• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > A chi l’hanno dato il pacco tedesco?
    11
    gen.
    2005

    A chi l’hanno dato il pacco tedesco?

    Condividi su:   Stampa

    Recentemente ho fatto un ordine di materiale informatico via Internet. Non avendo finora ricevuto alcunch? mi sono rivolto a questa ditta per avere informazioni sul mio pacco e a breve giro di e-mail mi ? stato inviato il numero di pacco tedesco... e qui comincia l'avventura. Con questo numero ho subito telefonato al numero verde delle poste italiane (803 160) e dopo la solita attesa per parlare con un operatore mi ? stato raccontato il tragitto compiuto dal mio pacco che pu? essere cos? riassunto:

    partito dalla Germania ? arrivato a Milano e da qui ? partito alla volta di Trento, da Trento ? andato a Torino dove risulta essere stato consegnato.
    Peccato che io non abiti a Torino ma in un paese a 40 Km da Trento e che a me non ? stato consegnato alcun pacco.
    Alla mia domanda di chiarimenti mi ? stato risposto che io non posso fare reclamo in qualit? di destinatario, un evetuale reclamo deve essere inoltrato dal mittente, e che l’unica cosa che posso fare ? fare denuncia ai Carabinieri.
    Dopo aver ascoltato questa risposta mi sono rivolto alla stazione dei Carabinieri i quali mi hanno detto di rivolgermi alla Polizia Postale in quanto queste cose non sono di loro pertinenza, dandomi per? la loro disponibilit? in caso non venissi ascoltato dalla Polizia Postale.
    Domani mattina mi recher? dalla Polizia postale per sporgere denuncia… saluti,
    Riccardo Molinari

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook