• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > I numeri dell’informazione giuridica ed economic...
    01
    lug.
    2005

    I numeri dell’informazione giuridica ed economica in rete

    Condividi su:   Stampa

    da www.francoabruzzo.it Sono oltre 17 milioni gli italiani che si sono connessi ad internet nel mese di maggio 2005, con una media di 11 ore impiegate da ogni navigatore per consultare oltre 1000 pagine. L'indagine condotta mensilmente da Nielsen//Netratings per conto di Audiweb (www.audiweb.it), organismo di riferimento per le rilevazioni dell'audience di internet in Italia, fotografa una realt? in continua crescita, dove il veicolo digitale gioca ormai un ruolo autonomo nell'ambito dell'informazione. Si comprende quindi come il settore dell'informazione giuridica ed economica trovi nella rete uno sbocco naturale, incontrando una crescente domanda di contenuti di qualit? "in tempo reale".

    Tra i dati relativi al mese di maggio, tratti dall’indagine panel e dal report censuario pubblicati da Audiweb, si segnalano infatti prevedibili conferme ed interessanti novit?:

    - l’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it), una delle pi? consolidate presenze pubbliche in rete, registra circa 30 milioni di documenti consultati da 900.000 italiani;

    - di tutto rilievo anche i numeri del pi? diffuso quotidiano economico nazionale, Il Sole 24Ore (www.ilsole24ore.com), che con circa 13 milioni di pagine visitate da oltre 700.000 lettori si conferma ai vertici della stampa di settore anche su internet;

    - TGFin (www.tgfin.it), testata di informazione finanziaria del gruppo Mediaset, si attesta sulle 2.200.000 pagine consultate da 220.000 lettori;

    - sono infine quasi 280.000 i lettori che consultano 2 milioni di documenti di Altalex (www.altalex.com), testata web leader nell’informazione per i professionisti del diritto.

    L’ordine di grandezza di queste cifre indica chiaramente che anche nel settore giuridico ed economico internet ha abbandonato il ruolo da comprimario dei media tradizionali, attestandosi come insostituibile strumento di lavoro per milioni di operatori.

    (Fonte: Audiweb – www.audiweb.it)

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook