• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’ultimo miglio, infostrada, il 155 e le risorse...
    24
    feb.
    2005

    L’ultimo miglio, infostrada, il 155 e le risorse esaurite

    Condividi su:   Stampa

    Il 17 Settembre 2001, sollecitato e incuriosito da una pubblicit? televisiva, chiamavo l?155 per essere informato in merito all?offerta di telefonia fissa ?SOLO INFOSTRADA?. Un solerte consulente mi riferiva, tra le altre caratteristiche dell?offerta, che al massimo entro due o tre bimestri sarei stato ?liberato? completamente da ogni vincolo con Telecom e quindi dal pagamento del canone all?ex gestore nazionale. Ho sottoscritto l?offerta.

    Sono trascorsi tre anni e mezzo, pago ancora il canone a Telecom ed Infostrada ? assolutamente latitante. Ho trascorso ore al telefono in attesa che un ?consulente? mi rispondesse ed ho imparato che il cliente Infostrada dopo ore di attesa telefonica, deve accontentarsi di una delle risposte comprese nel ?manuale del bravo consulente Infostrada? (ora Wind) e se si telefona tre volte e si parla

    con tre ?consulenti? diversi, si hanno tre risposte diverse. Poi a Giugno 2004 la svolta, o meglio una nuova farsa. Interpello una ennesima volta Infostrada che mi comunica tramite un suo ?consulente?: ?Telecom ha concesso l?accesso alla centrale dove ? connessa la sua linea telefonica… ma… sono esaurite le risorse?. Cosa vuol dire? Il ?consulente? mi ha spiegato che sono state operate tutte le ?migrazioni? possibili al momento da Telecom ad Infostrada e la mia linea non era compresa tra quelle in spostamento. Ho chiesto: ?Ma non dovrebbe essere rispettato un ordine cronologico che rispetti le date dei contratti con Infostrada? Io sono stato uno dei primi ad aderire! E poi vorrei sapere se tutti coloro che hanno beneficiato dello spostamento avevano presentato la domanda prima di me?. A questo punto il ?consulente? mi ha detto che non era in grado di potermi rispondere e mi consigliava di inviare un fax direttamente ad Infostrada. A volte, dopo oltre tre anni di inutile, sterile e solitaria attesa, anche l?utente si esaurisce. Ad Ottobre 2004 interpello ancora una volta l’155 ed un “bravo consulente Infostrada” mi dice: Ma chi le ha detto che le risorse sono esaurite? Lei ? connesso su una centrale dove noi non abbiamo accesso. A questo punto, il 7 Ottobre2004, ho inviato un fax ad Infostrada (unico sistema di contatto diretto con l’azienda in quanto i “consulenti” sono assolutamente estranei alla stessa) chiedendo di poter parlare con un “essere vivente” dipendente di Infostrada. Mi arriva un fax di risposta (? una specie di prestampato) “GENTILE CLIENTE, I NOSTRI TENTATIVI DI CONTATTARLA, PER POTERLE FORNIRE LA RISPOSTA AL CASO DA LEI PRESENTATOCI, NON HANNO AVUTO ESITO POSITIVO. LA INVITIAMO PERTANTO A RIVOLGERSI AL NOSTRO SERVIZIO CLIENTI CHIAMANDO IL NUMERO 155 ATTIVO TUTTI I GIORNI, 24 ORE SU 24″ e poi naturalmente mi inviano anche i loro distinti saluti. A Dicembre 2004 decido di interessare l’Autorit? per le Garanzie nelle Comunicazioni e quindi devo produrre una documentazione, ma mi accorgo di aver smarrito il contratto da me sottoscritto con Infostrada e infatti gi? il 29 Novembre 2004 avevo fatto richiesta di copia al 155 ma non mi ? stato inviato nulla. Rinnovo la richiesta il 10 Dicembre 2004 ma anche questa volta non mi arriva nulla. Decido quindi di inviare un fax ad Infostrada. “Perch? non mi inviate copia del contratto?… e non rispondetemi con la… lettera farsa!!” in risposta mi ? arrivato un altro prestampato identico al primo. Ora mi domando: A chi conviene tutto questo? Forse a Telecom ed Infostrada. Infatti mentre oggi Telecom incassa da me un canone bimestrale di circa 30 euro ed Infostrada un canone bimestrale di circa 60 euro, se la mia linea fosse disconnessa da Telecom io pagherei esclusivamente i 60 euro circa ad Infostrada e quindi Telecom perderebbe un incasso di circa 30 euro e dovrebbe accontentarsi di un canone ben inferiore (10 euro?) che Infostrada dovrebbe pagare a Telecom per l?accesso alla centrale. Quindi anche Infostrada verrebbe a perderci da questa nuova situazione. Pi? che libera concorrenza mi sembra libera spartizione. Telecom, da me interpellata, in merito alla possibilit? di accesso alla centrale dove ? connessa la mia linea telefonica mi informa che la centrale ? accessibile ad altri gestori, infatti Albacom e Fastweb sono presenti da circa un anno. Evidentemente Infostrada non ha interesse (economico) ad occupare una postazione in quella centrale. Infine vorrei precisare che TUTTE le volte che si chiama l’155 e si comincia a parlare del problema della mancata disconnessione da Telecom… magicamente la comunicazione si interrompe!!! Roberto Mattoni

    Postato da Amministrazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook