• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > La risposta di wind alle esigenze del mondo…
    05
    set.
    2005

    La risposta di wind alle esigenze del mondo…

    Condividi su:   Stampa

    Ogni volta che mi vedo indotto a dichiarare la mia condizione di disabile inchiodato su di una ?sedia a rotelle? avverto tutto il peso della mia disgrazia. Anche perché ? diverso l?atteggiamento che mi rivelano le persone che mi circondano.

    C?? chi comprende quanta poca responsabilit? hanno gli ammalati nei riguardi delle proprie patologie; c?? chi ostenta piet?, chi commiserazione; c?? anche chi scansa, evita il rapporto col disabile quasi fosse un colpevole emarginato.
    Non so quale atteggiamento attribuire agli amministratori della Wind, gestore della telefonia mobile. I fatti che vi riassumo mi dimostrano che non ? certo un atteggiamento tra i migliori.
    I fatti.
    Abito in un paesino posto sul declivio di una valle, ?coperto? dalla maggior parte dei segnali di telefonia mobile. Anche Wind godeva di eccellente copertura fino all? 8 giugno scorso.
    Sollecitato ad assicurarmi il contatto continuo e costante col telefono di casa ogni volta che mi concedevo l? ?ora d?aria?, ho utilizzato la scheda Sim di questo gestore: il mio rapporto di fiducia ? testimoniato dal credito di oltre 100 Euro che giace nelle casse di Wind, tutto intero; inutilizzato ed inutilizzabile, tuttavia.
    Da quella data, non c?? pi? ?campo? nell?ambito del comune entro i cui limiti (e non certo oltre!) vengo trasportato dalla carrozzina elettronica.
    Ho perduto la tranquillit? di poter essere soccorso su richiesta da cellulare in caso di malori, di frequente forature di gomme o per esaurimento imprevedibile delle batterie che alimentano la carrozzina.
    Tante ragioni mi hanno indotto a scrivere alla Wind per chiedere quale soluzione adottare per vedermi ripristinato il servizio. In alternativa, il rimborso del credito
    quale soluzione pi? onesta.
    Ecco la cronistoria dei miei contatti col gestore telefonico:
    - 19 giugno (ore 10,53) fax all? 800 91 58 44 Wind per comunicato della disabilit? e della necessit? di comunicare con familiari nell?ambito del Comune.
    - 29 giugno interpellanza al 155: mi viene richiesta fotocopia della Tessera Identit? e del Codice Fiscale per disporre il rimborso del credito.
    - 30 giugno (ore 14,29) fax con le fotocopie richieste
    - 13 luglio (ore 8,39) risponde Wind (Alessandro) che assicura un sollecito alla soluzione del problema
    - 26 luglio (ore 15,48) Telefona Wind (Baldina) per chiedere ?quale opportunit? ho di utilizzo della carta Sim?. Risposta: ?dovrei spostarmi nella parte alta del paese ogni volta che ho bisogno di aiuto o assistenza?
    - 9 agosto (ore 15 ca) Promessa di riattivazione del servizio ?a breve? e contemporaneamente la raccomandazione di chiedere tra 9 mesi una proroga per convalidare la validit? del credito; tanto per intuire quanto ?a breve? sarebbe stato possibile il ripristino della ricezione segnale !
    Il fatto grave ? che per oltre tre mesi il mio cellulare ? muto con le conseguenze ed i disagi ipotizzabili per chi non gode dell?autonomia di muoversi in carrozzina.
    Il senso di questo sproloquio ? uno solo: suggerirmi la soluzione pi? efficace per ottenere il rimborso di Euro 109 corrispondente al mio credito.
    Stavolta non uso toni concilianti. Perdo stima e fiducia nella Wind che, mentre pubblicizza regali, piani tariffari vantaggiosissimi per i clienti vecchi e nuovi, si rivela inspiegabilmente taccagna con me che ho riposto fiducia e danaro nelle sue mani.
    E non mi si venga a dire che ?da informazioni assunte? la zona ? coperta dal segnale. Lo sar? anche, ma solo e sempre nella parte alta del paese ove per disgrazia non abito né posso recarmi a telefonare? io.
    Per questo motivo invito timidamente Wind a rispondermi, non foss? altro che per esprimermi solidariet? umana. Virt? che mi fa ancora tanto bene.
    E? promessa giurata che, se entro un mese non ricever? l?ambito rimborso, oltre ad interessare al mio caso la stampa ed i mass media, ricorrer? agli organi di tutela diritti dei consumatori, al Garante per le telecomunicazioni o al Giudice di pace per il risarcimento dei danni.
    Francesco De Nunzio

    Da Internet:
    ?Wind ? il primo operatore telefonico italiano in grado di offrire servizi di comunicazione convergenti di telefonia fissa, telefonia mobile e Internet. .. Con Wind hai sempre un’offerta … e funzionalit?: la risposta Wind alle esigenze del mondo?.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook