• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Sui blog cinesi di microsoft vietato parlare di democr...
    15
    giu.
    2005

    Sui blog cinesi di microsoft vietato parlare di democrazia

    Condividi su:   Stampa

    da www.repubblica.itMicrosoft vieta la "democrazia" in Cina. Non in senso materiale, ma semantico. Secondo quanto riportato dal Financial Times infatti, Msn Spaces, il servizio gratuito di blogging offerto dalla Microsoft, impedirebbe agli utenti cinesi di utilizzare alcune parole come "democrazia", "movimento democratico" e "indipendenza di Taiwan" per descrivere il contenuto dei propri blog.

    Quando gli utenti inseriscono una di queste parole-chiave nel sommario del blog – che ne determina la visibilit? e la possibilit? di rintracciarne i contenuti – si vedono comparire un asciutto messaggio di errore che recita: “Questo articolo contiene un linguaggio proibito. Si prega di cancellare il linguaggio proibito dall’articolo”.

    Difficile interpretare il messaggio in termini ambigui, se non come la scelta da parte del gigante di Redmond di farsi spazio nel mercato cinese nel rispetto delle regole imposte dal governo di Pechino.

    Quest’anno Microsoft Network ? stato infatti il primo servizio internazionale ad avere ottenuto una licenza per servizi di telecomunicazione a valore aggiunto in Cina. Tuttavia la licenza non ? gestita direttamente da Msn, ma dalla Shanghai Msn Network Communications Technology, una joint venture controllata al 50% da Microsoft e al 50% dalla Shangai Alliance Investment, societ? d’investimento del comune di Shangai. Anche le news pubblicate sul portale cinese di Msn vengono appaltate a societ? esterne cinesi.

    Sulla vicenda dei blog, Microsoft ha declinato ogni commento, mentre la joint venture si ? limitata a dichiarare al quotidiano finanziario che “Msn rispetta le leggi e i regolamenti di ciascun paese in cui opera.” E ha aggiunto che il codice di condotta di Msn Spaces vieta la pubblicazione di contenuti che “violano le leggi locali e internazionali”. Come a dire, se qui “democrazia” ? un termine scandaloso, noi ci adeguiamo.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook