• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’archivio informatico di al qaeda
    28
    lug.
    2005

    L’archivio informatico di al qaeda

    Condividi su:   Stampa

    da www.corriere.it On line l'ultima trovata del terrorismo per cercare nuovi adepti in Iraq. Gli esperti: ?Un network a basso costo e inattaccabile?. Migliaia di documenti, di video. Una miniera di notizie nascosta in Rete, con la descrizione dei campi di addestramento dei mujahidin, biografie dei martiri, rubriche di proselitismo, le immagini degli attacchi contro convogli e posti di blocco americani, testimonianze di prigionieri che incitano i compagni a proseguire la lotta contro i crociati e gli apostati. E poi ancora le riviste del gruppo di Al Qaeda in Iraq e perfino alcune lettere del super ricercato giordano Abu Mussab Al Zarqawi.

    LA BANCA DATI DEL TERRORE – Scovarlo in mezzo a tre miliardi di pagine web in circolazione ? una vera impresa, ma una volta che si riesce a entrare nel manuale online della Jihad, si possono scoprire tutti i trucchi per arruolarsi nella battaglia contro il nemico Occidente. ? il libro elettronico che diffonde il terrore occultato tra le pieghe della Rete, attivo da appena un mese. A rivelarlo ? il ?Sole 24 Ore?, che ? riuscito a penetrare nelle pagine della ?sezione informatica di Al Qaeda in Irak?.

    LA RICERCA SUL WEB – ?Si sospettava da tempo l’uso di tali strumenti – afferma il quotidiano economico – ma il vero problema ? individuarlo. Per trovarlo bisogna infatti sapere dov’? o capitarci per caso?. L’entrata nel libro elettronico ? stata possibile sfruttando la conoscenza di un informatico che ? riuscito ad individuare una parola chiave in arabo, accompagnata da una sigla. Isolata e poi digitata su Google, questa parola dava come risultato tre pagine web. Due delle pagine trovate sono giapponesi e i loro proprietari non sospettano minimamente cosa sia stato inserito nel loro spazio web, l’altro sito ? un forum islamico dove il libro ? presentato come ?un nuovo programma per la diffusione delle ultime informazioni sulla Jihad, se Dio vuole?.

    I VIDEO DEI MARTIRI – Una volta dentro ci si imbatte in una marea di documenti. Una sezione raccoglie le rivendicazioni del gruppo di Zarqawi e delle cellule di Asnar al-Sunna, che solitamente opera nell’Irak settentrionale. Alcuni zip rimandano a forum islamici, poi c’? una sezione video, alcuni artigianali, altri sofisticati. Le azioni di martirio sono impressionanti, a volte indulgono in particolari crudi.

    AGGIORNAMENTI – La rete islamica dell’informazione – spiega il Sole – ? tutt’altro che un gruppo di dilettanti. Secondo gli esperti, dietro al libro segreto esiste una corposa redazione. A distanza di poche ore il testo viene infatti integrato anche con 15 pagine, in arabo, con gli ultimi aggiornamenti della giornata.

    NUOVI ADEPTI – Ma qual ? la funzione del libro del terrore? Secondo l’inchiesta del Sole 24Ore, la rete non servirebbe ad Al Qaeda per per portare a termine nuovi attentati. In questo caso i terroristi preferirebbero il passaparola, i biglietti a mano. ?Ma ? grazie alla rete – specifica il quotidiano – che si raccolgono nuovi adepti pronti a combattere la Jihad. ? grazie alla rete che i terroristi possono valutare l’estensione del terrore globale e scambiarsi informazioni?. ?Una sezione del sito – conclude il quotidiano – ? dedicata alle nuove tattiche per bucare i siti, offre programmi per scaricare i contenuti?. Insomma il terrorismo islamico ha trovato nella Rete un utilissimo strumento di proselitismo e comunicazione globale a bassissimo costo. E per giunta inattaccabile. L’identit? sia dei terroristi sia dei simpatizzanti che scaricano o inseriscono materiale ? molto protetta, a prova di hacker.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook