• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Asia, l’oms lancia l’allarme ”le mal...
    29
    dic.
    2004

    Asia, l’oms lancia l’allarme ”le malattie possono fare strage”

    Condividi su:   Stampa

    da www.repubblica.itSecondo gli esperti dell'Organizzazione mondiale della sanit? le epidemie potrebbero fare altrettante vittime del maremoto GINEVRA - L'Organizzazione mondiale della sanit? lancia un allarme planetario: le malattie potrebbero fare altrettanti morti di quanti ne ha fatti il disastroso maremoto che ha colpito domenica l'Asia meridionale.

    Un esperto dell’Oms, David Nabarro, ha detto in una conferenza stampa a Ginevra che per scongiurare una catastrofe sanitaria che raddoppierebbe il numero delle vittime provocate dal disastroso maremoto ? vitale far giungere subito medicine e acqua pura nei Paesi maggiormente colpiti. “Esiste certamente la possibilit? che si possano avere altrettanti morti per malattie trasmissibili di quanti ne sono stati provocati dallo tsunami”, ha detto Nabarro.
    Secondo gli ultimi bilanci provvisori, quasi 70 mila persone sono state uccise dal maremoto.
    La prima vera emergenza che bisogner? affrontare nei paesi del Sud-est asiatico colpiti dal maremoto ? quella dell’acqua, visto che sono andati distrutti acquedotti e sistemi fognari. Una situazione che pu? provocare, secondo gli esperti, il proliferare di epidemie, prima fra tutte quella di colera, seguita da tifo, salmonella, epatite e leptospirosi.
    L’Oms dai suoi uffici europei di Ginevra sta organizzando per domani l’invio di quattro kit d’emergenza con presidi medici, adatti a curare diecimila persone sfollate per tre mesi.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook