• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Denuncia per violazione di privacy
    10
    nov.
    2005

    Denuncia per violazione di privacy

    Condividi su:   Stampa

    Amico Beha devo fare una denuncia alla Polizia Postale per segnalare la violazione della privacy via internet sul mio computer ma non conosco l'indirizzo dove spedire la lettera qui' sotto allegata. Conosci l'indirizzo e-mail della Polizia Postale dove la devo spedire ? grazie R.P. ------------ Cliccando su questo link avr? a disposizione tutti i recapiti e-mail della polizia postale ------------ Spett. Ufficio di Polizia Postale Mi rivolgo a voi e di conseguenza all'Autority per chiedere come procedere per denunciare continue intrusioni da parte di "ignoti" (per ora) nel mio computer...

    Da un po’ di tempo a questa parte noto chiaramente che qualche malintenzionato “visita” spesso (quasi tutti i giorni) le mie numerose cartelle dove conservo dati sensibili. La cosa mi da molto fastidio anche perche’ tra i dati sensibili ci sono anche quelli alla mia condizione di invalido civile (lettere scritte o ricevute dalla ASL, dall’IMPS con dati personali e delicati ecc.) Viene visitata la cartella “documenti” e vengono anche controllate la posta in arrivo e la posta inviata da me. Utilizzando il mio programma FTP, “files transfer protocoll”, quello che uso per trasferire i files su un Portale Internet contenente ben cinque siti con relativo sottodominio appartenenti ad altrettante persone che pagano per questo servizio, questo hacher e’ in grado di modificare le pagine del Portale come e quando vuole. Mi e’ capitato di dover cancellare e anche in “fretta” certe sue modifiche pericolose (considerazioni politiche o religiose) che potevano essere attribuite a me stesso in quanto gestore del Nome a Dominio con estensione .it Ho teso una “trappola” e credo di essere riuscito ad individuare la provenienza delle intrusioni. Nella cartella documenti ho messo un link puntante ad un piccolo sito che non viene indicizzato da nessun motore di ricerca (quindi per aprire quel sito bisogna per forza farlo partendo dalla cartella documenti. Dove c’e’ il link”trappola”, appunto. Su quel piccolissimo sito, (praticamente una sola pagina web), che mi serve come “rimando” al Portale principale, c’e’ un contatore di accessi che fino a ieri 8 novembre 2005 segnava zero. L’hacher evidentemente e’ andato ad aprire la cartella documenti e, trovando quel link ci ha cliccato sopra finendo dritto dritto su quel sito “trappola” ed ha lasciato cosi’ il segno del suo “passaggio”.Si tratta di un contatore Schynistat FREE e quindi non e’ possibile da parte mia visualizzare l’IP dinamico di quell’hacher. Pero’ ho notato che utilizza Windows 2000 ed il suo provider e’ Interbusiness (Telecom), ho anche segnato l’ora della sua “involontaria” visita (non era a conoscenza del rischio a cui andava incontro) e corrisponde alle ore 11,15 e 23 secondi dell’8 novembre 2005. La stessa cosa ha fatto alle ore 11,15 e 35 secondi (poco dopo) sul Portale principale. Anche sul contatore del Portale c’e’ il contatore di accessi e su questo contatore sono visibili IP, Provider, ora, minuti e secondi. Anche qui’ il suo Provider e’ Interbusiness (Telecom) C’e’ anche il sistema operativo che e’ lo stesso , Windows 2000. Si leggono anche gli IP che ha utilizzato lo stesso personaggio in piu’ visite e sono : 80.20.50.32, 80.20.50.47, 80.20.50.35. L’ultimo IP corrispondera’ sicuramente a quello che non si puo’ leggere sul contatore Schynistat FREE che c’e’ su quel piccolo sito “trappola”.Altri dati di cui dispongo per l’eventuale indagine (da parte dell’Autoryti) sono :

    ARPA-LOMBARDIA, Host 35-50. pool 8020.

    Bisogna solo chiedere a Schynistat l’IP non visibile (per accertarsi della corrispondenza con gli IP leggibili sul Portale principale) e tramite la Telecom si risalirebbe direttamente a quello che per me e l’hacher “intrusore”. Quello che entra ed esce dal mio computer quando gli pare modificando cio’ che desidera ed entrando addirittura sul Portale principale (sono un web master) utilizzando USER e PASSWORD che si trovano, ovviamente, visibili sul programma FTP. (Potrei anche sbagliarmi ma le coincidenze sono troppe e percio’ credo proprio di NON sbagliarmi). Ci sarebbero anche mole altre cose da dire ma la lettera sarebbe troppo lunga e dunque mi fermo qui’. Come posso fare per denunciare queste intrusioni da parte di “ignoti” (per ora) e quindi la continua violazione della mia privacy ? Trovo la cosa di un’estema gravita’ ed e’ per questo che intendo far aprire un’indagine piu’ approfondita da parte della Polizia Postale. Bisogna anche tener presente che io non posso recarmi di persona presso l’Ufficio di Polizia Postale in quanto sono seduto su una sedia a rotelle. Come fare ?

    grazie. Roberto Porcellana – Asti

    +++++++++++++++++++++++++++

    Mi rivolgo alla Polizia Postale per chiedere a chi si deve fare la denuncia ma non conosco l’indirizzo della Polizia Postale stessa !

    Ecco perche’ ho scritto a te, Beha.

    +++++++++++++++++++++++++++

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook