• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’iniquo meccanismo di riscossione di tributi no...
    28
    mar.
    2006

    L’iniquo meccanismo di riscossione di tributi non pagati attraverso il fermo veicolo presso il pra

    Condividi su:   Stampa

    Mi chiamo Amos Belvisi ed oggi ho ricevuto dalla BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA Concessionario del Servizio nazionale riscossione della Provincia di Grosseto un PREAVVISO FERMO VEICOLO come minaccia per indurmi a pagare tributi iscritti a ruolo per un credito di 1280,66 EURO da me non pagati, entro 20 giorni dalla data della raccomandata. Buona parte dell'importo si riferisce a mancato pagamento del CANONE RAI che io non pago da diversi anni per ragioni di principio: abbiamo fatto un referendum in cui abbiamo dichiarato a grande maggioranza che volevamo una TV di Stato privatizzata (quindi senza canone e con sola pubblicita'). Se i vari governi non hanno provveduto perche' io cittadino devo essere penalizzato con un atto amministrativo cosi' pesante (il fermo del veicolo iscritto al Pubblico Registro Automobilistico, che determina il divieto di circolazione e, al contravventore, la multa da 656,25 a 2628,15 EURO e la confisca del mezzo )?

    Ma la perla del preavviso di fermo veicolo e’ la richiesta di pagamento della quota associativa al mio Ordine dei Medici per il 2001 da me invece regolarmente pagata e di cui posseggo la ricevuta postale. Mi domando quindi se ci sia anche malafede nel servizio di riscossione, se ci siano cartelle PAZZE che possano colpire indiscriminatamente noi cittadini che non sempre conserviamo cosi’ a lungo le ricevute di pagamento. E mi domando (visto che per questi piccoli tributi sono stato vessato cosi’ duramente con l’eventuale sequestro di un bene, l’auto, del valore di 11.000 EURO e con la quale svolgo la mia professione di medico di famiglia) cosa mi sarebbe successo se avessi tentato di corrompere un giudice o un finanziere o avessi costituito fondi neri all’estero? Sarei stato fucilato oppure sarei divenuto presidente del consiglio?
    Un triste saluto da uno strano paese.
    Belvisi Dr AmosGrosseto
     
     

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook