• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Scuola ardea: a gennaio di quale anno?
    01
    feb.
    2005

    Scuola ardea: a gennaio di quale anno?

    Condividi su:   Stampa

    Comitato Scuola Ardea Il mese di gennaio segnava l'ideale spartiacque temporale indicato da Carlo Eufemi, sindaco di Ardea, come data di inizio dei lavori per la costruzione, nei pressi di Via Verona, di un nuovo plesso scolastico destinato ad un intero ciclo delle scuole primarie. Quando gli amministratori di Ardea si spendono in caroselli pubblicitari con evidenti fini propagandistici, il Comitato per la Scuola di Ardea ha imparato che le loro promesse non vengono mai mantenute. Rispettando un copione ormai consunto, anche questa volta, la promessa si ? rivelata essere un fiume di parole vuote; prive di ogni sostegno tangibile se non una serie di disegni che, come in passato, non hanno alcun valore nella realt?. Sono passati sei mesi dal 15 luglio 2004, data di insediamento del sindaco Eufemi ed ? possibile delineare il quadro, finora fallimentare, della sua gestione.

    ————
    ARDEA: LE SCUOLE NON BASTANO ?
    ARDEA: SCOPPIA LA CITTA’, SCOPPIANO LE AULE 2 ?————
    Ci ronzano nelle orecchie le parole pi? volte pronunciate dal sindaco
    nell?illustrare il progetto del plesso scolastico “fantasma”: ?Sicuramente
    inizieremo a costruirla a gennaio. Quindi, per il prossimo anno scolastico
    sar? sicuramente pronta?! Parole fermamente ripetute, al termine
    dell’intervista con “Le Iene”, fuori della scuola media statale “Virgilio”
    ai genitori ed ai rappresentanti del Comitato per la Scuola, “non graditi”
    all’interno della scuola e precedentemente definiti dal medesimo sindaco “faziosi e settari”: ?Come ho detto: a gennaio inizieremo i lavori della nuova scuola?!
    Ad Ardea ? possibile sequestrare una palestra senza certificati sanitari,
    di agibilit? e prevenzione antincendio, perché ­secondo quanto riportato
    dalla stampa- lo chiede il consigliere comunale Fanco, ma le scuole senza
    gli stessi certificati vengono mantenute aperte. La pseudoscuola di via
    Pratica di Mare ? stata teatro di numerosi “incidenti”: dai malori degli
    alunni a causa della “fogna-pesudo canale delle acque reflue” alla
    bottiglietta di acido-disinfettante bevuta da una maestra invece dell’acqua.
    A Campo di Carne cinque aule, motivo di vanto per il sindaco e la sua
    amministrazione, ma ricavate da locali seminterrati, al primo temporale si
    sono allagate.
    E che dire dell’ampliamento della scuola dell’infanzia “S. Antonio” (che
    doveva essere finito al termine delle vacanze di Natale, ma il cantiere del
    quale ? stato chiuso a dicembre per motivi di sicurezza ed i lavori, in alto
    mare, sono ripresi da pochissimi giorni? Sempre a Pratica di Mare i bambini avrebbero dovuto avere nuove aule a partire dalla ripresa delle scuole a gennaio: dove sono? Intanto, nelle mense scolastiche del
    “dopo-avvelenamento” i banchi sono arrivati a dicembre o continuano ad
    esserci tre turni (l’ultimo inizia alle 14.30) come al plesso “Giacomo
    Manz?”.
    Da tempo si parla di topi che infestano le aule, da Via Varese a Campo di
    Carne, con evidenti segni della sgradita presenza anche sui banchi dove
    siedono scolari e studenti, ma gli amministratori ne disquisiscono per
    stabilire se sia pi? pericolosa la presenza diretta dei topi o delle loro
    feci. Intanto, il preside-sindaco perentoriamente afferma che di chiusura
    delle scuole non se ne parla, nemmeno per una adeguata opera di
    disinfestazione e profilassi.
    Le scuole di Ardea, come sempre, rimangono un elemento di secondo piano,
    visto che le commissioni comunali LLPP e Trasporti (presieduta dal sig.
    Tedesco) e Pubblica Istruzione, Cultura, Sport, Turismo (presieduta dal Sig. Dei Santi) pur se sollecitate dalle opposizioni, non si riuniscono perché, da quanto dicono i propri presidenti, “tanto non viene nessuno”. Un modo “originale” di affrontare i problemi della scuola, sia per i servizi (mensa, trasporti, assistenza ai disabili) che per la programmazione dell’edilizia scolastica (scuole dell’obbligo e medie superiori).
    Probabilmente il sindaco-preside Eufemi, impegnato a raggiungere il termine del proprio mandato (cinque anni) proponendo, grazie ai mezzi di
    informazione, un’immagine di se quanto pi? possibile positiva, efficientista e attenta ai problemi della scuola, non ha pi? tempo per dedicarsi al controllo delle attivit? della propria maggioranza ed alle reali necessit? primarie dei cittadini, come, ad esempio, la realizzazione e la gestione di scuole degne di tale nome. Sindaco e
    amministrazione, in altre faccende affacendati, riusciranno a sfornare
    “l’arrosto” o dovremo accontentarci, a causa della cottura troppo
    prolungata, del solito fumo?!
    L’associazione culturale “Comitato per la Scuola di Ardea” mira a soddisfare
    i diritti e le necessit? dei cittadini pi? piccoli, cos? come vengono
    espressi nella “Convenzione sui Diritti del Fanciullo” dell’ONU (New York -
    20 novembre 1989), e in particolare: al benessere fisico, ad un ambiente
    sicuro e pulito, all’informazione, all’educazione, all’istruzione scolastica e al gioco. Tra gli scopi figurano l’organizzazione e lo sviluppo delle forme di collaborazione tra la Scuola e la famiglia ed il confronto con le istituzioni pubbliche proprietarie e responsabili delle strutture scolastiche e della manutenzione delle medesime. L’obiettivo del Comitato per la Scuola di Ardea ? quello di garantire il
    pieno diritto allo studio dei numerosi cittadini in et? pre-scolare e
    scolare che non potendo accedere ad adeguate strutture scolastiche vedono di
    fatto fortemente limitata e compromessa la pubblica istruzione. Il Comitato per la Scuola di Ardea ? presente su Internet agli indirizzi:
    www.comitatoscuola-ardea.mclink.net – comitatoscuola-ardea@mclink.net

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook