• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > 100 euro persi per cercare di telefonare
    17
    mar.
    2005

    100 euro persi per cercare di telefonare

    Condividi su:   Stampa

    Vi invio copia di una e-mail spedita oggi alla Telecom Italia tramite il sito www.187.it. A proposito, si nota che nel sito suddetto (e neanche in www.telecomitalia.it) non ? previsto un contatto che rientri nella categoria 'reclami'. SO che il mio gesto ? vano, ma forse riesco a sfogarmi per l'ennesimo torto subito. Cordiali saluti, Maurizio Rosson

    LA LETTERA:
    Da tempo ho rinunciato ad usare le schede telefoniche prepagate (per telefonia pubblica), esasperato dalla smagnetizzazione delle stesse, spesso una volta inserite nell’apposita fessura. Non solo, quando uso monete, sono obbligato a verificare l’agibilit? della fessura immettendo monetine kamikaze da 1, 2 o 5 cents (dopo aver perso per incastro, svariate volte, importi pi? sostanziosi). Scopro infatti, a mio discapito e non ? la prima volta, che una volta composto il numero, se non risponde nessuno, nel riattaccare pu? avvenire che sul display si legga la scritta ‘telefono temporaneamente fuori servizio’. A questo punto si odono strani rumori meccanici, dopodiché vengono ‘inghiottite’ le monete senza che sia pi? possibile recuperarle. In questo modo oggi ho perso ? 2.30. E se faccio un calcolo sommario, tra monete e schede la Telecom Italia in questi ultimi anni mi ha rapinato di una cifra che si aggira tra i 50 e i 100 euro.
    Prima di installare un telefono fisso in casa, ci penser? bene.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook