• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Opec: crescita economica mondiale a rischio
    19
    apr.
    2006

    Opec: crescita economica mondiale a rischio

    Condividi su:   Stampa

    da Corriere.itPer l'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, l'alto prezzo del greggio rallenta lo sviluppo delle economie industrializzateLa crescita economica mondiale è a rischio per l'incremento del prezzo del petrolio. Ma, paradossalmente, proprio la possibilità che l'economia rallenti sta spingendo l'Opec a tagliare le previsioni di consumo del greggio e quindi indirettamente a tenere alti i prezzi. L'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio ha tagliato infatti le stime di crescita della domanda mondiale sulla scia del rallentamento della domanda Usa nei primi tre mesi dell'anno. È quanto si evince dal report mensile del cartello, che evidenzia come le incertezze economiche spingono a ritenere essenziale il miglioramento della trasparenza nel calcolare la futura domanda mondiale per i prossimi anni. Ciò, sottoliena l'Opec, costituirá uno dei punti focale di discussioni nel corso del prossimo vertice in programma a Doha questo week end. L'Opec ha rivisto al ribasso le stime di crescita mondiale a 1,42 milioni di barili al giorno, rispetto ai 1,46 milioni stimati nello scorso report.

    DOMANDA MONDIALE – Complessivamente il cartello prevede una domanda mondiale pari a 84,53 milioni di barili al giorno. Lo studio pubblicato oggi è in linea con quello diffuso la scorsa settimana dall’International Energy Agency, che ha tagliato, seppur di poco, le previsioni sulla crescita della domanda di oro nero, aggiungendo però che le deludenti performance dei paesi produttori al di fuori dell’area mediorientale aumentano il bisogno di greggio proveniente dal circuito Opec.
    TREND RIALZISTA – Secondo gli analisti il trend rialzista è destinato a durare. Gli esperti di BNP Paribas evidenziano il fatto che l’oro nero stia registrando nuovi massimi in un periodo tradizionalmente considerato tra i più deboli sul fronte della domanda. Ciò suggerirebbe un significativo rischio al rialzo per i prezzi una volta che partirá la ‘driving season’ negli Usa. Anche sul fronte geopolitico gli scenari non promettono bene. Stamane il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha messo in guardia la comunitá internazionale che l’Iran «taglierá le mani dei qualunque aggressore», aggiungendo che il paese mediorientale è «equipaggiato con la più moderna tecnologia».
     
     

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook