• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Lo spam ipnotizza con il latino
    27
    mag.
    2005

    Lo spam ipnotizza con il latino

    Condividi su:   Stampa

    da www.punto-informatico.it Alcune segnalazioni parlano di un singolare messaggio di spam capace di superare alcuni filtri: scritto in latino propone l'acquisto delle solite pilloline miracolose Se c'? una cosa che non manca a molti spammer professionisti ? una certa creativit? nel confezionare messaggi tanto invasivi quanto capaci, almeno in certi casi, di superare molti dei filtri antispam tradizionalmente usati dagli utenti internet. ? quanto accade con una mail che sta arrivando a molti in queste ore, un messaggio antico, scritto in latino, per vendere droghe modernissime.

    Spedito, come sempre in questi casi, da un mittente fasullo per rendere complessa l’individuazione dell’autore dello spam, il messaggio propone un lungo passo su cui potr? persino riflettere chi conosce la lingua dei cesari:

    “(…) sacrificiis suis animantia, et illis honoribus invitaturus mihi sine ulla cogitatione qualiscumque corporis sensibus, quos numeramus; Docebam in illis annis artem rhetoricam, et victoriosam loquacitatem lectionem non intellegens, totumque talem arbitrans, distuli abicerentur ex animo meo: sed non poteram. Verum tamen de ipso mundi quia aetatis accessu peritura sunt. quod licet probes, cum ferri aequo erat, unde faceres ea, deus, una trinitas et trina unitas: et ideo de continebat, cogitando quasi colligere atque animadvertendo curare, ut tuae(…)”.

    Si tratta di un passo delle Confessioni di Sant’Agostino, un testo notissimo disponibile in rete anche tradotto in italiano. Un testo utilizzato in questo caso per “promuovere” la vendita di farmaci che qualunque utente Internet ha suo malgrado imparato a conoscere: Viagra, Cialis, Levitra e persino “Viagra soft”…

    Difficile capire perché si sia ricorsi a Sant’Agostino: di certo d’ora in poi i filtri antispam dovranno imparare ad intercettare anche messaggi che vengono da un tempo lontano, molto lontano.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook