• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > ”il matto” 2005
    15
    lug.
    2005

    ”il matto” 2005

    Condividi su:   Stampa

    Carissimi Amici, come vi ho anticipato quest'anno la consueta Festa del premio ?IL MATTO? e' fissata per Sabato 16 Luglio. Questo il programma: nei giardini Baronali di Palazzo Crova alle 18.30, aperitivo aperto al pubblico "il Matto incontra il Sigaro Toscano" ed il giornalista Oliviero Beha firmer? le copie dei sui ultimi libri "Sono stato io" e "Crescete & prostituitevi" il tutto con la colonna sonora dei "Fiati Pesanti".

    In Cascina Scrimaglio in Regione Scrimaglio alle 20.30 la cena esclusiva ad inviti e consegna Premio il Matto. Degustazione Sigaro Toscano Riserva guidata da Stefano Fanticelli del Club Maledetto Toscano.
    Un caro saluto
    Pier Giorgio Scrimaglio
    ————
    Philippe Daverio ? il Matto 2005
    NIZZA Monferrato. Da sabato sera 16 luglio Philippe Daverio, entrer? nel novero dei ?Matti? di casa Scrimaglio: il Critico d?Arte, infatti, ha accettato il particolare premio che la cantina ogni anno assegna ad un personaggio distintosi per Genio e Sregolatezza nel suo lavoro al punto da ?esser preso per matto? e forse visionario, sicuramente sognatore. Matto dell’Arte Philippe Daverio ? nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, in Alsazia, e vive a Milano dove ha avuto inizio la sua attivit? di mercante d?arte. Quattro le gallerie d?arte moderna da lui inaugurate, di cui due a New York. Assessore alla Cultura a Milano dal 1993 al 1997, si ? occupato del restauro e del rilancio di Palazzo Reale a Milano. Opinionista per ?Panorama?, ?Liberal?, ?Vogue?, ?Gente?, consulente per la casa editrice Skira, Philippe Daverio si ? sempre definito uno storico dell?arte. Cos? infatti lo ha scoperto il pubblico televisivo di Raitre: nel 1999 in qualit? di ?inviato speciale? della trasmissione Art??, nel 2000 come conduttore di Art.t?, oggi autore e conduttore di Passepartout, programma d?arte e cultura che ha avuto grande successo e riconoscimento di critica e di pubblico.
    Si occupa inoltre di strategia ed organizzazione nei sistemi culturali pubblici e privati, e svolge attivit? di docente: ? incaricato di un corso di Storia dell?arte presso lo IULM di Milano, e di corsi di Storia del design presso il Politecnico di Milano e presso la facolt? di Architettura di Palermo.? Insieme a lui saranno premiati ?Matti? di altre categorie:
    Matto della Musica sar? Stefano Cecchi che ha fondato nel 2001 una casa di produzione la Stefano Cecchi Records (www.stefanocecchirecords.com), diventata in soli quattro anni una delle prime etichette indipendenti di musica lounge e chill out con quasi un millione di copie vendute nel mondo e 36 produzioni distribuite in oltre 40 paesi. Una vera e propria escalation di successi, a partire dalle compilations tratte dalle sfilate di moda Fashion Week, con la partecipazione delle maggiori case di moda: Dolce & Gabbana, Prada, Armani, Fendi, Jil Sander per arrivare alle piu’ rinomate San Carlo/Buddha Bar Chill Out in Paris . Inoltre progetti Disco-brand realizzati con marchi come Diesel, Kerastase/L’Oreal, Swatch, Zegna e Zara. Con la societa’ controllata di Londra, la Cecchi Publishing UK, ha realizzato spot pubblicitari, dvd, musiche per films e progetti di architettura musicale per diverse catene di brands multinazionali coprendo oltre 20,000 retail spaces nel mondo. La sua societa’ divenuta una holding, vanta oggi partecipazioni in altre aziende di moda quali Hydrogen e Melody Maker Spain, di ristorazione Posto/ Posto 2 e di publishing con SCP London. Matto della Pubblicit? sar? Stefano Quaglia Alessandrino di nascita e langarolo di adozione, Stefano Quaglia muove i suoi primi passi a Milano nel lontano 1986, quand?era ancora molto giovane, dopo una laurea in lettere moderne a indirizzo spettacolo conseguita a Genova. Nella capitale morale parte come account manager in agenzie come Publicis, BBDO e BJKE. Poi capisce che forse ? meglio lavorare in un campo pi? vicino a quello per il quale ha studiato e passa nel 1991 in casa di produzione, cominciando come producer in Politecne Cinematografica. Nel ?96 arriva in BRW & Partners, diventandone socio- di estrema minoranza-tre anni dopo. Con Lorenzo Cefis, Lorenzo Ulivieri e Federico Brugia, fonda nel marzo 2002 The Family, casa di produzione che opera a Milano, Roma e Madrid. Oggi fa il produttore esecutivo,(campagne,una su tutte, ?se scappi ti sposo” cliente TIM) ed il padre di famiglia di due maschi terribili ma molto simpatici nell?imminente attesa di un terzo, sempre maschio.
    Il Matto dei Fumetti sar? Sergio Bonelli, senza dubbio il nome pi? importante nel panorama fumettistico nostrano. Il suo nome – il suo cognome, in realt? – ? ormai diventato sinonimo stesso di fumetto. Basta vedere l’aura di rispetto, quasi di devozione, che lo circonda quando arriva nelle varie fiere del fumetto, per rendersi conto di quanto davvero significhi il suo lavoro per i lettori di casa nostra. Probabilmente non c’? uno solo, dei sessanta milioni di italiani, che non abbia letto almeno una volta un albo pubblicato dalla sua casa editrice. Sergio Bonelli Editore ? presente sul mercato del fumetto italiano fin dagli anni ’40, ed ? l’indiscusso leader del settore con oltre 25.000.000 di copie vendute annualmente. Queste le sue produzioni: DYLAN DOG Dal 1986; KEN PARKER Dal 1977; LEGS Dal 1995; MARTIN MYSTER Dal 1982; MISTER NO Dal 1975; NATHAN NEVER Dal 1991; NICK RAIDER Dal 1988; TEX Dal 1948; ZAGOR Dal 1961; ZONA X Dal 1992; ALMANACCO Dal 1988
    Il Matto del vino sar? Maurizio Chiappone. Nato a Nizza Monferrato (1941) in una famiglia di viticoltori.Si diploma alla ?Scuola Enologica? di Alba e poi ottiene la Laurea in ?Scienze agrarie? all?Universit? di Milano.Dopo l?abilitazione all?insegnamento della ?chimica e industrie agrarie? e quella all?insegnamento di ?viticoltura ed enologia?E’ Professore (dal 1965 al 1972) alla Scuola Enologica di Alba, di chimica e industrie agrarie e, in seguito di viticoltura ed enologia. Viene nominato ?Amministratore? presso la ?Divisione del Vino? dalla Direzione Generale dell?Agricoltura della Commissione della CEE (1973) e dal 1982 ?Amministratore Principale? presso la stessa ?divisione? incaricato della gestione del mercato interno. Dal 1991 ? responsabile dell?Unit? ?Promozione dei prodotti agricoli?. Dal 1993 ? responsabile della Divisione ?Vino Alcool e prodotti derivati?. Infine dal 2002 al 2004 ? Consigliere della Direzione per la Qualit? dell?insieme dei prodotti agricoli.
    Il Matto della Letteratura sar? Luca Ragagnin
    Luca Ragagnin ? nato a Torino nel 1965. Scrive poesia, prosa e testi di canzoni.
    Ha esordito nel 1996 con le sillogi Piccoli crolli sinfonici (Scheiwiller, Premio Montale per l?inedito) e L?angelo impara a cadere (Crocetti). I suoi libri sono Adone fatto a pezzi (Amadeus, 1997), Anime pixel (Fermenti, 1998), Fabbriche Lumi?re (Bompiani, 1998, Premio San Domenichino), Pulci (peQuod, 1999), Biopsie (Manni, 2000), Il piccolo libro degli addii (Bompiani, 2000), L?nkati Stockhausen (Portofranco, 2001), Marmo rosso (Oedipus, 2003), La balbuzie degli oracoli (Manni, 2003), Canzoni da mangiare (Il leone verde, 2003), Videre Leviter (No Reply, 2004) e, con Enrico Remmert, Elogio della sbronza consapevole (Marsilio, 2004).
    Tra i musicisti con i quali ha collaborato ricordiamo Subsonica, Delta V, Bluvertigo, Furio di Castri, Luca Morino, Gatto Ciliegia contro Il Grande Freddo, Dan Solo. www.lucaragagnin.it
    I nomi di questi nuovi ?Matti? (il Premio prende il nome da una carta dei tarocchi diventata etichetta per la Barbera ed il Cortese del Monferrato), andranno ad aggiungersi nell?albo d?oro a personaggi come Zdenek Zeman, Marco Pannella, Edoardo Raspelli, Bruno Gambarotta, Emilio Fede, Luciana Littizzetto, Oliviero Beha, Enrico Beruschi, Antonio Ricci, scrittori come Nico Orengo ed Enrico Remmert, produttori vinicoli (dal ligure Pippo Parodi a Barbara Incisa della Rocchetta), scienziati come Ettore Vitali e Giorgio Calabrese. <
    PierGiorgio Scrimaglio nato ad Asti il 15 Luglio 1960 si definisce un “vero matto”,
    La sua provenienza e formazione nel settore pubblicitario gli ha permesso di portare con sé in azienda l?esperienza maturata nel marketing internazionale.

    Inventa il Matto nel 1995 ed il relativo premio nel 1997.Presiede il Consorzio Il Sogno”:che produce e promuove dall’annata 1998 una Barbera d’Asti prodotta con Fontanafredda e le cantine sociali di Vinchio e Vaglio Serra e Nizza Monferrato, firmata da Giuliano No? (Enologo dell’anno 2005 Slow Food). Nel 2000 lancia il concept wine NoCork successo internazionale con chiusura tappo corona. Nel giugno 2003 ? protagonista di un intervento in Aula Magna davanti a 480 studenti di architettura del corso di sociologia dei processi di comunicazione all’Universit? ?La Sapienza? di Roma. La sua relazione verteva su ?La progettualit? del vino?. Un lavoro complesso in cui, dopo aver compiuto un approfondito studio sulla storia dell’uva nel percorso dell’umanit?, Scrimaglio ha inserito accenni di tecniche agronomiche, analisi e strategie dei mercati mondiali.

    Nel Dicembre 2003 diventa sponsor degli eventi LifeStyle Fiat ed al Motorshow 2004 lancia la linea vini Heritage Fiat.

    Nel 2004 ulteriore concept line NoWood rivolta ai wine bar pi? esclusivi.

    PierGiorgio Scrimaglio nel 2005 ha creato Fashion Wines, linea esclusiva di vini dedicati ad operazioni co-marketing di brand extension con Aziende protagoniste nel mondo della Moda e del Design

    Clienti : Alessi,Gruppo Fiat, Bond, Mustique, Museo della Lana Biella, Stefano Cecchi Records

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook