• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Finanza creativa e mobbing
    11
    nov.
    2005

    Finanza creativa e mobbing

    Condividi su:   Stampa

    Quando l?azienda licenzia un dipendente ?scomodo?, colpevole di aver denunciato una clamorosa ?frode? ai danni dei consumatori Ha denunciato l?alterazione, da parte della Compagnia d?assicurazione da cui dipendeva, dei dati relativi ai sinistri e di risarcimenti ?gonfiati? a vantaggio di alcuni ?fortunati? ed a danno dei molti consumatori.

    Ha denunciato la politica della Compagnia d?assicurazione che aveva fissato per ogni dipendente degli obiettivi da raggiungere in termini di numero di sinistri, loro liquidazione e aperture pratiche. Ha denunciato chi imponeva ai dipendenti di alterare i numeri e i dati delle pratiche, aprendo anche due posizioni per sinistro per lo stesso incidente, pur di raggiungere il traguardo prefissato.
    Contro questo dipendente ? cominciato, prima, il mobbing e poi si ? passati al licenziamento.
    Questa ?, in sintesi, la storia di Giovanni D?Agata, un altro caso di mobbing ?paramafioso e violento? nella ?tranquilla? provincia italiana.
    Ci troviamo a Lecce, negli uffici di una delle sedi della ben nota compagnia d?assicurazioni, La RasService S.c.p.a. Ed ? qui che Giovanni D?Agata, ex ufficiale dei carabinieri e funzionario liquidatore presso quell?agenzia, ha sporto la sua denuncia contro la ?finanza creativa? dell?ufficio. Sono subito partite le indagini degli inquirenti: il pm della Procura di Lecce, Imerio Tramis, ha aperto un fascicolo d?inchiesta sull?intera vicenda, che poi ? stato trasmesso anche alla Procura di Milano, perché nel capoluogo lombardo si trova la sede legale della compagnia di assicurazioni. Gli avvocati di Giovanni D?Agata, Carlo Madaro e Piergiorgio Provenzano, hanno anche presentato un esposto all?Autorit? Garante della Concorrenza e del Mercato del cui esito ancora non abbiamo notizia. Di pi?, secondo quanto sostengono gli avvocati dell?ex funzionario, gli atti dell?inchiesta porterebbero alla scoperta di un cartello di compagnie che opera in maniera truffaldina ai danni degli utenti.
    La storia di mobbing di Giovanni D?Agata s?inserisce in questo contesto assai complesso, di denuncia di gravi abusi e di inchiesta sugli estremi di associazione a delinquere finalizzata ai danni dei consumatori. Un bel melting pot all?italiana: accusa di estremi di reato, mobbing e poi un licenziamento iniquo.
    La storia dell?ex funzionario parte da molto lontano, ed ? quella di una professionalit? solidamente costruita attraverso gli anni, con molta esperienza. All?et? di ventidue anni, nel 1978, Giovanni entra per la prima volta nella struttura di un?assicurazione come libero professionista, per poi essere assunto nel 1986, con contratto a tempo indeterminato, prima come liquidatore e poi come responsabile dell?ufficio. Il suo ruolo prevedeva le specifiche mansioni di ispettore liquidatore della zona di Lecce e provincia, reggendo da solo e senza l?ausilio di impiegati amministrativi, anche parte della provincia di Taranto e Brindisi.
    In seguito ai grandi accordi di fusione tra le compagnie assicurative (Allianz Subalpina spa e Ras spa), Giovanni D?Agata viene integrato nella nuova struttura lavorativa della RASSERVICE alle dipendenze di un supervisore di provenienza Ras, e responsabile dell?intero ufficio.
    I rapporti tra Giovanni e il suo superiore sono entrati subito, irrimediabilmente, in conflitto; al primo veniva contestata l?uscita dall?ufficio, secondo gli orari contrattuali, ed intimato di proseguire fino a tarda sera anche il venerd?. Nel contempo, egli si rese conto che qualcuno visionava le sue pratiche sulla scrivania, lasciandole poi deliberatamente in disordine affinché lui se ne accorgesse.
    Lo scontro maggiore ci fu, poi, quando il capo ufficio tent? di imporgli quelle procedure ?farraginose? e non conformi alla tecnica liquidativa e su cui stanno indagando due Procure. In pratica, attraverso aperture fittizie di sinistri, omessa chiusura di incidenti liquidati e imputazione di pagamenti alterati, si cercava di migliorare, sotto il profilo strettamente matematico e statistico i risultati dell?agenzia. Inutile dire, che ad un secco rifiuto a tali procedure da parte del funzionario, i suoi rapporti con il capo entrarono definitivamente in collisione.
    Oltre al mobbing ci? che si stava evidenziando erano gli estremi di una clamorosa frode ai danni della collettivit?.
    ?Ci? che va ricordato ? che tali manipolazioni, se eseguite a livello generale, possono provocare conseguenze a catena, che incidono sul mercato delle assicurazioni, ricadendo sul consumatore, che pu? giungere cos? a pagare premi pi? alti di assicurazione?, sottolinea l?avvocato Provenzano.
    Giovanni cap?, subito, che questa storia presentava contorni ben pi? gravi, a chiaro sfondo penale, ed inizi? ad annotare sul suo taccuino le altre procedure che venivano ?viziate? all?interno dell?ufficio. Come ad esempio, il pagamento ai medici fiduciari, al di sotto di quanto stabilito dalla legge.
    La sua posizione divenne cos? scomoda da gestire che, ad un certo punto, gli vennero addirittura revocati tutti gli incarichi e sospese tutte le pratiche. Questa notizia lo port? al collasso e all?immediato ricovero in ospedale, dove gli venne diagnosticata una ?grave sindrome depressiva reattiva?. Per questa malattia, Giovanni si assent? dal lavoro per pi? di tre mesi. Si sottopose ad una serie di accertamenti medici, sia psicologici che psichiatrici, che sottolinearono la ?correlazione causale con situazioni lavorative avversative del Mobbing?, ricorda il dott.Benfatto che fece la diagnosi di ?disturbo post traumatico da stress?.
    Giovanni D?Agata rientr? al lavoro nel settembre del 2002 e si ritrov? a non avere alcun incarico da lavoro e nessuno, all?interno dell?ufficio, era disposto a fornirgliene alcuno. Anzi, come da manuale del mobbing, le uniche pratiche che gli venivano attribuite erano le semplice fotocopie delle pratiche altrui.
    Arriv? il momento della denuncia presso la Procura di Lecce e Giovanni D?Agata venne anche convocato presso la sede di Milano, dove, apparentemente, fu ringraziato per aver dato comunicazione dei fatti che accadevano negli uffici di Lecce.
    Ma si tratt? di un bluff: Giovanni rientr? in ufficio e si scontr? nuovamente con il suo capo per un banale episodio relativo ad una pausa caff? non autorizzata, e si ?merit?? addirittura quattro giorni di sospensione. Questo fatto provoc? altri gravi contraccolpi nel precario stato di salute di Giovanni, che si assent? dal lavoro per altri due mesi.
    E? evidente, in tutta questa faccenda, che sia l?azienda che il capo ufficio hanno svolto in egual misura da?elementi fortemente stressanti?, stigmatizzando di volta in volta i comportamenti del funzionario. E in quest?ottica hanno proseguito, nel tentativo di emarginarlo e di metterlo in chiara difficolt?, sino a portare Giovanni ad un ulteriore collasso ed a una lunga malattia.
    Rientrato al lavoro, il ?tunnel del mobbing? non era ancora arrivato in fondo: prima gli vennero affidate delle pratiche di agenzie non pi? esistenti e poi, vennero affisse in bacheca le valutazioni dei liquidatori comunemente utilizzate in quel settore(tempi di liquidazione, percentuale di scarico etc?.), dove, lui, chiaramente, risultava ultimo. Lo scopo di tale affissione, in altri termini, non era altro che l?ennesimo atto prevaricatorio e discriminatorio nei suoi confronti. Ma non l?ultimo.
    Last but not least Giovanni D?Agata ? stato, infine, licenziato. Ancora oggi, sta pagando le conseguenze di questo licenziamento e i contraccolpi psico-fisici che questo grave stato di tensione, vissuto in ufficio, hanno avuto sulla sua salute. La sua disavventura umana e professionale ha fortemente segnato la sua vita e quella della sua famiglia. A Lecce, attende, fiducioso, che la giustizia faccia il suo corso. Resta,quindi, ai giudici l?ultima parola.

    1 Commento a ?Storia di mobbing?
    1. carlo madaro:
    7 Novembre 2005 ore 06:34
    Il mobbing inferto al Sig. D?Agata Giovanni ? strategico di provenienza d?oltre oceano e sperimentato nella Enron (lo scandalo americano dove sono coinvolte soc. come la McKinsey e l?Andersen consulting: le stesse,non a caso,di questa storia.)
    Da ?American Lies? di Alessandro Spaventa:? In un libro uscito nell?ottobre del 2001 dal titolo THE WAR FOR TALENT, tre consulenti della Mckinsey descrivono l?elemento fondamentale che, a parer loro, distingue le aziende di successo: . Per la Mckinsey e i suoi epigoni il sistema, l?azienda, ? forte tanto quanto lo sono le sue star, i suoi talenti. Negli anni Novanta, la cultura del talento si diffonde a ritmi vertiginosi in tutta Corporate America. Le idee della Mckinsey, come sempre, diventano una bibbia, e Skilling ne ? uno dei profeti pi? entusiasti. Il suo staff arruola ogni anno centinaia di giovanissimi diplomati MBA, strapagandoli e promettendo loro opportunit? mirabolanti. , dichiara Ken Lay ai consulenti Mckinsey in visita alla sede della Enron a Houston, . Alla base della visione Mckinsey – e quindi della Enron – c?? un processo chiamato ? differenziazione e affermazione ? o, nella pi? volgare traduzione nel linguaggio enroniano, rank and yank, ovvero mors tua, vita mea. Il meccanismo ? spiegato con brutale chiarezza dagli autori di The War for Talent, secondo i quali una o due volte l?anno i dirigenti di un?azienda devono sedersi al tavolo e dividere i dipendenti in tre gruppi: A,B e C.Quelli del gruppo A devono essere stimolati e remunerati ben oltre il loro impegno. Quelli del gruppo B devono essere incoraggiati e aiutati. Quelli del gruppo C vanno rimessi in carreggiata oppure licenziati. Alla Enron, il sistema viene applicato quasi alla lettera. In ogni divisione, per due volte all?anno si riunisce il comitato per la valutazione dei risultati, che assegna a ciascuno dei dipendenti un punteggio da 1 a 5 sulla base di 10 differenti criteri. Ai primi in classifica vengono corrisposti bonus di due terzi superiori rispetto ai colleghi, mentre agli ultimi non spettano n? incentivi n? stock opsions. In certi casi, i dipendenti meno brillanti vengono semplicemente mandati a casa. Il sistema, apparentemente lineare, anche se crudele, ? in realt? una specie di prova di sopravvivenza, un attraversamento del Nilo su una corda sottile. A ispirare il meccanismo, infatti, ? la cultura del ?tagliafuori?, nella quale le fortune degli uni sono legate a filo doppio alle sventure degli altri. E? fin troppo facile immaginare che cosa succede quando al malcapitato di turno tocca essere esaminato dai colleghi mentre si affanna a spiegare i risultati semestrali sotto un tabellone sul quale campeggia la sua foto. Il sistema si presta anche a manipolazioni malevole. Pu? accadere che, per mettere qualcuno in cattiva luce, i membri del comitato cambino ad arte le cifre dei contratti. Spiega un ex dirigente della Enron: A causa della complessivit? dei calcoli, ci possono volere settimane prima di capire che cosa sia stato cambiato. Per allora o il contratto era gi? stato bocciato oppure venivi licenziato. CHIUNQUE NON ABBRACCI LA CULTURA DEL ? TAGLIAFUORI ? VIENE ETICHETTATO COME UNO CHE ?NON CI ARRIVA?, UNO ?SCOPPIATO?, UNO ?SCARTO? CHE VERRA? FATTO FUORI AL PROSSIMO GIRO. Le sessioni di valutazione diventano un incubo per i meno spregiudicati, per chi per un motivo o per l?altro non ce la fa, e soprattutto per chi non riesce a realizzare il budget assegnato da Lay, Skilling e Fastow al momento della definizione degli obiettivi. Chi non raggiunge la cifra prevista, quasi sempre fuori portata, corre il rischio di essere ?riposizionato?, ovvero, nel linguaggio enroniano, di essere spostato presso un altro dipartimento, per poi essere sottoposto a una nuova decisione?.
    Da quello che emerge dalla lettura dell?emistichio tratto dal citato libro del Prof. Spaventa, il mobbing subito dal Sig. D?Agata ? spietato e conseguente alle denuncie di irregolarit? poste in essere, presentate all?autorit? giudiziaria scaturite dai valori che lo contraddistinguono. Attendiamo l?esito delle decisioni che il Gip di Lecce sta per intraprendere in questi giorni circa il rinvio a giudizio per lesioni colpose ed altro a carico del capo ufficio e forse di altri.

    ————
    BehaBlog ringrazia CARLO MADARO

     commenti
    Commenti
    239
    Lascia un commento
    Gilbert Chitwood .
    20/03/2012 alle 08:56
    We are a lot of volunteers and also opening a brand new scheme within our community. Your site provided us all with helpful information to paintings on. You have done an amazing job as well as our complete group might be grateful to you personally.
    fotografia ślubna katowice .
    20/03/2012 alle 08:17
    It's hard to find knowledgeable people during this topic - http://www.olivierobeha.it/articoli/2005/11/1319n, but you sound like guess what happens you're talking about! Thanks. fotografia ślubna katowice
    Cyrus Kurisu .
    20/03/2012 alle 05:50
    You're so awesome! I don't think I've read through a single thing like this before. So nice to discover someone with some unique thoughts on this subject. Really.. thanks for starting this up. This web site is something that is needed on the web, someone with some originality!
    Chang Spragg .
    20/03/2012 alle 02:52
    This can be a excellent site, might you be interested in doing a good interview regarding how we created that? If therefore e-mail me!
    Douglass Mauter .
    20/03/2012 alle 02:39
    An newsworthy communication will probably be worth observe. I cogitate that you should pen solon about this subject, it energy not be a sacred content but mainly grouping aren't enough in order to utter on much subjects. To your succeeding. Cheers such as your Khmer Karaoke Megastars .
    Beau Netti .
    20/03/2012 alle 02:16
    I required to compose a person this small note in an attempt to give thanks just as before for those pleasing tactics you've contributed right now. It was simply incredibly generous of that you deliver unhampered exactly what numerous people might have offered on the market for an guide in producing some profit for their own end, mostly given that you may have tried it in case you considered required. Those guidelines additionally served like a good way to understand that other people have much the same eagerness just like my own to determine great offer more associated with this situation. I am certain that there are many more fun sessions ahead for many who read your site post.
    find jobs hiring now .
    19/03/2012 alle 21:01
    Congratulations for posting such a useful blog. Your blog isn't only informative but also extremely artistic too. There usually are extremely couple of individuals who can write not so easy articles that creatively. Keep up the good writing !!
    cheap travel around the world .
    19/03/2012 alle 19:31
    thank you for all your efforts that you have put in this. Very interesting information. "Hold faithfulness and sincerity as first principles." by Confucius.
    japan style sklep .
    19/03/2012 alle 19:00
    Great post. I was checking constantly this blog and I am impressed! Extremely helpful information specially the last part :) I care for such info a lot. I was seeking this certain info for a long time. Thank you and good luck.
    Discounts Gucci Sunglasses Purple .
    19/03/2012 alle 18:04
    As a Newbie, I am permanently browsing online for articles that can benefit me. Thank you
    Emelia Vicioso .
    19/03/2012 alle 14:58
    I?¯d been keen on this information. I'm just publishing a paper for college and I hope you do not thoughts if I use several of the details in right here. I'm going to put your blog as my supply. Thank you
    preis tief .
    19/03/2012 alle 10:21
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    program do pitów 2011 .
    19/03/2012 alle 09:43
    Excellent goods from you will, man. I have understand your stuff before and you are just simply too great. I really like whatever you've acquired on http://www.olivierobeha.it/articoli/2005/11/1319n, really like what that you're stating and just how you say it. You make it entertaining and you also still care for to continue it smart. I can not wait you just read much more from you. This is actually a superb website. program do pitów 2011
    Julieta Katie .
    19/03/2012 alle 08:33
    I impressed, I must say. Seldom do I encounter a blog that抯 equally educative and interesting, and let me tell you, you've hit the nail on the head. The issue is something which not enough folks are speaking intelligently about. Now i'm very happy that I came across this in my hunt for something relating to this.
    seokatalog .
    18/03/2012 alle 23:50
    Tell me, don’t you have the impression that this blog is addictive? Well done!
    life insurance for over 50 .
    17/03/2012 alle 22:17
    I'm not sure exactly why but this blog is loading incredibly slow for me. Is anyone else having this issue or is it a problem on my end? I'll check back later and see if the problem still exists.
    handbags .
    17/03/2012 alle 21:54
    As we all know, trend developments come and go. What's in these days, upcoming week, or even following 12 months will adjust. Perhaps it's just me, but it appears to be as nevertheless the trends finally make total circle. It could get very a little bit of time, but what's in right now may go out of model, and then be again in style and all the rage 5 or 10 years later.
    campers world .
    17/03/2012 alle 19:16
    Nice advice and ideas, Thanks a lot! http://www.mycampingspot.com/
    Laczniki Ciesielskie .
    17/03/2012 alle 17:17
    Excellent beat ! I wish to apprentice while you amend your website, how can i subscribe for a blog website? The account helped me a acceptable deal. I had been tiny bit acquainted of this your broadcast provided bright clear concept
    Harga Notebook .
    17/03/2012 alle 11:45
    There is evidently a bundle to realize about this. I think you made certain nice points in features also.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook