• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Berlusconi ha sempre ragione…
    09
    giu.
    2005

    Berlusconi ha sempre ragione…

    Condividi su:   Stampa

    da www.articolo21.info di Vittorio Emiliani Lo so, non dovrei dirlo, ma Berlusconi ha sempre ragione. Su Enzo Biagi, per esempio. Adesso sostiene che lui ha sempre parlato di un ?comportamento non appropriato? (di Enzo, naturalmente) in televisione. E a Sofia allora? E? vero, ma gli usc? quell?espressione ?comportamenti criminosi?, riferita a Biagi, a Santoro e a Luttazzi, soltanto perché era l? in visita ufficiale e uno, quando ? all?estero, per giunta in visita ufficiale, se si sente attaccato, deve fare un po? la faccia feroce.

    Mica pu? sempre scherzare col gesto delle corna dietro la testa di un altro premier. Che poi, pure l?, non andava bene. In realt?, ai giornalisti italiani non ne va bene una : non va bene il Berlusconi che, scherzando, alza il dito medio e va ancora peggio il Berlusconi che, per una volta, assume una espressione severa.
    Dunque, la televisione di Biagi e degli altri ?epurati? era soltanto non appropriata, domani sar? magari giudicata poco appropriata, e per?, intanto, sono passati tre, quasi quattro anni dal discorso di Sofia e la cacciata dalla Rai dei personaggi scomodi ? continuata. In silenzio, magari. Via tutti i protagonisti della satira. Via i fratelli Guzzanti. Via persino Gene Gnocchi dalla grande serata del luned? dove lanciava qualche freccetta insieme a Maurizio Crozza.
    Via Massimo Fini che di sinistra certo non ? e per? pensa con la sua testa.
    Via Oliviero Beha dalla vice-direzione dello Sport e via anche da ?Radioacolori? dove, come si dice a Milano, voleva raddrizzare le gambe ai cani (nemmeno questo va bene, pu? farlo soltanto lui, Silvio). A Oliviero hanno controfferto cinque, magari dieci minuti, a mezzanotte. Gentili. Rimane Cornacchione, rigorosamente su Raitre.
    Come ?Ballar??, sta? attento Floris ché una volta Alemanno il ditino l?aveva gi? alzato contro di te. Non ridere troppo, ché non c?? proprio niente da ridere.
    Dicono in molti : il vero segnale che una svolta in Rai ? possibile, sarebbe il ritorno di Enzo in prima serata, subito. Ne sono convinto io pure. Aspettiamo il nuovo vertice Rai e vediamo. Temo che ci diranno che ad un anno delle elezioni, forse non ? un comportamento appropriato. Ma, comunque, insistiamo e vediamo.
    Posso aggiungere una cosa ? Ma se Berlusconi ? cos?, se attorno a lui gli dicono soltanto di s?, se ? lui che decide tutte le cose che contano, ma come si fa a pensare (a pensare soltanto) che possa accedere all?idea di un presidente e di un direttore generale ?di garanzia?? Fatto com??, ai suoi occhi non c?? nessun bisogno di garanzia. Garantisce lui, per tutti. E basta.
    E allora il centrosinistra faceva forse una figura migliore se, invece di lasciarsi invischiare in queste trappolette, si fosse limitato a proporre per il CdA della Rai tre rappresentanti senza una esplicita targatura politica, tre quadri Rai di alto profilo ormai in et? ?senatoria?.
    Punto e basta. In attesa delle elezioni e, speriamo, di abrogare la Gasparri subito dopo.
    Lo so che in Rai i ?professori? non sono mai stati popolari (tanto meno oggi che qualcuno sostiene che ?adesso ? tornata la politica?), ma a me Paolo Murialdi un giorno disse:?Ricordati, Vittorio, quando vai a discutere con quelli l?, devi pensare che cercheranno, come si dice a Milano, di ?farti su?. Loro, sono sempre cos??. Ciao, Paolo. Grazie.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook