• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’omaggio degli italiani a calipari
    07
    mar.
    2005

    L’omaggio degli italiani a calipari

    Condividi su:   Stampa

    da www.corriere.it Camera ardente aperta tutta la notte, oggi i funerali a Roma Migliaia di persone hanno reso omaggio alla salma dell'agente ucciso a Bagdad Almeno diecimila persone hanno reso l'ultimo saluto alla salma di Nicola Calipari, nella camera ardente allestita al Vittoriano. L'omaggio alla salma prosegue ancora a tarda sera, con una lunga fila di persone, nonostante la pioggia. E nessuno di coloro che visitiano la camera ardente dell'agente ucciso dimentica di lasciare un messaggio o un ricordo scritto nei quaderni messi a disposizione dei presenti all'uscita del complesso monumentale. ?? il pi? triste giorno della mia vita, Nicola sei un nostro eroe?, recita uno dei tanti messaggi lasciati per il funzionario morto a Bagdad. Frequente la parola ?eroe?, ma anche la richiesta di pace. Tra le corone, anche quella del manifesto.

    La camera ardente rimane aperta tutta la notte, senza interruzioni, fino alle 9.30 di luned?. I funerali di Stato si svolgeranno alle 11 nella chiesa di San Maria degli Angeli, presente il premier Berlusconi. La cerimonia sar? trasmessa in diretta dal Tg1, dal Tg4 e da Sky Tg24. Giuliana Sgrena, ancora ricoverata al Celio, non potr? essere presente alle esequie. Hanno invece annunciato la propria partecipazione ai funerali il fratello della giornalista, Ivan, e Michele Bruno, sindaco di Masera, citt? dove vivono i genitori della Sgrena.
    ? stato accolto da un lungo applauso quando ? giunto al Vittoriano il feretro di Nicola Calipari, avvolto da una bandiera tricolore. Il sottosegretario di Stato, Gianni Letta, ha abbracciato commosso la vedova. Una folla commossa si ? messa subito in fila per rendere omaggio alla salma, qualcuno era arrivato fin dalle 8.30 del mattino. La camera ardente ? stata aperta all’Altare della patria a mezzogiorno, dopo che sul corpo del funzionario del Sismi ? stata eseguita l’autopsia. Bandiere tricolori e quelle arcolabeno della pace, mazzi di fiori ma soprattutto tanta commozione.
    ?L’intera nazione italiana esige di conoscere i responsabili dell’uccisione di Nicola Calipari ed esige che essi siano chiamati a rispondere in modo rigoroso?, ha detto Francesco Rutelli, leader della Margherita, rendendo omaggio alla camera ardente dell’agente ucciso. ?Non chiamiamo in causa l’antiamericanismo – ha detto ancora Rutelli -, ? un’esigenza di giustizia e di dignit??. Anche il presidente della Regione Lazio, Francesco Storace, ? andato al Vittoriano per l’ultimo saluto a Calipari. ?Il governo deve fare tutto per assicurare alla giustizia chi ha commesso questo delitto?, ha detto.
    I risultati dell’autopsia hanno rivelato che l’agente ? morto sul colpo, ucciso da un solo proiettile. L’esame si ? svolto all’Istituto di medicina legale dell’Universit? La Sapienza di Roma. Il colpo lo ha raggiunto alla testa, nella regione parieto-occipitale, uscendo poco sopra l’orecchio sinistro. ?Un colpo da destra a sinistra, lievemente dall’alto in basso?, ha spiegato il dottor Giancarlo Umani Ronchi. ?Un solo colpo alla testa, che ? stato mortale – ha aggiunto il direttore dell’istituto, Paolo Arbarello -. E’ stata una morte istantanea, che per pochissimi centimetri poteva essere risparmiata?.
    Sul corpo del funzionario del Sismi ? stata trovata anche una piccola ferita di striscio alla caviglia destra ma, secondo i medici, ?quasi sicuramente si tratta di un colpo di rimbalzo vista la quantit? di proiettili di cui ? stata oggetto la vettura?.
    Il segretario della Difesa Usa, Ronald Rumsfeld, ha espresso ?rammarico? per la morte di Calipari. Lo ha reso noto il ministero della Difesa italiano. Rumsfeld ha telefonato al ministro della Difesa Antonio Martino per ?esprimergli il rammarico dell’amministrazione americana e suo personale per la morte di Nicola Calipari?.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook