• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Lo strano caso del vicedirettore proscritto
    09
    feb.
    2005

    Lo strano caso del vicedirettore proscritto

    Condividi su:   Stampa

    Marco Travaglio per l'Unit? La vicenda di Oliviero Beha Questa ? la storia di un vicedirettore della Rai che da due anni non pu? lavorare, né alla tv né alla radio. E. da due mesi, non pu? comparire nemmeno in uno spot a pagamento. Il suo nome ? Oliviero Beha. Avendo scritto un libro nel copioso tempo libero che l?azienda gli lascia, aveva pensato di pubblicizzarlo. Ma il cosiddetto servizio pubblico, dopo aver firmato regolare contratto, ha bloccato tutto per ordine del direttore Flavio Cattaneo. Non stiamo parlando di un comunista, di un criptocomunista, di un veterocomunista, di un cattocomunista. Ma di un giornalista talmente lontano dal terrore, dalla miseria e dalla morte che nel 2002 il professor Antonio Baldassarre, presidente del primo cda berlusconiano, lo assunse in viale Mazzini come vicedirettore di RaiSport. ?Fosse per me la farei direttore?, gli disse amabile, ?ma visto che lei non ha un partito posso farla solo vicedirettore vicario. Comunque cambia poco: lei dovr? rifondare lo sport della Rai, poi da cosa nasce cosa??. Beha non dispiace alla Lega, per le sue seguitissime inchieste radiofoniche in difesa dei cittadini-consumatori, prima con Radio Zorro, poi con Radio a Colori (la pi? seguita di tutta Radio1). E viene difeso da Forza Italia in una dura polemica con Paolo Serventi Longhi, segretario della Fnsi. Per un po? lo studiano, lo sondano, lo annusano. Poi, quando scoprono che ? privo di collare, lo scaricano. A RaiSport gli lasciano fare poco o nulla: si scontra pi? e pi? volte con l?uomo forte di An, Fabrizio Maffei. Prima cura qualche programma, poi gli danno il notiziario sportivo del pomeriggio, ma a giorni alterni. Gli rimane Radio a Colori, ma anche l? dura poco.

    Il muro di gomma
    L?inizio della fine, per Beha, ha una data precisa: l?11 novembre 2003. Quel giorno l?ex direttore di RaiSport Paolo Francia (area An, gi? biografo di Gianfranco Fini) denuncia alla Vigilanza gli sprechi, gli scandali, le marchette e le pubblicit? occulte delle dirette sportive. Beha, che di quel settore ? almeno sulla carta ? ? il numero due, chiede di parlare con Cattaneo. Che lo riceve il 17 dicembre: ?Caro dottor Cattaneo, ho letto la denuncia di Francia, e qui i casi sono due: o lei lo denuncia per calunnia a nome dell?azienda, o apre un?inchiesta per vedere se le sue accuse sono vere?. Cattaneo minimizza: ?Guardi che non ce l?hanno mica con lei? Comunque non si preoccupi, lasci perdere, le inchieste interne non sono mai servite a nulla, viva tranquillo. Ci rivediamo dopo le feste?. Dopo le feste Beha tenta di rivederlo, ma non viene pi? ricevuto. Muro di gomma. Allora, ? il febbraio del 2004, chiede udienza ai consiglieri d?amministrazione, per illustrare lo strano caso di RaiSport e del dottor Cattaneo. L?unico che non lo riceve ? il forzista Angelo Maria Petroni, con questa motivazione: ?Io sono un amministratore, lei ? un giornalista, che vuole da me??. Marcello Veneziani invece ? gentilissimo: ?Hai ragione, Beha, qui ci vuola pi? efficienza?. Poi sparisce: mai pi? sentito. Rumi, appena Beha comincia a raccontare, lo ferma: ?Abbia pazienza, sono un uomo anziano??. Alberoni invece, ancor prima riascoltarlo, domanda: ?Dimmi la verit?, Oliviero: ? una censura politica??. Beha: ?Non so, vedi tu?. Alberoni: ?Non ti preoccupare: ora chiamo Tarek Ben Ammar che ? un mio amico e che ha rilevato le frequenze di Telepi?, vedrai che ti prende lui?. Beha: ?Ma io sono un vicedirettore Rai che vorrebbe lavorare per l?azienda che lo paga, e di cui tu sei consigliere d?amministrazione. Che c?entra Ben Ammar??. Parole al vento.
    Proposta indecente
    Ultimo giro, nello studio di Lucia Annunziata, la famosa ?presidente di garanzia?. Anche lei, gentilissima. Un?ora di chiacchierata sulla situazione generale, la politica italiana, Berlusconi, la sinistra, la situazione internazionale, tutto lo scibile umano. Poi Beha viene al dunque: ?Sono un vicedirettore di questa azienda, ma non mi fanno lavorare?. Annunziata: ?Senti amm?, l?importante in televisione ? apparire, andare in onda. Facciamo cos?: tu restituisci la vicedirezione, che tanto non te ne fai niente, e vedrai che ti fanno un bel contratto come ospite fisso a ?Quelli che il calcio?. Poi vediamo??. Beha trasecola: ?Ospite della Ventura? Ma lo sai o non lo sai che quel programma l?hanno copiato pari pari dal mio ?Va pensiero?? E poi che c?entra l?ospite fisso con il mio incarico??. Incomunicabilit? totale, discorso chiuso.
    Intanto, a denunciare pubblicamente le pubblicit? occulte della Rai, ci pensa Striscia la Notizia. Cattaneo vince il tapiro d?oro e, nell?occasione, ringrazia Antonio Ricci per la preziosa denuncia. E assicura che, ora, la Rai presenter? un esposto contro ignoti alla Procura di Roma per smascherare i marchettari. Cattaneo telefona pure, a Ricci, che lo racconter? ai pm romani titolari dell?inchiesta: ?Mi disse che, per ripulire la Rai da tutti gli scandali, ci vorrebbe una denuncia al giorno?. Beha ? sconcertato: se le cose le dice Striscia su Mediaset, Cattaneo ringrazia e denuncia; se le dice Francia e Beha chiede spiegazioni, le porte e le bocche rimangono chiuse. E non ha ancora visto tutto, perché ben presto ? siamo nel maggio 2004 ? viene ufficialmente deposto da vicedirettore di RaiSport, degradato a caporedattore con stipendio decurtato. Poi, con la scusa dell?estate, gli chiudono pure Radio a Colori, che non riprender? pi?.
    Processo Kafkiano
    Jimmy Ghione di Striscia va a intervistarlo. Lui racconta il suo faccia a faccia con Cattaneo, e soprattutto il risultato finale: ?Io una settimana fa sono stato deposto da vicedirettore: traete voi le conclusioni??. Per quella frase e alcune altre dichiarazioni ai giornali, in giugno la Rai lo sospende pure dallo stipendio per 4 giorni al termine di un ?processo? disciplinare-farsa, roba da Vishinskij all?amatriciana. Ci sono gli avvocati della Rai, c?? il rappresentante dell?Usigrai, c?? l?avvocato Domenico D?Amati che difende Beha, e c?? Beha. Il quale domanda: ?Mi state processando per quel che ho detto a Cattaneo. Ma Cattaneo dov????. E gli avvocati Rai: ?Il dottor Cattaneo non c??, non ? venuto?. Beha: ?Alla fine chi decide se ho ragione o torto, se sono passibile di sanzione disciplinare??. Avvocati Rai: ??Il dottor Cattaneo?. Condannato a 4 giorni di sospensione dallo stipendio, Beha viene raggiunto da un giornalista dell?Ansa per un commento. Ma ? costretto a declinare: ?Se parlo, mi prendo un?altra sospensione?. Domanda: ?Ma non c?? l?articolo 21 della Costituzione??. Risposta: ?Mah, forse mi sono distratto: dev?essere decaduto?. Per questo la Rai avvia un nuovo procedimento disciplinare contro Beha, e lo condanna ad altri 7 giorni. Totale 11, record di tutti i tempi. Ma ? anche la conferma che l?articolo 21, in Viale Mazzini, ? soppresso.
    Avendo molto tempo libero, Beha scrive un libro, ?Sono stato io?: mezzo diario, mezzo romanzo autobiografico intorno all?idea semiseria di un attentato a Berlusconi. Lo pubblica, nel settembre 2004, l?editore Marco Tropea (gruppo Il Saggiatore). Ottime vendite, 10 mila copie bruciate in poche settimane. Intanto, il 5 ottobre, il Tribunale di Roma ordina alla Rai, con ordinanza urgente, di far lavorare Beha. La Rai ricorre e gli fa una proposta indecente: seguire i ?rapporti con i new media? e le ?iniziative editoriali legate alle nuove tecnologie? (proposta che il 24 gennaio 2005 il Tribunale, respingendo il ricorso di Viale Mazzini, giudicher? inadeguata, generica e non giornalistica).
    Divieto di spot
    A fine novembre, l?editore Tropea firma un contratto con la Sipra ? la concessionaria pubblicitaria della Rai ? per pubblicizzare il libro su Radio1. Visto che da maggio Beha non va pi? in onda col suo programma, gli ascoltatori riascolteranno la sua voce in uno spot che parla del libro per 30 secondi.
    Questo: ?Sono Oliviero Beha. Al momento non vado in onda, ma sono in libreria con un romanzo autobiografico che si intitola ?Sono stato io?, Marco Tropea Editore. Naturalmente, dentro, ci siete anche voi. Per non dimenticare: ?Sono stato io?. Buona lettura.?. Il primo spot, per contratto, ? previsto per il 13 dicembre. Ma alla vigilia l?ufficio marketing della Sipra telefona al Saggiatore: ?Spiacenti, ma lo spot non pu? andare in onda. Il vertice Rai l?ha bloccato. Hanno telefonato da molto in alto??. L?Editore ? allibito: ?Ma come, avete firmato un contratto! Cos? fate un danno a noi, ma anche alla Rai?. La direzione generale della Rai invoca l?articolo 11 dei contratti pubblicitari: quello che le consente il ?diritto di rifiuto? degli spot per ?esigenze connesse alla natura di servizio pubblico?. La clausola che tutela l?azienda da spot pornografici o blasfemi. Ecco: anche Beha lo ?. Non pu? andare in onda nemmeno dopo che ha vinto due cause in Tribunale. Nemmeno a pagamento, sotto forma di spot. Non gli resta che la pubblicit? occulta. Quella che lui aveva denunciato, rimettendoci il posto. Quella, pare, si pu?.
    Marco Travaglio per l?Unit? di oggi

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook