• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Flat dial-up di telecom da bloccare subito
    01
    dic.
    2005

    Flat dial-up di telecom da bloccare subito

    Condividi su:   Stampa

    da www.punto-informatico.it Lo chiede Assoprovider al Tribunale di Milano con una procedura d'urgenza: l'offerta non ? replicabile, danneggia gli operatori e, sul lungo termine, anche i consumatori Nuovi guai per la flat dial-up di Telecom Italia, quella Teleconomy Internet che da settimane ? nel mirino di associazioni di operatori concorrenti e dell'Autorit? garante del mercato. L'associazione dei provider Assoprovider ha infatti chiesto l'intervento d'urgenza del Tribunale di Milano affinché l'offerta venga bloccata subito.

    La flat Telecom, che rivaleggia con certa telefonia via Internet, spicca tra tutte le offerte dell’azienda oggi sul mercato perché non ? replicabile dai concorrenti ed ? priva di una corrispondente offerta wholesale che consenta, appunto, ai competitor di Telecom Italia di offrire connettivit? alle medesime condizioni.

    Questo il tema della richiesta urgente di Assoprovider, che il Tribunale ascolter? in prima udienza il prossimo 14 dicembre.

    Nel ricorso per provvedimento d’urgenza ex art 700 predisposto dallo studio legale dall’Associazione si chiarisce come “l’offerta di accesso ad Internet in modalit? dial-up denominata Teleconomy, rivolta alla clientela finale con una tariffazione mensile flat rispettivamente di ? 10 per le linee analogiche RTG e di ? 19,2 per le linee ISDN, non abbia alcuna offerta wholesale equivalente rivolta agli operatori concorrenti, e dall’analisi dei profili economici e concorrenziali, risulta pertanto impossibile competere con offerte alternative, ostacolando cos? la realizzazione di reti e servizi da parte degli Internet Service Provider, a discapito della concorrenza e dei consumatori”.

    Il punto ? tutto l?, tanto per cambiare: Telecom la fa da mattatore, in questo caso bypassando anche l’orientamento dell’Autorit?, varando una flat con un modello di business che un tempo rifiutava e che ora si rivela prezioso per contenere anche le ambizioni dei provider minori. Il tutto, ricorda Assoprovider, significa minore concorrenza e quindi “come diretta conseguenza, la revisione della politica tariffaria a discapito degli stessi consumatori”.

    Assoprovider denuncia il fatto che Telecom non ha rispettato le indicazioni dell’Agcom “determinando un consistente danno economico all’insieme degli aderenti ad Assoprovider, come risulta dalla diminuzione del minutaggio complessivo dell’utenza free dial-up degli ISP associati e dall’oggettiva difficolt? di recupero della quota di mercato, che viene inevitabilmente perduta…”

    L’associazione fa anche notare come tutto questo arrivi dopo anni in cui le piccole imprese della connettivit? sono state letteralmente prese di mira e ostracizzate dalle politiche industriali e denuncia come questa novit? vada ad “influire notevolmente sulle gi? cattive condizioni di salute di una intera classe di PMI costrette a lottare quotidianamente per la sopravvivenza visti i continui abusi dell’Incumbent, la mancanza di controlli delle autorit?, e l’assenza di scelte politiche coraggiose in loro difesa”.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook