repubblica.itScambio polemico tra il presidente della Camera e il ministro "Non ? il vertice scelto da noi", ma per l'esponente An ? tutto ok ROMA - Televisione pubblica e riforma della giustizia. Sono stati questi gli argomenti che hanno monopolizzato il tradizionale scambio di auguri natalizi tra il presidente della Camera Pier Ferdinando Casini e la stampa. Due temi sui quali Casini ha dato l'impressione di voler mettere, come si suol dire, "i puntini sulle i", suscitando, per quanto riguarda la Rai, la risentita replica del ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri.

    Riferendosi al vertice di viale Mazzini, il presidente di Montecitorio ha spiegato: ”Il mio giudizio sull’attuale Consiglio di amministrazione lo esprimo subito: non ? quello scelto dai presidenti delle Camere, che avevano optato per una formula che prevedeva una presidenza di garanzia, rappresentativa di aree culturali di opposizione, sulla base del precedente della presidenza della commissione di Vigilanza. Noi abbiamo scelto quel Consiglio, non questo, che ha connotazioni diverse”.
    Affermazioni nette che hanno indotto il ministro delle Comunicazioni Gasparri a replicare immediatamente: “L’attuale consiglio di amministrazione agisce in piena legittimit?, e non sono scaduti i termini”. “La nuova legge ? gi? in vigore – ha aggiunto Gasparri – e sono state avviate le prime procedure”.
    Parlando ancora della Rai Casini ha aggiunto che ”le regole, quando ci sono, vanno seguite. I presidenti delle Camere sono stati opportunamente spogliati dei poteri di nomina del Cda della Rai e non possono svolgere altro ruolo che quello della ‘moral suasion’. Il segretario dei Ds Fassino e i capigruppo dell’opposizione – dice ancora il presidente della Camera – hanno sollecitato Pera e me ad intevenire. Ma qualsiasi nostro intervento creerebbe un precedente pericoloso di interferenza”.
    Altrettanto perentorie le dichiarazioni di Casini sulla giustizia. Dopo i rilievi del Capo dello Stato che
    ha rinviato alle Camere la riforma voluta dalla Cdl, “mi auguro – ha detto il presidente di Montecitorio – che sia votata una legge ampiamente condivisa”. Anche perché, ha precisato Casini, “il Capo dello Stato non ha affatto detto delle banalit?”, e “come al solito ha detto delle cose importanti, che dovrebbero essere la regola e se le dice ? perché evidentemente non sono la regola. Quello che quindi, in astratto, pu? essere configurato come banalit?, in concreto non sono affatto banalit?”.
    “Devo constatare con rammarico – ha poi proseguito il presidente della Camera – che neanche in questa legislatura c’? stata la normalizzazione nei rapporti tra potere politico e potere giudiziario”. “Un cittadino normale che vedesse le dichiarazioni rilasciate dai nostri politici dopo i rilievi del Capo dello stato – ha detto ancora – non capirebbe perché ci siano stati quei rilievi, visto che tutti sono d’accordo. Questa ? una delle singolarit? della politica italiana…”.
    Le affermazioni di Casini sono state accolte con reazioni contrastanti da parte dell’opposizione. Se il ds Giulietti ha apprezzato le parole sulla Rai invitando il Cda a dimettersi, il leader della Margherita Rutelli si ? espresso con scetticismo per quanto riguarda la riforma della giustizia: “Con questo appello non credo che cambi molto, perché l? chi decide ? Berlusconi e non ha mai avuto intenzione di aprire un confronto, ? sempre andato avanti con leggi ad personam, ormai la mia fiducia ? sotto lo zero”.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook