• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Rai: epurati senza pace, per beha solo un rimpiazzo es...
    03
    feb.
    2006

    Rai: epurati senza pace, per beha solo un rimpiazzo estivo

    Condividi su:   Stampa

    In Cda cresce malumore centrosinistra per i casi non risolti Roma (Apcom) - A viale Mazzini non c'? solo Michele Santoro ad aspettare il momento del rientro in servizio. Per Oliviero Beha, gi? vicedirettore di Raisport e conduttore del popolare 'Radio a colori', l'unica ipotesi di reintegro in piedi al momento ? una conduzione su Radiodue nel perdiodo estivo, nella fascia occupata di norma da Barbara Palombelli. Lui non ha rifiutato, dice, "sono un dipendente della Rai", ma la proposta non sana la sua situazione, e l'eco di questa come di altre vicende irrisolte di dirigenti e giornalisti senza incarico ? riecheggiato in questi giorni anche nel Cda della Rai.

    I consiglieri del centrosinistra si sono lamentati dell’inerzia delle direzioni e non ? escluso che tornino all’offensiva con il direttore generale sull’argomento, anche se dopo la spaccatura di oggi nel voto sulla par condicio il clima non favorisce iniziative unitarie del Cda.

    Beha non lancia proclami, ma non riesce a nascondere l’amarezza: “Io sono grato a Valzania (direttore dei programmi radiofonici, ndr) che mi ha offerto questa occasione, lo dico – precisa – senza ironia. Ma chiedo alla Rai: ho vinto gi? due ricorsi in Tribunale, ? questo tutto quello che l’azienda ha da offrirmi? Un riempitivo estivo? E fino a giugno che faccio?”.

    Il programma radio di Beha fu sospeso nel giugno 2004, dopo che gli era gi? stata tolta la vicedirezione di Raisport, “fui decapitato senza spiegazioni, senza alcuna motivazione ufficiale – ricorda il giornalista – dopo che ero andato a chiedere ragione al direttore generale di quanto si era detto in Commissione di Vigilanza sulle presunte malversazioni nella mia testata”.
    Ufficialmente, all’epoca ‘Radio a colori’ fu sospeso “perché era estate spiega Beha – e bisognava fare spazio alle Olimpiadi e ai Mondiali di calcio. E adesso, paradosso dei paradossi, mi offrono un programma d’estate. E io, vicedirettore di Raisport, lo dovrei fare durante i Mondiali di calcio. Capisco risolvere i problemi piano piano, ma qui nessuno ? eterno…”.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook