• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Libero adsl sotto un diluvio di proteste
    15
    feb.
    2006

    Libero adsl sotto un diluvio di proteste

    Condividi su:   Stampa

    da www.punto-informatico.itDa alcune settimane piovono in redazione segnalazioni di utenti Wind che accusano l'azienda di filtrare il traffico P2P senza dichiararlo ufficialmente. Una possibile conseguenza delle priorità associate al traffico broad bandRoma - C'è delusione e rabbia nelle parole di moltissimi utenti che da settimane stanno scrivendo a Punto Informatico ribadendo quanto già si può leggere su Usenet, ossia che la loro connessione ADSL con Libero-Wind si "pianta" quando utilizzano applicativi peer-to-peer."Scrivo - scrive Alessio D.L. - per segnalare uno scandaloso problema con la linea adsl Libero 4 mega flat dell'operatore telefonico Wind-Infostrada. Da qualche tempo a questa parte quando si usano software peer-to-peer la connessione risulta come "strozzata" e ciò comporta l'impossibilità di una normale navigazione web". "Da qualche mese a questa parte - ribadisce Emilio N. - la connessione risulta strozzata, in pratica appena si aprono dei programmi peer-to-peer, ossia per lo scambio libero di file personali e programmini gratuiti, tutto il traffico viene bloccato ed addirittura non si riesce a navigare".

    Le testimonianze dei molti che hanno scritto a PI sottolineano come chiudendo i software P2P la connessione torna a funzionare regolarmente, una particolarit? segnalata anche sui numerosi siti che in questi giorni stanno dando voce alla protesta degli utenti. A detta degli abbonati ai servizi di Libero, dunque, la mera attivazione di un programma P2P uccide la connessione, fatto che sembrerebbe contraddire le dichiarazioni che la stessa Wind rilasci? a Punto Informatico lo scorso novembre: “Da qualche giorno abbiamo attivato un engine che, in caso di traffico elevato, dà priorità a quello più prezioso per l’utenza residenziale: navigazione, posta, VoIP (…) a scapito del resto, per esempio del peer to peer. Però non credo che gli utenti possano protestare se, per un’ora al giorno, non riescono a scaricare gli MP3. Dopotutto, il regno del peer to peer è la notte, quando la banda è libera”. Parole, peraltro, che non sono piaciute ai molti che le citano in questi giorni, secondo cui sul peer-to-peer circolano moltissimi materiali del tutto legali. Ed è certamente vero che un numero sempre crescente di imprese si rivolge a protocolli come quelli usati in BitTorrent, per fare un esempio, per diffondere al meglio certi prodotti. Di interesse segnalare come, secondo molti utenti, l’assistenza di Libero avrebbe in pi? occasioni negato l’esistenza di filtri antiP2P, una posizione a cui ora si allinea la dichiarazione sulla Qualità del servizio appena pubblicata dall’assistenza di Libero secondo cui il P2P non viene in alcun modo filtrato. In tanti si appellano al contratto ADSL sottoscritto con l’azienda, un contratto che per? negli allegati tecnici specifica come il servizio permetta: “http (navigazione WWW), e-mail (Electronic Mail basata su SMTP) sia POP3 che IMAP4, news (accesso ai News Group), ftp (trasferimento bidirezionale di file)”. Non viene invece elencato tra le funzionalit? offerte il funzionamento delle piattaforme P2P, una clausola che qualcuno ipotizza Wind farà valere dinanzi alle contestazioni degli utenti che, come molti hanno dichiarato di voler fare, adissero le vie legali. Il contratto stesso, nel caso in cui un utente voglia abbandonare Libero e passare ad altro operatore, assegna delle penali, in quanto ha una validità base di un anno. Non è detto però che Wind in un eventuale giudizio intentato dai consumatori l’abbia vinta. C’è infatti chi ipotizza anche una violazione della privacy da parte dell’operatore dominante. “Queste limitazioni – scrive un lettore a Punto Informatico – vanno contro il libero uso che una persona fa della propria ADSL, e non per ultimo risulta infranto anche il diritto alla privacy, visto che analizzare il flusso dati di un cliente per capire quale programma è in esecuzione, e di conseguenza rallentarlo, è come spiare nella posta del vicino di casa”.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook