• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Ricucci e gnutti non vanno in tribunale
    04
    ago.
    2005

    Ricucci e gnutti non vanno in tribunale

    Condividi su:   Stampa

    da www.corriere.it Dovevano essere interrogati sulla vicenda della scalata di Antonveneta L'avvocato dell'immobiliarista: ?Il mio cliente intende avvalersi della facolt? di non rispondere? MILANO - Stefano Ricucci ed Emilio Gnutti hanno deciso di non presentarsi a Palazzo di Giustizia di Milano. Entrambi erano stati convocati dal gip Clementina Forleo nell'ambito dell'inchiesta sulla scalata di Antonveneta. All'interrogatorio avrebbero dovuto partecipare anche i due pm titolari dell'inchiesta Eugenio Fusco e Giulia Perrotti.

    MEMORIA DIFENSIVA – ?Mercoled? abbiamo fatto presente al Giudice Forleo – spiega l’avvocato di Ricucci Corso Bovio – che il mio cliente intendeva avvalersi della facolt? di non rispondere. Presenteremo una memoria difensiva dopo aver letto i quattro faldoni che compongono gli atti delll’inchiesta che allo stato sono alti circa 35 centrimentri?.
    La memoria comunque non verr? presentata prima di alcune settimane. ? poi possibile che anche gli altri ‘concertist? non si presentino dal giudice Forleo.
    ANCHE GNUTTI NON SI PRESENTA – Anche il finanziere bresciano Emilio Gnutti non si presenter? dinanzi al gip Clementina Forleo per l’interrogatorio di garanzia. Lo ha detto il suo legale, Giuseppe Frigo, spiegando che ?presenteremo una nota scritta in cui specificheremo che la complessit? del materiale probatorio, 24 faldoni, richiede tempo per la sua cognizione e valutazione?.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook